il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Fiat: lacrime e sangue

Fiat: lacrime e sangue

(14 Agosto 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sentenza contro i vertici Fiat

Romiti e Mattioli condannati a rimborsare 500 miliardi di vecchie lire ai lavoratori

(28 Dicembre 2002)

Il 24 dicembre 2002, il giudice della Prima Sezione del Tribunale civile di Torino Michele Tamagnone ha sentenziato che ogni lavoratore Fiat che si è costituito parte civile contro i vertici aziendali Romiti e Mattioli, condannati dalla Corte di Cassazione per falso in bilancio e finanziamento illecito ai partiti, deve ottenere il rimborso di 1.508,78 euro ( più spese legali) per il danno subito.

I lavoratori costituitisi parte civile sono tutti aderenti allo Slai Cobas, che è stato l'unico sindacato che dopo aver perseguito e ottenuto la condanna di Romiti e Mattioli, ha aperto la richiesta di rimborso per il danno subito dai falsi in bilancio.

In questo momento in cui la Fiat sta procedendo al licenziamento di 8.000 lavoratori lo Slai Cobas è particolarmente soddisfatto di questa sentenza, che serve anche a ricordare uno dei tanti usi illegali e non a vantaggio dei lavoratori che la Fiat ha fatto dei suoi profitti.

Lo Slai Cobas intende verificare la possibilità di estendere questo diritto a tutti i lavoratori.

Ma non possiamo dimenticare che il 14.3.1997 durante l'ultima udienza del processo, l'avv. Chiusano esibì le lettere di Gianni Italia della Fim-Cisl, di Luigi Angeletti della Uilm-Uil e Walter Cerfeda della Fiom-Cgil, il cui contenuto analogo dichiarava che "il premio performance di gruppo non è legato ai bilanci aziendali per cui il danno per i lavoratori, se i bilanci fossero falsificati, come gli imputati hanno ammesso, sarebbe trascurabile".

In forza di questa convinzione, che il giudice di Torino ha invece irriso, le organizzazioni confederali non solo non hanno attivato la costituzione di parte civile sconsigliandolo ai lavoratori, ma non hanno neanche avviato cautelativamente la procedura di blocco della "prescrizione".

Slai Cobas

Fonte

  • Per informazioni Renzo Canavesi 0331.404645

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Crisi e lotte alla Fiat»

Ultime notizie dell'autore «SLAI Cobas»

7133