il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Usb Sanità: per una effettiva valutazione del microclima negli ambienti di lavoro

(18 Maggio 2018)

di nuovo usb

Con il seguente scritto chiediamo delle risposte alla politica comunale e regionale affinchè siano individuate specifiche responsabilità per l’impossibilità del rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza del lavoro da parte degli organismi di vigilanza.
Con il termine “Microclima nel luogo di lavoro” si intende l’insieme di 4 parametri che caratterizzano un ambiente dal punto di vista termico(temperatura dell’aria, temperatura media radiante, velocità dell’aria, umidità relativa) e 2 relativi al lavoratore(attività metabolica e isolamento termico del vestiario).
E’ importante valutare il rischio microclima negli ambienti di lavoro per verificare se l’ambiente termico in cui il lavoratore opera sia adeguato all’attività lavorativa che deve svolgere oppure possa compromettere la sicurezza e lo stato di salute.
Il D.Lgs. 81/08 nel Titolo VIII, Capo I, art.180 classifica il microclima tra gli agenti fisici ed ai sensi dell’art.181 ne rende obbligatoria la valutazione del rischio con particolare riferimento alle norme di buona tecnica ed alla buona prassi(Norme UNI).
Nel merito appaiono esaustive le “Linee Guida Inail: Microclima, aereazione e illuminazione nei luoghi di lavoro. Requisiti e standard: indicazioni operative e progettuali 2006”.
Gli organismi di vigilanza preposti al controllo del rispetto della normativa suddetta non sembrano avere in dotazione adeguata strumentazione ed il personale necessari alla rilevazione del microclima ambientale a tutela di lavoratori e, ove vi sia presenza, dell’utenza.
Il necessario fabbisogno economico dovrebbe trovare soluzione nel rispetto dell’art.13 c.6 del D.Lgs.81/08:
“l’importo delle somme che l’Asl, in qualità di organo di vigilanza ammette a pagare in sede amministrativa…..integra l’apposito capitolo regionale per finanziare l’attività di prevenzione delle ASL
Nel merito chiediamo a quanto ammontino gli introiti degli ultimi dieci anni e quale sia stato il loro utilizzo
A completamento della presente segnalazione chiediamo se vi siano precise responsabilità per la mancanza di idonea strumentazione necessaria al rispetto delle succitate norme.

Genova, lì 18/05/18

Usb Sanità

4336