il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

25 Aprile

25 Aprile

(23 Aprile 2009) Enzo Apicella
Il libro di Domenico Losurdo "Stalin.. storia e critica di una leggenda nera" scatena la polemica all'interno del Prc

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

DIRITTI DEI LAVORATORI

L'apparato borghese inserisce la Slovenia nelle sue file

(7 Settembre 2018)

Un pericolo nero si aggira per l'Europa.
Anche nella vicina Slovenia l'allarme arriva inquietante: squadre ultra-nazionaliste si stanno armando e allargando; la storia insegnerebbe come due continenti non possano convivere assieme a causa delle loro differenze culturali.
Diversità linguistiche, modi della socialità, religioni, indumenti, diritti, lavoro e stato sociale: sono le cose che infastidiscono l'uomo bianco europeo, il quale è "tollerante" solo verso le prostitute sfruttate nei vari suoli europei, per soddisfare l'appetito sessuale delle oscure categorie della destra populista xenofoba del nostro continente.
A poco, oggi, serve spiegare al popolo che il nostro continente stà invecchiando rapidamente, perdendo ingenti profitti sulla scala economica, tanto che i nostri aguzzini imprenditori, sollecitano più manodopera nelle loro imprese, a costi bassi dai paesi Africani.
A nulla serve spiegare al popolo che noi, come colonizzatori prima e new colonialisti oggi, stiamo depredando il continente africano, per i nostri consumi e er i sontuosi automezzi che sfrecciano vuoti portando a spasso il solo conducente.
Noi comunisti potremmo ribellarci, sacrificarci per la causa, ma non otterremmo nulla di quello che ci siamo prefissati, media e imperialisti hanno ramificazioni e intercessioni potenti che azzerano le nostre lotte, spacciandoci per i cattivi e imbecilli che vogliono disgregare e distruggere anche i piccoli e innocui disoccupati che già di loro non hanno nulla.
Per cui la stampa padronale, in questi decenni, ha spostato l'elettorato ove più le conviene, la destra xenofoba è cresciuta sostanzialmente grazie alle loro morbide e innocue notizie sul proliferare di gruppi fascisti, spacciati come "duri ", da esibire in segno di difesa e sicurezza rispetto alla crescita delle differenze etniche in Europa,.
L'opposto vien fatto con i migranti, su cui si raccolgono notizie senza averne prove certe e ingigantendole; più di qualche volta il giorno dopo quella notizia spacciata come vera viene smentita con un trafiletto in ultima pagina, lasciando dunque al lettore l'idea che la notizia falsa sia cosa autentica. Per questa via, l'odio razziale aumenta nei confronti dei "diversi" di pelle, credo ed etnia.
Il processo imperialista salva il suo profitto innescando la guerra tra poveri, una sorta di roulette ben orchestrata, che inquadra l'individuo nella loro idea di controllo e sudditanza, così da salvaguardare i loro tesori, facendoli aumentare quotidianamente. Ciò, anche attraverso la messa in crisi di interi comparti industriali, l'aumento dei disoccupati e del malessere generale, condizione per la ripartenza dei loro sporchi affari.
Oggi abbiamo la riprova di quello che stiamo dicendo da anni, ma rimaniamo soggiogati da quei generali senza esercito, che mirano ancora furbescamente alle sedi e poltrone di palazzo, sapendo che una volta ottenuta la fetta del dolce, dovranno accettare l'austerità. Ovviamente si difenderanno con le famose frasi fatte, tipo "NON SIAMO NOI AL POTERE" per cui è meglio se ancora indossate la maglietta e bevete la birra, un ubriaco è sempre un ottimo compagno.
Mentre i nostri giovani " rivoluzionari " con al birra in mano dopo averne bevute un paio cantano "bella ciaooooo" , le destre si organizzano in tutta Europa, supportate non da merde di camerati ubriachi, bensì dal popolo che ormai le considera unico mezzo di sicurezza per le loro rispettive nazioni.
E qui, su questa notizia concernente i nostri vicini di casa, ci torna alla mente la risposta di uno storico triestino , quando noi gli dicemmo anni fa che anche in Slovenia e in Serbia ci sono formazioni di estrema destra: una risposta che si attestava sulla negazione di quello che noi dicevamo.
http://ilpiccolo.gelocal.it/…/i-paramilitari-dell-ultradest…
Leggendo questo articolo assai completo e non accusatorio sulla formazione fascista, ma di tolleranza quasi benevola, verrebbe da descriverla quasi con una frase dei nostri nemici storici, intellettuali sinistri che ci accusano di analfabetismo e ignoranza perché semplici operai e non laureati come loro, per cui esseri di serie B . "La cosa ci sembra una ragazzata, sono solo sempliciotti cui piace giocare alla guerra".
Non crediamo siano solo dei semplici "sempliciotti", perchè questi stanno "giocando "alla guerra vera con le armi VERE.
Per cui noi compagni, fintanto che le destre non ci distruggeranno, noi continuiamo a cantare " o avanti o popolo con la lambretta rossa"
https://www.youtube.com/watch?v=e0R6c8P7X8g
per il comunismo C.C.B.

C.C.BROZ

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Ora e sempre Resistenza»

1493