il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Save Our System

Save Our System

(30 Luglio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • La fascistizzazione è sempre più evidente
    editoriale di "nuova unità", n. 5/2018
    (18 Settembre 2018)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    DIRITTI DEI LAVORATORI

    Capitale e lavoro:: Altre notizie

    Vivere senza salario

    I senza risorse, i senza futuro crescono di giorno in giorno.
    Oggi si arrangiano. E domani?

    (1 Settembre 2017)

    Giorgio Panizzari, L’albero del peccato, Colibrì, Paderno Dugnano (Milano), 2017. pp. 204, € 14.

    In allegato, l'articolo completo

    l'albero del peccato

    Il libro ebbe la sua gestazione negli anni Ottanta e, quindi, potrebbe apparire datato. In realtà, apriva e apre orizzonti di dirompente attualità. In quegli anni, l’incipiente crisi del modo di produzione capitalistico investiva e sconvolgeva, dove più dove meno, il mondo intero, generando ovunque profondi mutamenti nella struttura economico-sociale. Contemporaneamente, in quegli anni, si smorzavano in Italia gli ultimi focolai di lotta armata.
    Uno sguardo su quel periodo ci induce a esclamare: Come tutto è mutato da allora! E sì, quel mondo vive solo nei pallidi ricordi di una generazione ormai canuta.
    L’autore si sofferma su quanto stava avvenendo allora in Italia – Paese che, a mio avviso, rappresenta un interessante laboratorio politico-sociale –, e avanza importanti osservazioni che si possono sintetizzare:

    a) fine dell’assistenza/sicurezza sociale (il Welfare State) da cui la fine dell’illusione di «progresso» economico e di piena occupazione;
    b) disoccupazione dilagante e, via via, prevalenza della sovrappopolazione relativa, ossia della parte di popolazione che non ha alcuna prospettiva di lavoro stabile e «decoroso»;
    c) formazione di una massa di consumatori senza lavoro o meglio senza salario;
    d) emersione di attività «extralegali» che subiscono una mutazione genetica, anche rispetto a un passato recente;
    e) imposizione del «controllo» sociale, accompagnato da una crescente e pervasiva stretta repressiva su ogni aspetto della vita sociale[1].
    Queste le conclusioni di Panizzari. Esse sono precedute da un essenziale excursus (sempre utile) sulla nascita del diritto moderno che ci aiuta a capire su quale ideologia si fonda l’attuale clima securitario e repressivo, in cui l’emergenza diventa la regola.

    [1] Panizzari fornisce numerosi e impressionanti dati sulla situazione che si stava creando. Egli delinea una tendenza che le mie attuali ricerche confermano pienamente. Nel corso di questa presentazione, ho aggiornato i dati a mio parere più significativi.

    Dino Erba

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Allegati scaricabili

    Ultime notizie dell'autore «Dino Erba»

    2592