il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Zuccotti Park

Zuccotti Park

(16 Novembre 2011) Enzo Apicella
New York. Il sindaco Bloomberg ordina: via da Wall Street. Sgomberato Zuccotti Park. 200 arresti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

Costituire comitati e coordinamenti di lotta ovunque!

Mozione dell’assemblea del 28 maggio 2010 indetta dal Coordinamento Lavoratori Uniti di San Giuliano Milanese, alla presenza di 50 lavoratori e delegati del territorio del sud Milano.

(30 Maggio 2010)

I decreti legge che il governo si appresta a varare sotto l’alibi della crisi, sono il tentativo di realizzare i desideri della classe dirigente a spese dei lavoratori e della popolazione più bisognosa.

E’ dal crack delle borse dell’estate 2008 che Berlusconi in persona ha continuato a farsi bello dichiarando che l’Italia scoppiava di salute; per poi risvegliarci di fronte alla catastrofe di una crisi esplosiva che viene usata per imporre dolorosi sacrifici ai lavoratori italiani, in compagnia di quelli Greci e di mezza Europa.

La soluzione alla loro crisi è privatizzare tutti i servizi pubblici, rendere precari e licenziabili i lavoratori, aumentare l’età pensionabile e fare arricchire banche e imperi finanziari.
Vogliono colpire tutto il pubblico impiego e la spesa sociale, bloccando aumenti e assunzioni, in modo da aprire la medesima strada alle aziende e alle multinazionali contro i lavoratori del settore privato.
Non è solo un problema di scarsa equità nella distribuzione dei sacrifici: la classe dominante vuole auto assolversi per riscrivere la storia del continente a spese dei lavoratori e del futuro dei nostri figli.

Noi vogliamo opporci attivamente a tutto questo estendendo la costituzione di comitati e coordinamenti di lotta nei posti di lavoro dei settori pubblico e privato, agendo e promuovendo iniziative in modo unitario per coinvolgere tutte le forze disponibili a mobilitarsi.

Lottiamo per imporre il

-Blocco generale dei licenziamenti e della speculazione immobiliare e finanziaria
-La stabilizzazione di tutti i rapporti di lavoro
-La continuità salariale di chiunque perda il posto di lavoro
-La distribuzione del lavoro che c’è, “Lavorare meno lavorare tutti” a parità di salario
- L’abrogazione di tutte le leggi contro i lavoratori italiani e migranti.

L’efficace resistenza che i dipendenti della San Carlo di San giuliano hanno opposto ai licenziamenti col sostegno di altri lavoratori del territorio, dimostra che con la lotta è possibile ottenere risultati positivi. Smascheriamo l’imbroglio degli ammortizzatori sociali regalati ad aziende come la San Carlo che, nonostante il bilancio in attivo e una ristrutturazione inesistente, ottengono aiuti dallo stato per licenziare i lavoratori e sostituirli con personale precario.

Per continuare e approfondire questa battaglia sul territorio proponiamo:

-La creazione di un calendario territoriale delle lotte, con l’obiettivo di rendere pubbliche le mobilitazioni di ogni singola azienda e permettere così la partecipazione anche di altri lavoratori;

-La partecipazione a tutte le iniziative locali e nazionali contro i provvedimenti del governo, fra cui la manifestazione del 5 giugno a Milano a fianco dei lavoratori miganti e lo sciopero generale del 25 giugno, allo scopo di unificare le forze nella prospettiva di uno sciopero generale vero, a carattere prolungato, sino al ritiro definitivo della manovra;

-Di lanciare l’appello per una assemblea provinciale dei lavoratori a Milano, aperta a tutte le province lombarde, allo scopo di promuovere unitariamente una vera rivolta sociale, perché solo una resistenza organizzata può sbarrare la strada al governo e aprire uno scenario nuovo;

-Di raccogliere firme su un appello che chieda di costruire dal basso un forte sciopero generale

Coordinamento Lavoratori Uniti
di San Giuliano Milanese

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

2039