il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Gelo

Gelo

(7 Febbraio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

DIRITTI DEI LAVORATORI

Ancora scioperi a difesa dell'art. 18

(22 Marzo 2012)


Anche oggi in numerose fabbriche italiane i lavoratori hanno scioperato, tenuto assemblee e manifestazioni. La disponibilità degli operai a mobilitarsi contro lo smantellamento dell'art. 18 e dei loro diritti è visibile.

fiom liv

È iniziata la mobilitazione degli operai metalmeccanici umbri contro «l'attacco portato dal governo ai diritti dei lavoratori e, in particolare, all'articolo 18». Lo annuncia la Cgil Umbria. «Alta l'adesione al primo sciopero di due ore -si legge in una nota del sindacato- indetto dalla Fiom di Perugia, nelle giornate di martedì e mercoledì, e grande partecipazione alle assemblee che si stanno svolgendo su tutto il territorio. Domani, 23 marzo, sarà invece la volta degli operai ternani del gruppo Ast (Tkl-Ast, Sdf, Aspasiel, Titania, Ilserv e ditte terze) che sciopereranno per due ore ogni turno e terranno assemblee in fabbrica. Ieri sera -spiega ancora il sindacato- si è autoconvocata un'assemblea dei lavoratori dell'Iverplast, con sciopero nelle ultime due ore del turno, alla quale hanno partecipato anche altri lavoratori delle aziende del marscianese». «È stata un'assemblea partecipata e indicativa del clima che c'è nelle fabbriche -commenta Simone Pampanelli, della Fiom Cgil di Perugia, che ha partecipato all'assemblea con Francesco Bartoli della Cgil territoriale- ed è chiaro che tra i lavoratori c'è molta rabbia per il tentativo di fare cassa sui loro diritti, non solo con la manomissione dell'articolo 18, ma anche con il pesante indebolimento degli ammortizzatori sociali. Qui -conclude Pampanelli- si usano i soldi dei lavoratori per pagare la crisi». Nei prossimi giorni, altre aziende scenderanno in sciopero con le rsu che decideranno le modalità di adesione. E il segretario generale della Fiom di Perugia, Maurizio Maurizi, sottolinea come il clima nelle fabbriche sia molto teso: «Dalle assemblee che stiamo facendo -spiega- emerge con chiarezza la volontà dei lavoratori di difendere l'articolo 18, che è considerato da tutti un elemento irrinunciabile». «Anche gli operai non iscritti alla Fiom sono d'accordo sulla necessità di una grande mobilitazione per difendere questo diritto -prosegue Maurizi- e per questo nei prossimi giorni e nelle prossime settimane la Fiom di Perugia sarà impegnata per la piena riuscita della mobilitazione che la Cgil sta costruendo a difesa dell'articolo 18, contro la dilagante precarietà e per l'estensione degli ammortizzatori sociali».

Proseguono anche a Torino e in provincia le iniziative di protesta dei lavoratori metalmeccanici a difesa dell'art. 18. Dopo la manifestazione dei lavoratori Alenia di Caselle che ieri per un'ora e mezza hanno bloccato la tangenziale, oggi a scendere in piazza sono stati i lavoratori dell'Alenia di Corso Marche (Aeronautica e Thales). Alcune centinaia di impiegati e tecnici in occasione dello sciopero di due ore proclamato unitariamente dai sindacati, hanno sfilato in corteo in Corso Francia. Un'analoga iniziativa ha interessato i lavoratori dell'Avio di Rivalta. Nel resto del Piemonte le agitazioni hanno interessato le aziende di tutti i settori, dalla gomma alla plastica, alla chimica, alla metalmeccanica mentre altre iniziative sono già state annunciate per domani. Domani a Cuneo, dalle 16 alle 18 è in programma una manifestazione con presidio in piazza del municipio. Agli scioperi si aggiungono i numerosissimi ordini del giorno unitari che provengono da tutti i settori, dal terziario all'industria, alla cooperazione sociale, che ribadiscono la contrarietà alle modifiche annunciate all'articolo 18.

Sciopero spontaneo unitario oggi alla Ansaldobreda di Pistoia. I lavoratori, per iniziativa delle segreteria provinciali di Fim, Fiom, Uilm e Uglm, hanno manifestato per le vie della città. «I lavoratori - hanno scritto i sindacati in una nota - non possono essere chiamati a pagare per il malaffare e la mala gestione di gruppi dirigenti in altri affari indaffarati. Il sindacato, unitariamente, rifiuta la manomissione dell'articolo 18, che assume la possibilità di licenziare per ragioni economiche, vere o false che siano, attraverso la mercificazione del futuro delle persone».

Corteo degli operai della Piaggio di Pontedera (Pisa) oggi per protestare contro la riforma del mercato del lavoro e in particolare contro le norme riguardanti l'art. 18. Lo sciopero è stato organizzato dalla Fiom-Cgil e ha ricevuto un'elevata adesione. I manifestanti si sono diretti gridando slogan allo svincolo di Ponsacco della superstrada Firenze-Pisa-Livorno, e hanno occupato la sede stradale in entrambe le direzioni di marcia. Si sono formate lunghe code sulla superstrada, una delle arterie vitali per il traffico regionale.

Stamattina ad inizio turno i lavoratori della Fincantieri Muggiano della Spezia si sono riuniti in assemblea ed hanno deciso di proclamare uno sciopero e di occupare lo stabilimento per protestare la cosiddetta riforma del lavoro prevista dal governo Monti. «Circa 300 lavoratori stanno stazionando di fronte ai cancelli della fabbrica. Nella protesta - spiega la Cgil La Spezia - sono impegnati la rsu e non solo la Fiom, ma anche Fim e Uilm».

Redazione Contropiano

1811