il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

29 novembre

29 novembre

(29 Novembre 2011) Enzo Apcicella
Giornata internazionale di Solidarietà con il popolo palestinese, istituita dall'ONU nel 1977 con la risoluzione 32/40b

Tutte le vignette di Enzo Apcicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

Amnesty chiede un embargo delle armi a Israele

(7 Maggio 2018)

amnesty international valida

PIC. Giovedì 3 maggio, Amnesty International ha dichiarato un embargo globale sulle armi contro Israele, accusando le sue forze di commettere crimini di guerra nella Striscia di Gaza.
“Amnesty sta rinnovando gli appelli ai governi di tutto il mondo per imporre un embargo globale sulle armi a Israele”, ha affermato l’organizzazione in un comunicato stampa.
Il gruppo per i diritti umani ha accusato Israele di “aver compiuto un attacco omicida” contro i palestinesi che partecipavano alla “Grande Marcia di Ritorno” nella Striscia.
Nelle settimane precedenti, Amnesty aveva anche dichiarato: “L’esercito israeliano ha ucciso 35 palestinesi e ne ha feriti più di 5500 – alcune delle ferite sembrano essere state inflitte deliberatamente per peggiorare la vita delle persone.
“Nella maggior parte dei casi mortali analizzati da Amnesty International le vittime sono state colpite nella parte superiore del corpo, tra cui la testa e il torace, alcune altre alla schiena”, ha spiegato l’organizzazione. “Testimonianze oculari, prove video e fotografie suggeriscono che molti sono stati deliberatamente uccisi o feriti mentre non ponevano alcuna minaccia diretta ai soldati israeliani.
“Il tempo per le dichiarazioni simboliche di condanna è finito. La comunità internazionale deve agire concretamente e fermare la fornitura di armi e attrezzature militari a Israele. Un fallimento in tal senso continuerà ad alimentare gravi violazioni dei diritti umani contro migliaia di uomini, donne e bambini che subiscono le conseguenze della vita sotto il crudele blocco imposto da Israele”.
All’inizio di questo mese, il procuratore capo della Corte penale internazionale ha avvertito i leader israeliani che potrebbero essere processati per violenza contro i civili a Gaza.
Il 30 marzo 2018, i giovani palestinesi hanno lanciato una campagna di sei settimane composta da una serie di proteste nella Striscia di Gaza, vicino al confine tra Gaza e Israele.
Una delle principali richieste della Grande Marcia di Ritorno è che ai palestinesi sia permesso di esercitare il loro diritto riconosciuto a livello internazionale di ritornare alle terre da cui loro e le loro famiglie sono stati espulsi e da cui Israele li esclude in quanto non-ebrei.

Traduzione per InfoPal di Bushra Al Said

2866