il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Sabra & Chatila

Sabra & Chatila

(4 Settembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

Mohammad, Ahmed, Afifi martiri in corsa per la vita

(13 Ottobre 2018)

sudario

Corrono verso la morte. Cos’altro possono fare il ventunenne Mohammad, due Ahmed, uno 27 l’altro 17 anni, Afifi 18 e altri giovani, ammazzati ieri in sette, bersaglio fisso e mobile dell’esercito israeliano sul confine di Gaza? Cosa possono fare quei giovani uomini e donne sui quali si scaricano pallottole dal 30 marzo scorso e hanno visto distesi duecentoquattro cadaveri di fratelli e sorelle. E migliaia, migliaia di feriti. Ogni venerdì una mattanza giustificata dai killer con ordini precisi, dagli statisti d’uno Stato criminale un’autodifesa a difesa del diritto di assassinare i palestinesi. Cosa può fare questa gente abbandonata, frustrata, derisa dal mondo che guarda altrove, ai suoi tanti drammi certo, ma lasciando alla deriva tal’altra tragedia diventata crimine perpetuo da settant’anni. Cosa possono fare le giovani vittime di reiterate negazioni del diritto a vivere coi propri cari e lavorare e studiare nei luoghi secolari abitati dalla propria gente. La protesta bersagliata dal piombo di Tsahal questo dice: diritto al ritorno nelle terre dei padri per i rifugiati ammassati da decenni nei campi profughi del Medio Oriente.

E da mesi, ogni venerdì, sul confine della Striscia si ripete il macabro rituale del sanguinario tiro al bersaglio su quella richiesta di ragione violata. Un privilegio che Israele reclama per sé, introducendo coloni che nulla hanno a che fare con quella terra poiché i loro avi hanno vissuto altrove, da secoli. E anche la proposta di far convivere accanto gli uni e agli altri, con simili regole, seppur in condizioni socio-economiche diverse, viene rifiutata per princìpio dai governi di Tel Aviv che applicano da decenni il piano di cancellazione di Palestina e palestinesi. A loro non viene concesso nient’altro che emarginazione e oppressione, mentre i potenti amici di Israele cantano cinicamente una litania di morte. Eppure quei gazawi su cui Israele spara, corrono per la vita. Il loro agitarsi, urlare, bruciare copertoni, sventolare stendardi parla di futuro che possono garantirsi solo rivendicando l’uscita dall’apartheid proposta e praticata dal sionismo pratica come modello di sistema. Sono ragazzi della vita, non giovani kamikaze che si danno la morte per una guerra santa. Eppure muoiono anch’essi. Ma muoiono per la mano d’un boia capace di piegare il senso di giustizia alla sua volontà di potenza politica, religiosa, razziale.
13 ottobre 2018

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.com

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Palestina occupata»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

826