">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Rifugiato o clandestino?

Rifugiato o clandestino

(5 Aprile 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Altri balzelli antipopolari in arrivo
    (21 Maggio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (La tolleranza zero)

    L'UE sostiene finanziariamente il dittatore tunisino nella lotta contro i migranti

    (24 Luglio 2023)


    Diffondiamo la seguente dichiarazione sull’accordo anti-migranti fra l’Unione europea e il governo della Tunisia, invitando le organizzazioni comuniste, antimperialiste, antifasciste e antirazziste a sottoscriverla

    Kais Saied

    Kais Saied

    A metà luglio, l'Unione europea (UE) ha raggiunto un accordo con il dittatore presidente tunisino Kais Saied in base al quale il governo tunisino contribuirà a tenere i migranti fuori dall'UE.

    Il governo tunisino riceverà in cambio circa 1 miliardo di euro, se adotterà anche le “riforme” economiche neoliberiste del FMI.

    In questo processo, il populista reazionario Saied si sta massicciamente dando da fare contro migranti e rifugiati. La sua polizia abbandona la popolazione sub-sahariana, compresi i bambini, nel deserto, dove sono senza acqua e senza alcun aiuto.

    L'UE, con i suoi presunti valori morali, guarda ogni giorno senza pietà i migranti annegare nel Mediterraneo. Tuttavia, il numero crescente di migranti e rifugiati è principalmente una conseguenza delle politiche imperialiste, comprese quelle dell'UE. Soprattutto i paesi dell'Africa sono fino ad oggi sfruttati dai paesi imperialisti, le loro risorse sono saccheggiate e la loro economia rovinata dalle importazioni a basso costo dei paesi industrializzati. È così che vogliono mantenere questi paesi in eterna dipendenza.

    Il cambiamento climatico, di cui sono responsabili i grandi paesi imperialisti, porta inoltre al fatto che le condizioni di vita in Africa peggiorano anche in modo drammatico. Questa è un'altra causa della fuga da quei paesi. I popoli nei paesi sfruttati sopportano le conseguenze dei crimini economici degli stati sfruttatori.

    Le guerre degli stati imperialisti, inclusa ora la guerra in Ucraina, aggravano la situazione dei popoli nei paesi saccheggiati. L'aumento dei prezzi del cibo e dell'energia aumenta la miseria e la fame.

    La resistenza degli operai, dei contadini, delle masse contro questo saccheggio è repressa con l'aiuto di regimi dittatoriali, che ricevono anche i cosiddetti "aiuti in denaro" dall'UE.

    Poiché in tal modo ancora più esseri umani sono spinti alla fuga, si ricorre sempre più apertamente ai dittatori, alle misure reazionarie, all'isolamento dell'Europa contro le vittime della politica dell'UE e si costruisce una “Europa fortezza” con muri sempre più alti.

    Anche all'interno dell'Europa la politica diventa sempre più reazionaria e antioperaia. Si utilizzano forze di estrema destra e razziste come il governo Meloni in Italia. L'UE è una roccaforte della reazione - contro i popoli e contro il suo stesso popolo.

    Ci opponiamo a questa politica reazionaria e disumana e al sistema capitalista che la crea!

    Rifiutiamo di fare della Tunisia una guardia di frontiera e un campo di concentramento di migranti e rifugiati a vantaggio dei paesi imperialisti e capitalisti dell'UE!

    Siamo a fianco dei popoli e delle organizzazioni dei diversi paesi che lottano per i diritti democratici, la liberazione sociale e nazionale.

    Lottiamo per una società senza sfruttamento capitalista e imperialista, per un mondo solidale!

    Pertanto esigiamo:

    • La fine dell'accordo sull'immigrazione tra UE e Tunisia!

    • Nessuna criminalizzazione di migranti e rifugiati e dei loro soccorritori! Corridoi e voli sicuri!

    Lottiamo contro le cause della migrazione e delle guerre, invece che contro i migranti e i rifugiati!

    Non lasciamoci dividere!

    Combattiamo insieme contro gli approfittatori dello sfruttamento e del saccheggio!

    Luglio 2023



    Partito Comunista d’Albania

    Partito Comunista degli Operai di Danimarca - APK

    Partito Comunista degli Operai di Francia - PCOF

    Organizzazione per la costruzione di un Partito Comunista degli Operai di Germania (Arbeit Zukunft)

    Movimento per la ricostruzione del Partito Comunista di Grecia (KKE 1918-1955)

    Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

    Gruppo marxista-leninista Revolusjon – Norvegia

    Partito Comunista di Spagna (marxista-leninista) - PCEML

    Partito del Lavoro (EMEP) – Turchia

    e il Partito dei Lavoratori -Tunisia

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «La tolleranza zero»

    2445