il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Stefano Gugliotta

Stefano Gugliotta

(11 Maggio 2010) Enzo Apicella
Dopo che le tv hanno trasmesso il video di Stefano Gugliotta che viene pestato immotivatamente dalla polizia e poi arrestato per "resistenza a pubblico ufficiale", il capo della polizia Manganelli "dispone una ispezione".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Campagna intimidatoria e rapimento di sindacalisti in Sri Lanka

(6 Aprile 2007)

Si è fatta preoccupante la situazione in Sri Lanka da quando il governo ha lanciato una campagna pubblica che criminalizza le organizzazioni sindacali descrivendo i suoi rappresentanti come traditori e fiancheggiatori dei ribelli del Fronte di liberazione delle Tigri Tamil.

Per rendere esplicito il tentativo di far fuori il sindacato, in molte parti del paese, in particolare in prossimità di stazioni ferroviarie, fermate dei mezzi pubblici, ospedali, all’ingresso delle zone franche per l’esportazione, sono cominciati ad apparire cartelloni che invitano all’arresto dei dirigenti sindacali più in vista, fra questi Anton Marcus, segretario del Sindacato dei lavoratori delle zone franche e dei servizi pubblici (FTZGSEU), con il quale la Clean clothes campaign collabora da anni.

Il 6 febbraio scorso tre uomini, fra i quali un sindacalista, sono stati rapiti da gruppi anonimi a Colombo, la capitale dello Sri Lanka, scatenando nei giorni successivi manifestazioni spontanee da parte delle organizzazioni sindacali indipendenti a cui apparteneva il funzionario rapito. Nei giorni successivi il governo si è assunto ufficialmente la responsabilità dell’azione, dichiarando di avere trattenuto le persone scomparse per interrogarle per sospetta collaborazione con le Tigri Tamil.

Da allora gli attivisti sindacali devono difendersi in tutto il paese da una campagna diffamatoria sempre più aggressiva, con atti intimidatori e minacce di morte, nell’assoluta indifferenza delle autorità pubbliche. L’Asian human rights commission sottolinea in un suo rapporto come le sparizioni siano diventate negli ultimi anni uno strumento sofisticato nelle mani del governo per cancellare qualsiasi forma di opposizione politica e sociale nel paese.

INVIATE UNA LETTERA al presidente dello Sri Lanka per chiedere misure a garanzia della sicurezza dei sindacalisti minacciati e di un clima di confronto pacifico e costruttivo (inserire nell’oggetto: Intimidations of trade unionists in Sri Lanka)

Newsletter ABITI PULITI n.3

4878