il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

DENUNCIATO IL GOVERNO E L'INFAME DECRETO CHE ESPONE I LAVORATORI AL CORONAVIRUS

(14 Marzo 2020)

volantino congiunto si cobas e usb

Nella giornata odierna il Si Cobas Fca Pomigliano e l'Usb Fca Melfi hanno inviato, tramite PEC certificata, un esposto denuncia indirizzato alla Procura della Repubblica di Napoli e per conoscenza al Presidente della Repubblica italiana, al Presidente del consiglio dei ministri, ai Ministri del lavoro, degli interni e della salute.

Nella lettera si chiede alla P. d. R. di Napoli di intervenire in merito al decreto legge emanato l'11 marzo 2020 in materia di sicurezza e contenimento del coronavirus.
È stato posto all’attenzione della Procura il “ punto 7 comma D “del succitato decreto, il quale autorizzerebbe le aziende a far lavorare i propri dipendenti ad una distanza minima tra loro inferiore ad un metro, a condizione che utilizzino le protezioni individuali ( mascherine e guanti per intenderci).

Abbiamo chiesto sempre alla P. d. R. di Napoli come mai questo punto del decreto valga soltanto per i lavoratori mentre per tutto il resto degli italiani la distanza minima di un metro è obbligatorio a prescindere dalle protezioni individuali.
Usb Fca Melfi e Si Cobas Fca Pomigliano ritengono quel punto del decreto nocivo per la sicurezza dei lavoratori.
Il Governo legittima le aziende a comandare al lavoro i propri dipendenti con un escamotage legislativo, questo dimostra che i lavoratori sono considerati carne da macello da padroni e politici tutti.
Legittimare l’azienda a far lavorare i propri dipendenti con le mascherine anche a meno di un metro di distanza tra loro significa anche non poter abbandonare la postazione per ragioni di sicurezza, impedisce ai lavoratori di rifiutarsi di salire sui pullman affollati se viene data loro la mascherina, praticamente li lascia senza strumenti per proteggere la propria salute, per queste ragioni Usb Fca Melfi e Si Cobas Fca Pomigliano daranno modo, tramite la proclamazione di sciopero, ai lavoratori che non vorranno esporsi al contagio di restare a casa.

È arrivato il momento che i lavoratori tutti intervengano in difesa della propria salute e di quella dei propri cari.

Sabato, 14 Marzo 2020

SI COBAS FCA POMIGLIANO
USB FCA MELFI

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

2101