il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

O.N.U.

O.N.U.

(24 Settembre 2011) Enzo Apicella
In discussione all'Onu la richiesta di adesione della Palestina. Israele oppone il proprio "diritto" a colonizzare i territori palestinesi.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Esraa, quotidiane sparizioni egiziane

(7 Luglio 2015)

esraa

L’avvocato Al-Baqr che si sta occupando della difesa legale della fotoreporter egiziana Esraa al-Taweel, ha dichiarato al Daily News Egypt, fra i pochi quotidiani che trattano il tema: “Solo dopo la comunicazione ai familiari che Esraa era rinchiusa nella prigione femminile di Qanater abbiamo potuto ricevere sue notizie e incontrarla. La ragazza sosteneva d’aver dormito, mangiato e risposto a serrati interrogatori restando sempre bendata”. Insomma le è stata applicata la “cura Sisi”, neppure nella versione più robusta, perché attivisti del Movimento 6 Aprile usciti, per loro fortuna, da galere come Tora, Al-Aqrab hanno parlato di soggiorni molto più stringenti, non solo in fatto di bendature. Tanto che da oltre un anno, come altri “tamarod“ si sono ricreduti sul ruolo di salvatore della patria del generale-presidente e hanno formato assieme al Partito della Costituzione, all’Alleanza popolare, al Partito Karama, ai socialisti una struttura denominata Freedom for the brave che cerca, per quanto possibile, notizie sui desaparecidos egiziani (sul tema vedi http://contropiano.org/esteri/item/10929-i-desaparecidos-di-piazza-tahrir). Operazione spesso improba, perché il ministero dell’Interno nega che le forze di polizia stiano effettuando prelevamenti forzati di attivisti e oppositori.

Su tali vicende si muove anche il National Council of Human Rights, ma il muro di gomma del golpista dalla faccia per bene s’ispessisce. Inoltre la sua disponibilità di acquisire tecnologia armata statunitense e riversarla indistintamente su jihadisti e abitanti del Sinai, fa passare oltre qualsiasi considerazione delle Nazioni Unite. Che del resto in zona di bombardamenti a raffica ne ha conosciuti (Piombo fuso, Pilastro di difesa, Margine di protezione) continuando a lasciar correre. Una mezza ammissione c’è per i militanti della Fratellanza Musulmana, posti da due anni fuorilegge e perseguiti per ragioni di ‘sicurezza nazionale’. Negli ultimi mesi sono stai direttamente paragonati ai jihadisti alleati dell’Isis e per loro c’è la pena capitale, che ora Sisi propone di rendere esecutiva appena la sentenza viene pronunciata col primo grado di giudizio. Nello scontro senza quartiere che s’è aperto due anni or sono col defenestramento del presidente Mursi, i massacri del 14-15 agosto 2013 (dai mille ai duemila morti, anche lì ci sono ‘desaparecidos’ i cui corpi non sono stati ritrovati, ma di cui testimoniano i familiari), la persecuzione sistematica d’ogni opposizione, islamica e laica, e infine la comparsa d’un combattentismo alleato all’Isis, la restrizione della libertà è l’unica certezza presente della vita quotidiana.

L’Egyptian coordination of rights and freeedom solo negli ultimi due mesi ha denunciato la scomparsa di circa 800 cittadini. Testimonianze riparlano di quell’area plumbea, omertosa, piena di paure che circolava prima della speranzosa Rivoluzione del 25 gennaio 2011, quando i mukhabarat di Mubarak avevano carta bianca sulla vita della popolazione. Il mai abolito articolo 54 della Costituzione prevede arresti o restrizioni della libertà del cittadino solo a seguito d’investigazioni su reati di cui ci siano prove; mentre da tempo si ripetono situazioni in cui uomini in borghese, che non si fanno identificare, fermano e prelevano persone in strada, conducendoli in prigione in maniera totalmente illegale. I socialdemocratici hanno recentemente rivolto un appello al presidente perché chiarisca simili comportamenti, ma le sue scelte sono più che chiare nel voler aumentare lo strapotere poliziesco e giudiziario contro qualsiasi controllo dal basso sull’uso della repressione. Un andamento approvato dal partito Wafd che, accusando le associazioni dei diritti umani d’ingerenza sulle questioni interne, sostiene come fra fermati e reclusi possono sicuramente esserci cittadini atti a delinquere; perciò la prevenzione prevale su qualsivoglia presunta libertà. Per le Esraa d’Egitto l’orizzonte resta nero, come se le vicende di Samira Ibrahim e Said Khaled non fossero mai accadute.
7 luglio 2015

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Paese arabo»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

4597