il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Trayvon

Trayvon

(20 Luglio 2013) Enzo Apicella
Assolto il vigilante George Zimmerman che nel 2012 uccise il 17enne nero Trayvon Martin

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

CONTRO LA REPRESSIONE,
UNIAMO CON LA LOTTA I LAVORATORI E IL SINDACALISMO CONFLITTUALE
IN UN FRONTE SINDACALE UNITARIO

(2 Ottobre 2020)

Volantino che sarà distribuito alla manifestazione contro la repressione che si terrà a Modena il 3 ottobre 2020

fronte unico bla bla bla n. 3

I procedimenti giudiziari di Modena contro lavoratori, lavoratrici e militanti politico-sindacali, per i picchetti sgomberati alla ‘Italpizza’ e in altre aziende della provincia, sono un atto repressivo verso tutta la classe lavoratrice. Il numero di inquisiti (458!) parla da solo e testimonia l'aggravarsi della repressione contro i lavoratori e i delegati combattivi in tutta Italia (ultimo episodio la sospensione senza salario per 6 mesi al delegato Usb dell'ospedale di Merate per aver preteso i necessari dispositivi di protezione per i lavoratori).
In questi anni le lotte operaie nella logistica sono state un bagliore di luce in un panorama di pesante passività della maggioranza degli operai e dei lavoratori salariati.
Il padronato e il suo regime si accaniscono contro questi lavoratori per spezzare il movimento di lotta, la sua organizzazione sindacale e impedire che si estenda a tutta la classe. Per questo la manifestazione di oggi ci vede partecipi con l’auspicio che il sindacalismo conflittuale - sindacati di base e area di opposizione in Cgil - sia presente con la solidarietà e il sostegno ai lavoratori del SI Cobas.
L’unità d'azione per contribuire a rafforzare il movimento operaio, non deve essere episodica, limitata a una manifestazione, ma divenire pratica costante, sistematica, nelle lotte dei lavoratori e delle lavoratrici, locali e nazionali, aziendali, categoriale e intercategoriali.
L'UNITÀ d'azione dei lavoratori al di sopra di ogni singola azienda, categoria o sigla sindacale, per essere tale non può essere solo proclamata ma dev'essere perseguita coerentemente con metodo e determinazione.
UNITÀ che può essere costruita per iniziativa, spinta e azione, da parte della base delle organizzazioni del sindacalismo conflittuale - iscritti e delegati - perché la maggioranza dei gruppi dirigenti sindacali, ad oggi, si è dimostrata incapace se non ostile - al raggiungimento di questo vitale obiettivo.
Per questo abbiamo costituito il Coordinamento Lavoratrici e Lavoratori Autoconvocati (CLA) per l'Unità della Classe che non è una nuova sigla sindacale ma uno strumento per unire la volontà e le energie di quei militanti che in ogni sindacato hanno la consapevolezza che per rispondere all'offensiva padronale, coadiuvata dal sindacalismo collaborazionista, non basta la singola organizzazione sindacale. È l’UNITÀ di classe che fa la forza!
La prospettiva proposta dal CLA è la costruzione di un Fronte Sindacale Unitario, da perseguire con il coinvolgimento del più ampio numero di iniziative, di lotte, di scioperi, condotti dagli organismi del sindacalismo conflittuale, nessuno escluso.
È compito dei militanti battersi in ogni ambito sindacale affinché l’organizzazione di appartenenza sostenga questa prospettiva fino a coordinarsi con militanti di altri sindacati per dare forza e gambe a questo obiettivo, urgente e necessario.
Per discutere di questi temi e predisporre un piano d’azione e di lavoro invitiamo lavoratori e lavoratrici

DOMENICA 18 OTTOBRE dalle 10.00 alle 16.30
ASSEMBLEA NAZIONALE a GENOVA
c/o IL CIRCOLO AUTORITÀ PORTUALE (CAP)
Via Albertazzi 3 R (di fronte alla centrale dei Vigili del Fuoco)

Coordinamento Lavoratori e Lavoratrici Autoconvocati per l'Unità della Classe

1450