il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Democrazia

Democrazia

(17 Aprile 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La rivoluzione bolivariana)

Borghesia e imperialismo sempre all'attacco

editoriale n. 1/2019 "nuova unità"

(16 Febbraio 2019)

Non è il momento di stare a guardare, ma di parteggiare

La borghesia non cede il potere. È per questo che la lotta rivoluzionaria deve annientarla. Non c'è un altro sistema. E la rivoluzione va portata alle estreme conseguenze. Argentina, Colombia, Brasile, Nicaragua, il Venezuela oggi di-mostrano che per costruire il socialismo non si può lasciare spazio a privatiz-zazioni, liberalizzazioni, alla conciliazione con la borghesia, al capitalismo - sono oltre 3mila le aziende statunitensi sul territorio - e alle forze di destra che ne fanno gli interessi. L'imperialismo con a capo gli Stati Uniti sono sem-pre pronti a punire gli Stati che giudicano scomodi e a utilizzarli per denigrare il comunismo. Washington ha concertato l'operazione contro il Venezuela con il pretesto delle elezioni che hanno favorito Maduro, garantite da un sistema che impedisce brogli e con la presenza degli osservatori internazionali del Consiglio dei Periti elettorali latino-americani (Ceela), dell'Unione africana, della Comunità dei Caraibi (Caricom) (assente l'UE che si è rifiutata), commis-sione presieduta da Jimmi Carter. A fianco degli Stati Uniti il Canada, molti Stati latinoamericani ed europei e la UE che aveva rifiutato - per voce di Fe-derica Mogherini di monitorare le elezioni - e che ha anche bloccato i fondi statali venezuelani in Belgio.
Ma il sabotaggio, le sanzioni e la costruzione di simulazioni della borghesia che è in atto da tempo, è riuscito: è causa dell'aggravamento delle condizioni di vita delle masse e della divisione tra la popolazione, molto favorevole agli interessi del capitale euro-atlantico.
Destituire Maduro lo chiamano ripristino della democrazia. È la democrazia del potere che disconosce la volontà degli elettori e invoca l'intervento milita-re da parte di un paese straniero. Un deja vu da anni in troppe parti del mondo. La classe dominante borghese non accetta neppure la democrazia formale se non può governare con il consenso dei subalterni e degli alleati e perciò grida alla democrazia tradita, ma si accorda con i talebani sul ritiro del-le truppe lasciando il paese nelle loro mani.
L'Italia non si distingue. Sul Venezuela il Governo traccheggia tra varie posi-zioni e viene sollecitato da quel vecchio arnese del Presidente Mattarella (che si manifesta sempre più reazionario) per schierarsi e riconoscere ufficialmente il fantoccio Guaidò autoproclamatosi presidente (così patriottico da invocare l'intervento militare degli USA), un anticomunista, militante dell'organizzazio-ne di estrema destra Voluntad popular, che non ha neppure partecipato alle elezioni del 2018, anzi le ha boicottate per paura di perderle, e che sta in-gannando la parte della popolazione venezuelana che lo segue con promesse che non manterrà.
Accodati al clima politico imperante si sono scatenati: mass-media, opinioni-sti, politicanti, partiti di "sinistra" fino alla Cgil che, dopo la condanna del col-po di Stato, ha rettificato ribadendo nessun sostegno a Maduro.
Il nemico di classe ha le idee molto chiare. Anche screditare Maduro conside-randolo comunista è utilizzato per far avanzare la campagna contro gli ideali del socialismo e del comunismo che rappresentano un modo di vista diverso, a favore della maggioranza della popolazione, contro l'imperante individuali-smo, della privatizzazione. Le crescenti forme reazionarie e nazionaliste pos-sono penetrare nel movimento operaio e popolare a causa dell'indebolimento della coscienza di classe e grazie all'attività del revisionismo, del "riformismo" della cosiddetta sinistra e del conciliatorismo dei sindacati, scatenano la guer-ra tra poveri e rafforzano i veri nemici.
L'aggressività del padronato, che conosce solo la legge del profitto, non dimi-nuisce con il cambiare dei governi, così come il peggioramento delle condi-zioni di vita e l'imbarbarimento delle condizioni di lavoro - sul quale pesano sempre più per i proletari la mancanza di sicurezza di avere un lavoro, una casa, il diritto a curarsi o di far studiare i figli mentre le morti di e da lavoro mietono vittime quotidiane. Per la loro sicurezza i padroni attaccano il diritto di sciopero e criminalizzano le manifestazioni di protesta, i blocchi stradali e i picchetti, strumenti della lotta di classe per la difesa dell'occupazione, di fron-te alle continue chiusure (ultime in ordine di tempo Alessi e Zara) e le deloca-lizzazioni di aziende. Delocalizzazioni che, in nome della libertà di mercato, anche questo governo così prepotente con i deboli (proletari e immigrati) fin-ge di non vedere per non disturbare i forti, le multinazionali e gli interessi del grande capitale.
Al momento rivoluzionario ci si arriva con la pratica della lotta di classe che i vari governi di centrosinistra o centrodestra tentano in tutti i modi di frenare promettendo demagogicamente cambiamenti per risolvere i problemi irrisol-vibili fermo restando il capitalismo. L'organizzazione e l'unità sono le chiavi per vincere ogni battaglia parziale nei luoghi di lavoro - quella del recupero di alcuni dei diritti perduti -, ma la classe lavoratrice deve capire che sta pagan-do una crisi imposta dalle scelte e dagli interessi del capitalismo che utilizza questo o quel governo, o partito, a seconda delle proprie necessità. Il movi-mento operaio deve dimostrare che è con la lotta politica, organizzata nel Partito comunista, che si può e si deve arrivare ad un sistema sociale dove non esistano più padroni e, quindi, senza sfruttamento.
L'imperialismo vuole imporre la propria dittatura in tutto il mondo. Non è il momento di stare a guardare, ma di parteggiare. Di fronte ad una situazione mondiale molto grave, ad una situazione interna di piena fascistizzazione del-lo Stato, occorre uno sforzo organizzativo per vincere la frammentazione della classe e favorire l'unità della classe e dei comunisti.

nuova unità

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La rivoluzione bolivariana»

Ultime notizie dell'autore «Nuova Unità»

1729