il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Cade una stella

Cade una stella

(18 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Saviano perde un'altra occasione per tacere e scrive una lettera aperta agli studenti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Padova: si dimette il presidente del consiglio di quartiere 5

Le mie dimissioni sono un atto di coerenza e rispetto verso gli elettori

(16 Maggio 2005)

La tensione all’interno della coalizione di centro-sinistra che governa la città di Padova tra i Verdi per la Pace, il partito in cui milito e nelle cui liste sono stato eletto e le altre forze politiche di maggioranza, ha raggiunto un livello di lacerazione e conflitto non più recuperabile.

A nostro avviso, non sono stati rispettati quegli impegni elettorali, per lo meno nelle linee di fondo e sostanziali, ai quali avevamo aderito con entusiasmo e contribuito a costruire per una Padova migliore, più aperta ai problemi sociali ed ambientali, più vivibile, civile e democratica. Una città nuova, nella quale le contraddizioni sociali non diventassero problemi di ordine pubblico, bensì momento di ricerca, tenace e paziente, di soluzioni politiche, il più possibile condivise, ampie, partecipate. L’ultimo, gravissimo episodio riguarda, com’è noto, l’inutile, stupida, nonché costosa, prova di forza e lo sfoggio di “muscoli” al quartiere Portello, con più di 100 agenti di Polizia e numerosi mezzi mobilitati per una donna disperata, occupante di una casa, con tre bambini piccoli e la cui situazione era già stata precedentemente risolta. Sarebbe bastata una maggiore comunicazione, una macchina, qualche assistente sociale e si poteva risparmiare a lei e ai bambini una situazione assurdamente e stupidamente militarizzata, al di là di ogni ragionevolezza, buon senso o altre motivazioni. A noi sembra una macchia sull’intera società civile padovana, difficilmente cancellabile e che potrebbe avere risvolti addirittura penali nei riguardi di chi ha concepito la “brillante” operazione, per violazione dei diritti dei minori.

Questo si va ad aggiungere ad una serie di molte altre decisioni in cui ci siamo trovati in netta contrapposizione con le scelte della Giunta e dell’Amministrazione Comunale: la privatizzazione delle farmacie comunali, le scelte urbanistiche, dalla variante Mariani-Riccoboni a tutte le altre “variantine” che aumentano di molto la cementificazione di Padova; le Torri dell’Arcella ed il Piano Gregotti; il parcheggio sotterraneo al Portello, che se non si farà sarà solo per merito della lotta e della determinazione dei cittadini, alcuni dei quali hanno messo in atto uno sciopero della fame; la bocciatura della mozione contro gli O.G.M……! l’adesione del Comune di Padova al progetto del grande raccordo anulare che finirà per stravolgere la conformazione stessa della nostra città.

La scelta dei Verdi per la Pace di uscire da questa maggioranza è giusta non solo politicamente, ma anche eticamente. Sia chiaro: il partito dei Verdi per la Pace è per il rispetto della legalità, ma è necessario saper distinguere i vari casi e i problemi sociali non possono essere trattati come problemi di ordine pubblico, soprattutto da una amministrazione di centro-sinistra!
Questi sono alcuni dei motivi per cui ho scelto di dimettermi da Presidente del CdQ 5, mantenendo la mia carica di consigliere di quartiere dei Verdi, ma soprattutto la mia coerenza politica, integrità e pulizia morale.

Non mancherò di continuare le mie battaglie, oltre che a livello di Consiglio di Quartiere, nei comitati spontanei e nelle associazioni, a partire dalla questione dell’aeroporto che va ripresa con forza. La mia disponibilità a confrontarmi con tutti su questi punti e sulle problematiche del quartiere rimane invariata.

Danilo Del Bello
Consigliere del CdQ 5 – Verdi per la Pace

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va il centrosinistra?»

5482