il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Dove volano i salami

Dove volano i salami

(2 Maggio 2010) Enzo Apicella
Arrestati undici 'Falchi' della polizia di Napoli, per aver "ripulito" il carico di un tir rapinato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Sotto il cespuglio della bella di notte

un libro di Nasrin Parvaz

(2 Settembre 2006)

Il libro

Nasrin Parvaz, ci racconta in un linguaggio scarno ma quanto mai efficace gli otto anni di detenzione patiti nei carceri di Teheran, esclusivamente a causa delle proprie idee politiche e della coerenza con la quale si è sempre rifiutata di rinnegarle. Attraverso la storia della propria vicenda personale e una galleria di ritratti di compagne di lotta e di detenzione, l’autrice disegna un affresco suggestivo e memorabile di uno dei periodi più oscuri della storia del proprio Paese.

Un inno alla vita, da onorare e difendere anche nelle condizioni più difficili e al tempo stesso una durissima denuncia contro i soprusi, le torture e le barbarie di un regime che, con la forza bruta dell’integralismo più bieco, ha soffocato un’intera generazione di iraniani.

Un affresco corale in cui prendono spessore e contenuto lo sforzo di migliaia di persone incarcerate che hanno lottato con estrema determinazione per difendere i valori in cui sempre hanno creduto. Eroi sconosciuti di una guerra senza quartiere grazie ai quali anche noi, anche qui, possiamo conservare la speranza di un mondo più libero e più giusto.

La “bella di notte” del titolo è la pianta-nascondiglio di cui si servivano Nasrin e le sue compagne per scambiare messaggi. Perché comunicare, nei momenti più drammatici, vuol dire anche e soprattutto sopravvivere.

Biografia dell'autrice

Nasrin Parvaz è nata nel febbraio del 1958 a Teheran. Nel 1978 si reca in Inghilterra per la prima volta per motivi di studio. L’anno seguente, quando cioè la “rivoluzione” khomeinista sta per esplodere, Nasrin torna in Iran per una breve visita alla famiglia, ma decide di fermarsi e dal 1980 si impegna attivamente nella lotta per i diritti civili e delle donne che stanno venendo precipitosamente a mancare. Come tantissime altre persone, nel 1982 viene arrestata e resta in carcere fino al 1990. Subisce torture e viene condannata a morte. Con l’aiuto di suo padre riesce però a commutare la pena capitale in dieci anni di detenzione.

Dopo il suo rilascio continua a frequentare gli ambienti politici e a credere nella lotta per la giustizia, ma nel 1993, a causa di nuovi arresti e di persecuzioni, si rende conto che restare nel proprio paese non ha più senso e riesce a raggiungere l’Inghilterra. Dopo un anno le riconoscono la condizione di rifugiata politica. Il deleterio effetto delle torture la costringe a cercare aiuto presso l’ “Istituto di cura per le vittime delle torture”, dove per anni segue una psicoterapia. A Londra studia psicologia e poi segue un master in Relazioni Internazionali. In questo momento si sta occupando di uno studio sugli effetti psicologici e sociali che ha avuto l’Islam sul popolo iraniano. È socia dell’ “Organizzazione per l’emancipazione della donna”. La fondazione medica per le vittime della tortura e la scrittura l’aiutano piano piano a ricostruire la propria vita. Con l’incoraggiamento della scrittrice inglese Sonia Linden, Nasrin decide di raccogliere le sue memorie in un libro, “Sotto il cespuglio della bella di notte”, edito in pharsi nel 2002, in cui racconta gli otto anni di detenzione e analizza anche quelli che sono stati gli errori fatti nel processo di lotte delle varie organizzazioni della sinistra iraniana.

4855