il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La fatalità dominante

La fatalità dominante

(26 Novembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 64 di "Alternativa di Classe"
    (18 Aprile 2018)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Capitale e lavoro)

    SITI WEB
    (Di lavoro si muore)

    DIRITTI DEI LAVORATORI

    Di lavoro si muore

    Sicurezza nei luoghi di lavoro

    (925 notizie dal 12 Novembre 2001 al 7 Aprile 2018 - pagina 1 di 47)

    L'oblìo della "questione lavoro" segno di decadenza politica e morale

    “Articolo 1 L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.” Mentre si discute astrattamente della formazione di un nuovo governo seguendo esclusivamente la logica del potere nessuno (o quasi) riflette sulla decadenza del Paese: una decadenza stretta tra deficit politico...

    (7 Aprile 2018)

    Franco Astengo

    Ancora morti sul lavoro, ma non è fatalità!

    Le cronache di questi giorni riportano in evidenza un fenomeno molto diffuso, ma sempre oscurato dai mezzi di informazione le morti sul lavoro. Tre morti in Toscana, due a Livorno e uno ad Arezzo, uno in Emilia, poi ancora due a Catania ed infine due nel giorno di Pasqua in Lombardia. Uno stillicidio che colpisce il mondo del lavoro da nord a sud, caduti nel settore privato e anche in quello pubblico...

    (3 Aprile 2018)

    USB Toscana

    SICUREZZA SUL LAVORO: IL PUNTO SULLA SANITA’ LIGURE

    La strage di lavoratori non si ferma. Il profitto causa tre morti al giorno. Ma i media riportano i casi eclatanti, che fanno notizia. Nel calcolo vorremmo aggiungere le “morti silenziose”, quelle dovute a malattie professionali ancora troppo poco denunciate e riconosciute. In sanità, come dichiarato nei precedenti comunicati, non emerge la reale situazione. La sicurezza sul lavoro...

    (31 Marzo 2018)

    Osservatorio SSL Usb Sanità

    USB: Carmine, ucciso a 56 anni dalla privatizzazione selvaggia di RFI. Ecco come

    Piangiamo un altro morto di lavoro, Carmine Cerullo, operaio di 56 anni di Napoli residente a Torino, folgorato ieri notte nel nodo ferroviario di Bologna durante un intervento appaltato da RFI alla Sifel di Spigno Monferrato, azienda del gruppo CLF spa di Bologna, che a sua volta fa capo alla multinazionale olandese Strukton Rail AB. Questo tourbillon aziendal-geografico racchiude tutta la sanguinaria...

    (29 Marzo 2018)

    Unione Sindacale di Base Lavoro Privato - Attività Ferroviarie

    LAVORO: LA BANALITA’ DEL QUOTIDIANO

    Si spezzano ogni giorno le illusioni di chi pensa alla tecnologia come punto di riferimento della “liberazione dal lavoro” ( o nel lavoro), capace di restituire alla donna e all’uomo dignità, tempo per sé e per gli altri, uscita – anche parziale – dalla condizione di sfruttamento. Ci s’illude anche attorno alle idee su “reddito di cittadinanza”,...

    (8 Febbraio 2018)

    Franco Astengo

    AVVELENATO IN FABBRICA O STRITOLATO IN UN CARRO BESTIAME, ESSERE LAVORATORI OGGI A MILANO È ANCHE QUESTO

    Un reparto è stato colpito da gas tossici, quattro morti e diversi feriti. Un treno diretto alle postazioni in prima linea è deragliato, tre morti e decine di feriti. Messa così sembra un bollettino di guerra, roba da Prima guerra mondiale. Invece si tratta degli operai morti in una fabbrica metalmeccanica a Milano e dei pendolari del disastro ferroviario di Pioltello, stessi...

    (29 Gennaio 2018)

    Prospettiva Marxista

    LA STRAGE OPERAIA ALLA LAMINA DI GRECO SCATENA UN EMPITO DI SGOMENTO E RABBIA.

    QUATTRO VITE DISTRUTTE QUASI ASSURDAMENTE MA INESORABILMENTE TRAVOLTE DALLA LOGICA DI SFRUTTAMENTO CHE ANIMA PICCOLE MEDIE GROSSE IMPRESE.

    CIO’ CHE SEMBRA UNA CASUALITA’ E’ FIGLIO PROPRIO DEL PROFITTO: NELLA FASE ATTUALE DI LAVORO IPERFLESSIBILE E RICATTATO SI PUO’ PERDERE LA VITA PER UN NONNULLA. SOLO LA VIGILANZA E IL CONTROLLO DIRETTO DI CHI LAVORA PUO’ ARGINARE LA CARNEFICINA CHE SI RIPRODUCE QUOTIDIANAMENTE DENTRO E FUORI DAI LUOGHI DI LAVORO. COSTITUIRE I COMITATI ISPETTIVI OPERAI, ANIMATI DA UNA VISUALE...

    (24 Gennaio 2018)

    CIRCOLO DI INIZIATIVA PROLETARIA GIANCARLO LANDONIO - BUSTO ARSIZIO

    MORTI SUL LAVORO: CONTINUA LA MATTANZA IN NOME DEL PROFITTO

    Le morti sul lavoro sono il risultato di una vera e propria guerra scatenata dalla classe padronale. Ogni anno si contano centinaia di lavoratori e di lavoratrici caduti sui luoghi di lavoro e/o che muoiono per malattie contratte nei processi produttivi e migliaia gli infortuni con conseguenze spesso gravi. Ogni volta sentiamo parole, da esponenti istituzionali, di falsa manifestazione di cordoglio. Ogni...

    (22 Gennaio 2018)

    Il Segretario Generale Nazionale FLMUniti-CUB Antonio Ferrari

    Milano: domani il Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio parteciperà al corteo contro le morti sul lavoro

    Informiamo che domani, venerdì alle ore 15, 30 il nostro Comitato parteciperà al corteo indetto dai sindacati confederali metalmeccanici “sulla sicurezza” e contro i morti sul lavoro che partirà da MM. San Babila a Milano. La ricerca del massimo profitto ha fatto ancora una vota nuove vittime. Tre operai sono morti e un quarto e in gravissime condizioni in ospedale,...

    (18 Gennaio 2018)

    Per il Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio, Michele Michelino

    Altri omicidi del capitalismo

    Tre operai morti, uno in fin di vita, due salvi per un soffio, in una piccola fabbrica metalmeccanica alle porte di Milano. L'ennesimo bollettino di una guerra quotidiana, di un massacro quotidiano: miniere e ponti in costruzione che crollano, roghi in fabbrica, petroliere e piattaforme petrolifere in fiamme, impalcature di cantieri che si afflosciano, amianto che uccide giorno dopo giorno, malattie...

    (17 Gennaio 2018)

    Partito comunista internazionale (il programma comunista)

    AL LAVORO COME IN GUERRA: IL NEMICO E’ IN CASA NOSTRA

    Ancora una volta, ieri a Milano, tre operai sono morti sul lavoro. Secondo le prime ricostruzioni sembra che i primi due lavoratori - Arrigo Barbieri, 57 anni, responsabile di produzione e Marco Santamaria, 42 anni, elettricista - appena scesi nel locale sotterraneo, profondo due metri, che contiene il forno in cui si scalda l’acciaio; abbiano perso subito i sensi a causa dell’aria satura...

    (17 Gennaio 2018)

    Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

    (ANCORA) SUL MORIRE PER SFRUTTAMENTO

    Mai dimenticare che si muore per sfruttamento: l’episodio di ieri sera a Milano (3 operai morti in una fabbrica metalmeccanica) ci riporta brutalmente a una realtà che, nell’infinita discussione sulla presunta fine della classe operaia, viene spesso lasciata da parte come fastidiosamente antico. Situazioni intollerabili, inaccettabili, insostenibili che pure continuano a pesare...

    (17 Gennaio 2018)

    Franco Astengo

    5 DICEMBRE 2017: IN MEMORIA DELLE VITTIME DEL LAVORO

    Intervento pronunciato alla manifestazione in memoria delle vittime del lavoro svoltasi il 5 dicembre a Bresso (Mi). L'evento è stato organizzato dal Comune di Bresso con il sindaco, l'ANMIL e il Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio. Nella democratica Italia nata dalla Resistenza, di lavoro si continua a morire più che in guerra. Sono passati 10...

    (6 Dicembre 2017)

    Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

    USB Terni, grande soddisfazione per sentenza ThyssenKrupp Acciai Speciali

    La Federazione USB di Terni esprime piena soddisfazione per la sentenza della Corte di Cassazione che respinge i ricorsi straordinari presentati dall'ex amministratore delegato della ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni Harald Espenhahn, dai dirigenti Gerald Priegnitz, Marco Pucci e Daniele Moroni, confermando così le condanne afflitte con il verdetto del 13 maggio 2016. La Federazione si augura...

    (20 Ottobre 2017)

    USB Federazione Provinciale di Terni

    Il capitalismo è barbarie e morte

    La moderna condizione operaia nel 2017: sfruttamento, licenziamenti e morti sul lavoro.

    Il caso ILVA Per anni i sindacati FIOM (CGIL)-FIM (CISL)-UILM (UIL) UGL- hanno garantito pace sociale e profitti ai vari padroni pubblici e privati, barattando il lavoro e il salario con la salute degli operai della fabbrica e dei cittadini di Taranto e dintorni. Non si lottava contro la nocività in fabbrica e col padrone di turno, si accettava invece tranquillamente la politica padronale...

    (16 Ottobre 2017)

    Michele Michelino (dalla rivista nuova unità)

    Non si può morire sul lavoro. Sabato 23 settembre un operaio della Revet, Fabio Cerretani, è morto mentre svolgeva il suo lavoro

    Il castello di norme antioperaie costruito in questi ultimi 20 anni, dalla legge n. 196 del 24 giugno 1997, (pacchetto Treu) sino all’attuale Jobs Act, passando per l’abolizione dell’Art. 18 ha prodotto, oltre ad un impoverimento generalizzato dei lavoratori e ad un aumento della disoccupazione e della precarietà, anche un esponenziale incremento di infortuni e morti sul lavoro....

    (28 Settembre 2017)

    Unione Sindacale di Base Federazione di Pisa

    Fabio Cerretani, l’ennesima vittima di un sistema di sfruttamento insopportabile

    Da anni denunciamo il progressivo scivolamento delle relazioni tra lavoratori e sistema imprenditoriale verso forme di nuovo servilismo. Il castello di norme antioperaie costruito in questi ultimi 20 anni, dalla legge n. 196 del 24 giugno 1997, (conosciuta anche come pacchetto Treu) sino all’attuale Jobs Act, passando per l’abolizione dell’Art. 18 ha prodotto, oltre ad un impoverimento...

    (24 Settembre 2017)

    Unione Sindacale di Base Federazione di Pisa

    MARCINELLE (Belgio), 8 AGOSTO 1956: STRAGE DI MINATORI

    MANTENIAMO LA MEMORIA STORICA SU 262 MORTI (136 IMMIGRATI ITALIANI),
    PER EVITARE CHE, NELLA “CIVILE EUROPA”, PROSEGUANO LE MORTI SUL LAVORO

    RICORDIAMO ANCHE QUESTA DATA 8 AGOSTO 1956. 61 anni fa, la strage su lavoro nella miniera di MARCINELLE in Belgio. Il bilancio alla fine fu di 262 morti, di cui 136 di emigrati italiani. Causa della strage operaia, un incendio scoppiato a quota 975 della miniera, nel distretto carbonifero di Charleroi, i minatori morirono a causa di un incidente banale, UCCISI SUL LAVORO soprattutto dalla "premeditata"...

    (8 Agosto 2017)

    Usi Unione Sindacale Italiana segreteria nazionale confederale

    Giuliano Lipperi è morto oggi servendo lo Stato come Vigile del Fuoco “discontinuo”

    Oggi 7 luglio ha perso la vita Giuliano Lipperi di 39 anni mentre era in servizio come Vigile del Fuoco Discontinuo presso il Comando provinciale di Viterbo. Un altro giovane precario perde la vita a servizio della comunità durante un intervento a Civita Castellana. L’Associazione Nazionale VVF Discontinui e la Confederazione Unitaria di Base esprimono il proprio cordoglio alla famiglia...

    (7 Luglio 2017)

    Carlo Mazzarella - Associazione Nazionale VVF Discontinui Luigi Casali - CUB Pubblico Impiego

    Il modello Fincantieri uccide ancora a Monfalcone

    Giovedì 2 marzo l’organizzazione produttiva di Fincantieri ha richiesto un altro tributo di sangue: nello stabilimento del rione di Panzano un operaio originario della Bosnia, dipendente di una ditta esterna in sub-appalto, che lavorava all’allestimento dei nuovi capannoni destinati alla verniciatura delle navi, è precipitato dal sottotetto della struttura restando ucciso...

    (5 Marzo 2017)

    Partito Comunista dei Lavoratori - Nucleo isontino

    <<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

    541360