il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

La solita serva sciocca

La solita serva sciocca

(3 Giugno 2010) Enzo Apicella
Italia e USA votano NO alla risoluzione del Consiglio dei diritti umani dell'Onu che chiede una "missione di inchiesta" internazionale sul blitz israeliano

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Aggressione criminale e senza precedenti di israele a pacifisti inermi

Manifestiamo contro questo atto di guerra

(31 Maggio 2010)

Il brutale attacco perpetrato dai reparti speciali della marina israeliana in acque internazionali contro la piccola flotta diretta a Gaza recante aiuti umanitari e la conseguente uccisione di almeno diciannove volontari inermi dimostra che quella avvenuta è stata una vera e propria azione di guerra.

Conosciamo la precisione e l´efficienza militare dello stato sionista, finanziato dall´imperialismo e dal capitalismo mondiale. Sappiamo che il governo più reazionario della sua storia, nell'aver volutamente attaccato in acque internazionali, ha dato dimostrazione della volontà di imprimere un´escalation di tensione politica e conseguenti azioni di guerra nel teatro mediorientale.
Lo scopo è quello di innescare un prossimo conflitto su larga scala che veda il coinvolgimento dell´Occidente contro l´Iran e il definitivo colpo di grazia all'autodeterminazione del popolo palestinese.

Il Partito Comunista dei Lavoratori della Toscana è impegnato con i suoi militanti ed iscritti al massimo della mobilitazione contro le scellerate scelte dello stato di Israele e non solo. Il governo italiano, che ha gestito fino ad oggi scambi politici, militari e commerciali con lo stato sionista è altrettanto idealmente responsabile di questo massacro. Anche la Regione Toscana ha precise responsabilità, costruite in anni di ambigue relazioni economiche e politiche con le autorità israeliane.

Proponiamo di organizzare in ogni provincia dei primi presidi sotto le sedi dei consolati israeliani e le sedi delle amministrazioni locali, per chiedere la rottura di ogni tipo di accordo in atto con lo stato di Israele.
L´embargo internazionale a Gaza deve essere revocato immediatamente, per dare al popolo palestinese la semplice possibilità di poter vivere.
Fermiamo la volontà di guerra dello stato di Israele e dell´imperialismo internazionale che lo appoggia.

Partito Comunista dei Lavoratori della Toscana

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Freedom Flotilla»

Ultime notizie dell'autore «Partito Comunista dei Lavoratori»

3599