">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

3 al giorno

3 al giorno

(10 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Aprilia. Il PCI, con firme e impegno contro gli “omicidi sul lavoro”, ha incontrato in piazza comunisti, sostenitori, cittadini simpatizzanti

L'iniziativa si colloca nel quadro dello sforzo per ricostruire il PCI ad Aprilia

(26 Giugno 2023)

no morti sul lavoro

La scelta della Federazione della Provincia di Latina, anche grazie alla presenza di tanti compagni e compagne, in particolare, la segretaria PCI Sonia Pecorilli e il coordinatore del PCI Aprilia, Stefano Enderle, con la raccolta firme per costituire un “Comitato permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro”, aperto a “chi ci sta”, per richiedere l'inserimento del reato di Omicidio sul Lavoro nel Codice Penale, è stata giusta ed ha portato come risultato l’adesione di alcuni cittadini . L’intento, e l’iniziativa è un primo atto, da parte dei comunisti di Aprilia, coadiuvati dall’intero partito pontino, per insediare territorialmente il PCI. Per portare avanti la ricostruzione del Partito Comunista Italiano. “Il nostro intento - ha dichiarato Sonia Pecorilli - è proprio di ricostruire coi lavoratori, col popolo, con i cittadini così tanto disaffezionati con ragione al teatrino dell’attuale politica, devastante del centrodestra, e colpevolmente connivente del centrosinistra, un rapporto di fiducia vera. Basato sulla condivisione delle lotte e delle rivendicazioni: nazionali e locali. Inoltre, per riproporre in tutta la sua forza la necessità e attualità della critica al morente modello capitalista per indicarne uno dall’orizzonte comunista.”. Sulla stessa sintonia politica e di impegno l’intervento di Stefano Enderle che, con la propria famiglia, sta “tornando” nella piana pontina dove è vissuto in tenera età. “L’impegno e qualche risultato sotto gli occhi di tutti - afferma il coordinatore comunista - che sono riuscito a raggiungere coi campagni e compagne di Marino e dei Castelli romani nella direzione politica della sezione PCI di Marino, fatte le dovute differenze e con giusta dose di umiltà, vorrei provare a replicarle anche qui, nella mia nuova residenza in questa fase della mia vita. I presupposti, sia per l’impegno dei compagni della Federazione di Latina, sia per le immediate risposte già ottenute in questa iniziativa di Aprilia domenica 25, lasciano ben sperare. Ci impegneremo in questo chiedendo fattivamente una mano, ai tanti che ci hanno incoraggiato e che- ad esempio - ci hanno manifestato l’esigenza di una sede fisica per la sezione del PCI di Aprilia.”. Partecipazione e sostegno sono stati manifestati, reinizia un nuovo corso di proposizione politica di un Partito qui, ad Aprilia, dove alle ultime amministrative, la fuga dalle ideologie, ha visto la totale assenza di simboli di partito e il pullulare di liste civiche. Un’altra evidenza che c’è bisogno di approdi culturali certi, c’è bisogno del PCI.

Trasmesso da Maurizio Aversa

1444