">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Piergiorgio Odifreddi

Piergiorgio Odifreddi

(21 Novembre 2012) Enzo Apicella
Piergiorgio Odifreddi scrive:"Israele è oggi uno Stato fascista" e Repubblica censura il suo blog

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

Gaza: dentro il campo di tortura per i detenuti palestinesi – Yuval Abraham

(13 Gennaio 2024)

Gaza campo di tortura

Riprendiamo da +972 Magazine, grazie alla traduzione del compagno Marco che ce lo aveva segnalato, questo report sul sistematico uso della tortura nei confronti dei detenuti palestinesi, sia combattenti che civili, da parte dell’esercito di occupazione sionista.

Leggetelo! Superfluo commentare. Segnaliamo solo che stamattina, 13 gennaio, un miserabile giornalista de “la Stampa”, su Rai Radio 3, definiva queste criminali pratiche tipiche della tradizione coloniale europea – e italiana! – “tappi di imperfezione” dell’unica democrazia del Medio Oriente. (Red.)

https://www.972mag.com/israel-torture-camp-gaza-detainees/?fbclid=IwAR36T2G2h-i47UcfuBXomXcaKAdorxcQE63z42HONfhyRkyBjs77Yync_5E

All’interno del campo di tortura israeliano per i detenuti di Gaza

I palestinesi arrestati nel nord della Striscia di Gaza descrivono come i soldati israeliani abusino sistematicamente di civili e combattenti, da gravi privazioni a brutali violenze fisiche.


5 gennaio 2024

All’inizio di dicembre, sono circolate in tutto il mondo immagini che mostravano decine di uomini palestinesi nella città di Beit Lahiya, nel nord della Striscia di Gaza, che venivano spogliati fino alla biancheria intima, inginocchiati o seduti ingobbiti, poi bendati e messi sul retro di camion militari israeliani come bestiame. La stragrande maggioranza di questi detenuti erano civili senza alcuna affiliazione ad Hamas, hanno confermato in seguito i funzionari di sicurezza israeliani, e gli uomini sono stati portati via dall’esercito senza notificare alle loro famiglie dove si trovavano i detenuti. Alcuni di loro non sono mai tornati.

+972 Magazine e Local Call hanno parlato con quattro civili palestinesi che appaiono in queste foto o che sono stati arrestati vicino alla scena e portati nei centri di detenzione militare israeliani, dove sono stati trattenuti per diversi giorni o addirittura settimane prima di essere rilasciati a Gaza. Le loro testimonianze – insieme a 49 testimonianze video pubblicate da vari media arabi di palestinesi arrestati in circostanze simili nelle ultime settimane nei distretti settentrionali di Zeitoun, Jabalia e Shuja’iya – indicano abusi e torture sistematiche da parte dei soldati israeliani nei confronti di tutti i detenuti, civili e combattenti.

Secondo queste testimonianze, i soldati israeliani hanno sottoposto i detenuti palestinesi a scosse elettriche, hanno bruciato la loro pelle con accendini, hanno sputato loro in bocca e li hanno privati del sonno, del cibo e dell’accesso ai bagni fino a farli defecare su se stessi. Molti sono stati legati a una recinzione per ore, ammanettati e bendati per la maggior parte del giorno. Alcuni hanno testimoniato di essere stati picchiati su tutto il corpo e di aver avuto sigarette spente sul collo o sulla schiena. Si sa che diverse persone sono morte a causa della detenzione in queste condizioni.

I palestinesi con cui abbiamo parlato hanno raccontato che la mattina del 7 dicembre, quando sono state scattate le foto di Beit Lahiya, i soldati israeliani sono entrati nel quartiere e hanno ordinato a tutti i civili di lasciare le loro case. “Gridavano: “Tutti i civili devono scendere e arrendersi””, ha raccontato a +972 e Local Call Ayman Lubad, ricercatore legale presso il Centro Palestinese per i Diritti Umani, detenuto quel giorno insieme al fratello minore.

Secondo le testimonianze, i soldati hanno ordinato a tutti gli uomini di spogliarsi, li hanno riuniti in un unico luogo e hanno scattato le foto che sono state poi diffuse sui social media (alti funzionari israeliani hanno poi rimproverato i soldati per aver condiviso le immagini). Alle donne e ai bambini, invece, è stato ordinato di recarsi all’ospedale Kamal Adwan.

Quattro diversi testimoni hanno raccontato separatamente a +972 e Local Call che, mentre erano ammanettati in strada, i soldati sono entrati nelle case del quartiere e le hanno incendiate; +972 e Local Call hanno ottenuto le foto di una delle case bruciate. I soldati hanno detto ai detenuti che erano stati arrestati perché “non avevano evacuato nel sud della Striscia di Gaza”.

Un numero imprecisato di civili palestinesi rimane nella parte settentrionale della Striscia nonostante gli ordini di espulsione israeliani fin dalle prime fasi della guerra, che hanno portato centinaia di migliaia di persone a fuggire verso sud. Le persone con cui abbiamo parlato hanno elencato diversi motivi per cui non se ne sono andati: la paura di essere bombardati dall’esercito israeliano durante il viaggio verso sud o mentre si rifugiavano lì; il timore che agenti di Hamas sparassero loro; le difficoltà di mobilità o le disabilità dei membri della famiglia; l’incertezza della vita nei campi per sfollati a sud. La moglie di Lubad, ad esempio, aveva appena partorito e i due temevano i pericoli di lasciare la loro casa con un neonato.

In un video girato sulla scena di Beit Lahiya, un soldato israeliano con un megafono si trova di fronte ai residenti detenuti – seduti in fila, nudi e in ginocchio, con le mani dietro la testa – e dichiara: “L’esercito israeliano è arrivato. Abbiamo distrutto Gaza [City] e Jabalia sulle vostre teste. Abbiamo occupato Jabalia. Stiamo occupando tutta Gaza. È questo che volete? Volete Hamas con voi?”. I palestinesi rispondono che sono civili.

“La nostra casa è bruciata davanti ai miei occhi”, ha raccontato a +972 e Local Call Maher, uno studente dell’Università Al-Azhar di Gaza, che appare in una foto di detenuti a Beit Lahiya (ha chiesto di usare uno pseudonimo per timore di ritorsioni da parte dell’esercito israeliano contro i suoi familiari, che sono ancora detenuti in un centro di detenzione militare). Testimoni oculari hanno raccontato che l’incendio si è propagato in modo incontrollato, la strada si è riempita di fumo e i soldati hanno dovuto spostare i palestinesi legati a poche decine di metri dalle fiamme.

“Ho detto al soldato: “La mia casa è bruciata, perché state facendo questo?”. E lui mi ha risposto: ‘Dimenticati di questa casa'”, ha ricordato Nidal, un altro palestinese che compare in una foto di Beit Lahiya e che ha chiesto di usare uno pseudonimo per le stesse ragioni. ”Mi ha chiesto dove mi faceva male e poi mi ha colpito forte”.

Più di 660 palestinesi di Gaza sono attualmente detenuti nelle carceri israeliane, la maggior parte dei quali nella prigione di Ketziot, nel deserto di Naqab/Negev. Un ulteriore numero, che l’esercito si rifiuta di rivelare ma che potrebbe arrivare a diverse migliaia, è detenuto in diverse basi militari, tra cui la base militare di Sde Teyman, vicino a Be’er Sheva, dove si presume che avvengano molti degli abusi sui detenuti.

Secondo le testimonianze, i detenuti palestinesi di Beit Lahiya sono stati caricati su camion e portati su una spiaggia. Sono stati lasciati lì legati per ore, e un’altra fotografia è stata scattata e diffusa sui social media. Lubad ha raccontato che una delle soldatesse israeliane ha chiesto a diversi detenuti di ballare e poi li ha filmati.

I detenuti, ancora in biancheria intima, sono stati poi portati in un’altra spiaggia all’interno di Israele, vicino alla base militare di Zikim, dove, secondo le loro testimonianze, i soldati li hanno interrogati e picchiati duramente. Secondo i media, gli interrogatori iniziali sono stati condotti da membri dell’Unità 504 dell’IDF, un corpo di intelligence militare.

Maher ha raccontato la sua esperienza a +972 e Local Call: Un soldato mi ha chiesto: “Come ti chiami?” e ha iniziato a darmi pugni sullo stomaco e calci. Mi ha detto: ‘Sei in Hamas da due anni, dimmi come ti hanno reclutato’. Gli ho detto che ero uno studente. Due soldati mi hanno aperto le gambe e mi hanno dato un pugno lì e un pugno in faccia. Ho iniziato a tossire e mi sono reso conto che non respiravo. Ho detto loro: “Sono un civile, sono un civile”.

“Ricordo di aver allungato la mano verso il mio corpo e di aver sentito qualcosa di pesante”, ha continuato Maher. “Non ho capito che si trattava della mia gamba. Ho smesso di sentire il mio corpo. Ho detto al soldato che mi faceva male, e lui si è fermato e mi ha chiesto dove; gli ho detto nello stomaco, e allora mi ha colpito forte nello stomaco. Mi hanno detto di alzarmi. Non sentivo le gambe e non potevo camminare. Ogni volta che cadevo, mi picchiavano di nuovo. Mi sanguinavano la bocca e il naso e sono svenuto”.

I soldati hanno interrogato alcuni dei detenuti nello stesso modo, li hanno fotografati, hanno controllato le loro carte d’identità e poi li hanno divisi in due gruppi. La maggior parte, tra cui Maher e il fratello minore di Lubad, sono stati rimandati a Gaza e hanno raggiunto le loro case la sera stessa. Lubad stesso faceva parte di un secondo gruppo di circa 100 detenuti a Beit Lahiya quel giorno che sono stati trasferiti in una struttura di detenzione militare all’interno di Israele.

Mentre si trovavano lì, i detenuti sentivano regolarmente “aerei che decollavano e atterravano”, quindi è probabile che fossero detenuti nella base di Sde Teyman, vicino a Be’er Sheva, che comprende un campo d’aviazione; questo, secondo l’esercito israeliano, è il luogo in cui i detenuti provenienti da Gaza vengono trattenuti per essere processati, cioè per decidere se devono essere classificati come civili o “combattenti illegali”.

Secondo l’Ufficio del portavoce dell’IDF, le strutture di detenzione militare sono destinate solo all’interrogatorio e allo screening iniziale dei detenuti, prima del loro trasferimento al servizio carcerario israeliano o fino al loro rilascio. Le testimonianze dei palestinesi detenuti all’interno della struttura, invece, dipingono un quadro completamente diverso.

Siamo stati torturati tutto il giorno

All’interno della base militare, i palestinesi erano detenuti in gruppi di circa 100 persone. Secondo le testimonianze, erano ammanettati e bendati per tutto il tempo e potevano riposare solo tra mezzanotte e le 5 del mattino.

Uno dei detenuti di ogni gruppo, scelto dai soldati perché conosceva l’ebraico e gli era stato dato il titolo di “Shawish” (un termine gergale per indicare un servo o un subordinato), era l’unico senza benda. Gli ex detenuti hanno spiegato che i soldati che li sorvegliavano avevano torce laser verdi che usavano per marcare chiunque si muovesse, cambiasse posizione per il dolore o emettesse un suono. Gli Shawish portavano questi detenuti dai soldati che si trovavano dall’altra parte della recinzione di filo spinato che circondava la struttura, dove venivano puniti.

Secondo le testimonianze, la punizione più comune era quella di essere legati alla recinzione e di dover alzare le braccia per diverse ore. Chi le abbassava veniva portato via dai soldati e picchiato.

“Siamo stati torturati tutto il giorno”, ha raccontato Nidal a +972 e Local Call. “Ci inginocchiavamo, a testa bassa. Chi non ci riusciva veniva legato alla recinzione, [per] due o tre ore, finché il soldato non decideva di lasciarlo andare. Io sono stato legato per mezz’ora. Tutto il mio corpo era coperto di sudore; le mie mani si sono intorpidite.

“Non ci si può muovere”, ha ricordato Lubad a proposito delle regole. “Se ti muovi, il soldato ti punta un laser contro e dice allo Shawish: ‘Fallo uscire, alza le mani’. Se abbassi le mani, lo Shawish ti porta fuori e i soldati ti picchiano. Sono stato legato alla recinzione due volte. Ho tenuto le mani alzate perché intorno a me c’erano persone che si stavano facendo molto male. Una persona è tornata con una gamba rotta. Si sentono le botte e le urla dall’altra parte della recinzione. Hai paura di guardare o sbirciare attraverso la benda. Se ti vedono guardare, è una punizione. Ti porteranno fuori o ti legheranno alla recinzione”.

Un altro giovane rilasciato dalla detenzione ha raccontato ai media, dopo essere tornato a Gaza, che “le persone venivano torturate in continuazione. Abbiamo sentito urlare. Ci dicevano: “Perché siete rimasti a Gaza, perché non siete andati a sud?”. E io ho risposto: ‘Perché dovremmo andare a sud? Le nostre case sono ancora in piedi e non siamo legati ad Hamas”. Ci hanno detto: ‘Andate a sud – avete festeggiato [l’attacco guidato da Hamas] il 7 ottobre'”.

In un caso, ha raccontato Lubad, un detenuto che si è rifiutato di inginocchiarsi e ha abbassato le mani invece di tenerle alzate è stato portato dietro la recinzione di filo spinato con le mani ammanettate. I detenuti hanno sentito delle percosse, poi hanno sentito il detenuto imprecare contro un soldato e infine un colpo di pistola. Non sanno se il detenuto sia stato effettivamente colpito, né se sia vivo o morto; in ogni caso, non è tornato per il resto del tempo in cui i nostri interlocutori sono stati trattenuti lì.

Nelle interviste rilasciate ai media arabi, gli ex detenuti hanno testimoniato che altri detenuti della struttura sono morti accanto a loro. “Le persone sono morte all’interno. Uno aveva una malattia cardiaca. L’hanno buttato fuori, non volevano prendersi cura di lui”, ha detto una persona ad Al Jazeera.

Anche diversi detenuti che erano con Lubad hanno raccontato di una morte simile. Hanno detto che prima del suo arrivo, un uomo anziano del campo profughi di Al-Shati, che era malato, è morto nella struttura a causa delle condizioni di detenzione. I detenuti hanno deciso di fare uno sciopero della fame per protestare contro la sua morte e hanno restituito ai soldati le razioni di formaggio e pane. I detenuti hanno raccontato a Lubad che di notte i soldati sono entrati e li hanno picchiati duramente mentre erano ammanettati, per poi lanciargli contro dei candelotti di gas lacrimogeno. I detenuti hanno smesso di scioperare.

L’esercito israeliano ha confermato a +972 e Local Call che i detenuti di Gaza sono morti nella struttura. “Ci sono casi noti di decessi di detenuti tenuti nella struttura di detenzione”, ha dichiarato il portavoce dell’IDF. “In conformità con le procedure, per ogni decesso di un detenuto viene condotto un esame, compreso quello relativo alle circostanze della morte. I corpi dei detenuti sono conservati in conformità con gli ordini militari”.

Nelle testimonianze video, i palestinesi che sono stati rilasciati a Gaza descrivono casi in cui i soldati hanno spento sigarette sui corpi dei detenuti e hanno persino dato loro scosse elettriche. “Sono stato detenuto per 18 giorni”, ha raccontato un giovane ad Al Jazeera. “Il soldato vede che ti addormenti, prende un accendino e ti brucia la schiena. Mi hanno spento le sigarette sulla schiena alcune volte. Uno dei ragazzi [che era bendato] ha detto al soldato: ‘Voglio bere acqua’, e il soldato gli ha detto di aprire la bocca e ci ha sputato dentro”.

Un altro detenuto ha raccontato di essere stato torturato per cinque o sei giorni. “Vuoi andare in bagno? Vietato”, ha raccontato che gli è stato detto. “[Il soldato] ti picchia. E io non sono di Hamas, che colpa ne ho? Ma lui continua a dirti: ‘Tu sei Hamas, tutti quelli che rimangono a Gaza [City] sono Hamas. Se non fossi di Hamas, saresti andato a sud. Vi abbiamo detto di andare a sud”.

Shadi al-Adawiya, un altro detenuto che è stato rilasciato, ha raccontato a TRT in una testimonianza video: “Ci spengono le sigarette sul collo, sulle mani e sulla schiena. Ti danno calci sulle mani e sulla testa. E ci sono scosse elettriche”.

“Non si può chiedere nulla”, ha detto un altro detenuto rilasciato ad Al Jazeera dopo essere arrivato in un ospedale di Rafah. Se dici: “Voglio bere qualcosa”, ti picchiano su tutto il corpo. Non c’è differenza tra vecchi e giovani. Io ho 62 anni. Mi hanno colpito alle costole e da allora ho problemi a respirare”.

Ho cercato di togliere la benda e un soldato mi ha dato una ginocchiata in fronte”.

I palestinesi detenuti da Israele a Gaza, siano essi militanti o civili, sono detenuti in base alla “Legge sui combattenti illegali” del 2002. Questa legge israeliana permette allo Stato di detenere i combattenti nemici senza concedere loro lo status di prigionieri di guerra e di trattenerli per lunghi periodi di tempo senza procedimenti legali standard. Israele può impedire ai detenuti di incontrare un avvocato e rimandare il controllo giudiziario fino a 75 giorni o, se un giudice lo approva, fino a sei mesi.

Dopo lo scoppio della guerra in corso, a ottobre, questa legge è stata modificata: secondo la versione approvata dalla Knesset il 18 dicembre, Israele può anche trattenere questi detenuti per un massimo di 45 giorni senza emettere un ordine di detenzione – una disposizione che ha ramificazioni rilevanti.

“Non esistono per 45 giorni”, ha dichiarato Tal Steiner, direttore esecutivo del Comitato pubblico contro la tortura in Israele, a +972 e Local Call. “Le loro famiglie non vengono avvisate. Durante questo periodo, le persone possono morire e nessuno lo saprà. [Bisogna dimostrare che è successo. Molte persone possono scomparire”.]

L’ONG israeliana per i diritti umani HaMoked ha ricevuto chiamate da persone di Gaza riguardo a 254 palestinesi che sono stati detenuti dall’esercito israeliano e i cui parenti non hanno idea di dove si trovino. HaMoked ha presentato una petizione all’Alta Corte di Israele a fine dicembre, chiedendo che l’esercito pubblichi le informazioni sui residenti di Gaza detenuti.

Una fonte del Servizio carcerario israeliano ha dichiarato a +972 e Local Call che la maggior parte dei detenuti prelevati da Gaza sono trattenuti dall’esercito e non sono stati trasferiti nelle carceri. È probabile che l’esercito israeliano stia cercando di ottenere informazioni di intelligence dai civili mentre utilizza la legge sui combattenti illegali per imprigionarli.

I detenuti che hanno parlato con +972 e Local Call hanno raccontato di essere stati trattenuti nella struttura militare insieme a persone che sapevano essere membri di Hamas o della Jihad islamica. Secondo le testimonianze, i soldati israeliani non fanno distinzione tra i civili e i membri di questi gruppi e trattano tutti allo stesso modo. Alcuni degli arrestati dello stesso gruppo a Beit Lahiya, quasi un mese fa, non sono ancora stati rilasciati.

Nidal ha descritto come, oltre alle violenze subite dai detenuti, le condizioni di detenzione fossero estremamente dure. “Il bagno è una sottile apertura tra due pezzi di legno”, ha detto. “Ci mettevano lì dentro legati con le mani e bendati. Entravamo e facevamo pipì sui vestiti. E lì abbiamo bevuto anche l’acqua”.

I civili che sono stati rilasciati dalla base militare israeliana hanno raccontato a +972 e Local Call che pochi giorni dopo sono stati portati da una struttura all’altra per essere interrogati. La maggior parte ha detto di essere stata picchiata durante gli interrogatori. È stato chiesto loro se conoscessero agenti di Hamas o della Jihad islamica, cosa pensassero di quanto accaduto il 7 ottobre, quale membro della loro famiglia fosse un agente di Hamas, chi fosse entrato in Israele il 7 ottobre e perché non avessero evacuato a sud come era stato loro “chiesto”.

Lubad è stato portato a Gerusalemme per un interrogatorio tre giorni dopo. “Chi mi interrogava mi ha dato un pugno in faccia e alla fine mi hanno portato fuori e mi hanno bendato”, ha raccontato. Ho cercato di togliere la benda, perché mi faceva male, e un soldato mi ha dato una ginocchiata in fronte, così l’ho lasciata”.

“Mezz’ora dopo hanno portato un altro detenuto, un professore universitario”, ha continuato Lubad. “A quanto pare, non ha collaborato con loro durante l’interrogatorio. Lo hanno picchiato molto brutalmente accanto a me. Gli hanno detto: ‘Stai difendendo Hamas, non rispondi alle domande. Mettiti in ginocchio, alza le mani”. Ho sentito due persone venire verso di me. Ho pensato che fosse il mio turno di essere picchiato e ho stretto il mio corpo per prepararmi. Qualcuno mi sussurrò all’orecchio: “Di’ cane”. Ho detto che non capivo. Lui mi ha detto: ‘Di’, verrà il giorno per ogni cane'”, sottintendendo la morte o la punizione.

Lubad è stato poi rilasciato nella cella di detenzione. Secondo lui, le condizioni a Gerusalemme erano migliori rispetto alla struttura nel sud. Per la prima volta, non era ammanettato o bendato. “Ero così dolorante e così stanco che mi sono addormentato, e così è stato”, ha detto.

Siamo stati trattati come polli o pecore

Il 14 dicembre, una settimana dopo essere stato prelevato dalla sua casa di Beit Lahiya, lasciando la moglie e i tre figli, Lubad è stato messo su un autobus per tornare al valico di Kerem Shalom tra Israele e la Striscia di Gaza. Ha contato 14 autobus e centinaia di detenuti. Lui e un altro testimone hanno raccontato a +972 e Local Call che i soldati hanno detto loro di scappare e hanno detto che “chiunque si guardi indietro, gli spareremo”.

Da Kerem Shalom, i detenuti hanno camminato fino a Rafah – una città che nelle ultime settimane si è trasformata in un gigantesco campo profughi, ospitando centinaia di migliaia di sfollati palestinesi. I detenuti rilasciati indossavano pigiami grigi e alcuni hanno mostrato ai giornalisti palestinesi ferite ai polsi, alla schiena e alle spalle, apparentemente come risultato delle violenze subite durante la detenzione. Indossavano braccialetti numerati che erano stati loro consegnati al momento dell’arrivo al centro di detenzione.

Euro-Med Monitor, un’organizzazione per i diritti umani con sede a Ginevra e con diversi ricercatori sul campo a Rafah, ha dichiarato a +972 e Local Call che, secondo le stime, almeno 500 gazesi sono stati rilasciati in città nelle ultime settimane dopo essere stati detenuti da Israele, raccontando testimonianze di dure torture e abusi.

I detenuti hanno detto ai giornalisti che non sapevano dove andare a Rafah o dove fossero le loro famiglie. Molti di loro erano scalzi. “Sono stato bendato per 17 giorni”, ha detto uno di loro. “Siamo stati trattati come polli o pecore”, ha detto un altro.

Uno dei detenuti arrivati a Rafah ha raccontato a +972 e Local Call che da quando è stato rilasciato due settimane fa, vive in una tenda di nylon. “Proprio oggi ho comprato delle scarpe”, ha detto. “A Rafah, ovunque si guardi, si vedono tende. Da quando sono stato rilasciato, è stato molto difficile per me dal punto di vista mentale. Un milione di persone sono ammassate qui in una città di 200.000 [prima della guerra]“.

Quando Lubad è arrivato a Rafah, ha chiamato subito sua moglie. Era felice di sapere che lei e i suoi figli erano vivi. “In prigione continuavo a pensare a loro, a mia moglie che si trovava in una situazione difficile, da sola con il nostro bambino appena nato”, ha spiegato.

Ma al telefono sentiva che la sua famiglia non gli stava dicendo qualcosa. Alla fine, Lubad ha scoperto che un’ora dopo che suo fratello minore era tornato dalla detenzione a Zikim Beach, era stato ucciso da una granata israeliana che aveva colpito la casa di un vicino.

Ricordando l’ultima volta che ha visto suo fratello, Lubad ha detto: “Ho visto che eravamo seduti lì in boxer, e faceva terribilmente freddo, e gli ho sussurrato: ‘Va tutto bene, va tutto bene, tornerai sano e salvo'”.

Durante la detenzione, la moglie di Lubad ha detto ai figli che era andato all’estero; Lubad non è sicuro che ci abbiano creduto. Suo figlio di 3 anni lo ha visto spogliarsi per strada quel giorno. “Mio figlio voleva davvero andare allo zoo, ma a Gaza non c’è più nessuno zoo. Così gli ho detto che durante il mio viaggio ho visto una volpe a Gerusalemme – e in effetti, quando sono stato interrogato, al mattino, sono passate alcune volpi. Gli ho promesso che, una volta finito, avrei portato anche lui a vederle”.

In risposta alle affermazioni riportate in questo articolo, secondo cui i soldati israeliani avrebbero bruciato le case dei palestinesi detenuti a Beit Lahiya, il portavoce dell’IDF ha commentato che le accuse “saranno esaminate”, aggiungendo che “negli appartamenti dell’edificio sono stati trovati documenti appartenenti ad Hamas e una grande quantità di armi” e che dall’edificio sono stati sparati dei colpi contro le forze israeliane.

Il portavoce dell’IDF ha affermato che i palestinesi a Gaza sono stati detenuti “per il coinvolgimento in attività terroristiche”, e che “i detenuti che sono stati trovati non coinvolti in attività terroristiche e la cui detenzione continua non è giustificata vengono rimpatriati nella Striscia di Gaza alla prima occasione”.

Per quanto riguarda le accuse di maltrattamento e tortura, il portavoce dell’IDF ha affermato che “qualsiasi accusa di condotta impropria nella struttura di detenzione viene indagata a fondo. I detenuti vengono ammanettati in base al loro livello di rischio e alle loro condizioni di salute, secondo una valutazione giornaliera. Una volta al giorno, la struttura di detenzione militare organizza una visita medica per verificare le condizioni mediche dei detenuti che lo richiedono”.

I detenuti che hanno parlato con +972 e Local Call, invece, hanno dichiarato di essere stati visitati da un medico solo al loro arrivo nella struttura e di non aver ricevuto alcun trattamento medico successivo nonostante le loro ripetute richieste.

Il pungolo rosso

1561