il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Libero mercato

Libero mercato

(18 Novembre 2008) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Scala mobile e salario minimo garantito.

(5 Marzo 2011)

La crisi libica ha infiammato l'inflazione per il rincaro della energia a causa di una velocissima manovra sui prezzi in cui è anche forte una componente di speculazione e di vera e propria rapina. L'effetto è immediato intanto sul costo dei carburanti che grava sui lavoratori che nella loro grande maggioranza usano il mezzo privato per raggiungere le aziende e sui costi di produzione di generi alimentari che rincareranno tutti. Insomma tutto costerà da subito più caro.

Altro effetto negativo sarà prodotto dal federalismo municipale che aumenta le tasse e dai rincari dei servizi delle ex municipalizzate. Insomma i salari e le pensioni già abbastanza rinsecchiti corrono il rischio di diventare evanescenti anche perchè sono fermi da circa venti anni. Dalla abolizione della scala mobile avvenuta il 21 luglio 1992 e dagli accordi di concertazione del 23 luglio 1993 ad oggi c'è stata una inesorabile progressiva svalutazione dei salari costretti quasi alla immobilità mentre tutto il resto è andato avanti secondo le leggi del mercato. Salari e pensioni basse hanno contribuito a non fare impennare di molto i prezzi data la minore possibilità di consumi di lavoratori e pensionati come dire che la povertà del popolo è servita a tenere in equilibrio il sistema. Ma è catastrofica la situazione dei redditi fissi. Il 17 % dei pensionati di vecchiaia riceve un assegno inferiore a 500 euro mensili. Il 6 % dei lavoratori riceve un "salario" inferiore a 500 euro al mese ed il 25 % sotto i 1000 euro.

Questa situazione angoscia sopratutto i pensionati che non solo non hanno mezzi di difesa, ma sono stati criminalizzati dal regime che li vuole vampiri delle risorse che spetterebbero ai giovani, propaganda alimentata anche da autorevoli economisti e professoroni come Monti, non promette niente di buono ed evolve verso il peggio. Diventeranno i pensionati italiani come i russi dopo la caduta dell'URSS costretti a mendicare per le strade ed a morire di freddo e di fame? Grave è la condizione dei lavoratori e delle loro famiglie. Sebbene l'economia italiana sembri in ripresa moltissime sono le ore di CIG. La contrattazione in deroga abbassa i minimi salariali ed i contratti in regime di precariato addirittura li dimezzano. Insomma la situazione si sta facendo assai critica per la sopravvivenza. Il liberismo ha imposto regole che vanno ben oltre la legge bronzea dei salari di Ricardo. Non solo il salario non va oltre la sussistenza dei prestatori d'opera ma é spesso largamente al disotto. Si sopravvive con l'aiuto delle famiglie fino a quando questo sarà possibile. Tutti i milioni di giovani biagizzati sopravvivono con l'aiuto dei genitori e spesso anche dei nonni. Nessuno è in grado di reggersi da solo e non basta neppure l'aiuto dello stipendio della compagna, se precaria.

In queste condizioni diventa indispensabile il ripristino della scala mobile, di un meccanismo di indicizzazione dei salari e delle pensioni. La scala mobile può essere congegnata per evitare taluni effetti negativi che le sono stati attribuiti. Non è vero che favorisce l'inflazione se scatta soltanto un paio di volte l'anno e sempre dopo la registrazione dell'andamento dei prezzi. Può addirittura essere uno strumento di contenimento di questi, perchè le aziende e lo Stato aumentando prezzi e tariffe dovranno tenere conto delle ripercussioni.
L'istituzione del Salario Minimo Garantito si rende indispensabile per tutta l'area del precariato e del lavoro immigrato. Ma farà bene a tutti bloccare la tendenza allo scivolamento verso il basso dei salari. Sarà un fatto di civiltà e di rispetto della dignità.

Eviterà l'imbarbarimento di una società che si spacca in due, da un lato i managers ed i politici che godono di retribuzioni scandalose e dall'altro i reietti che la morale liberista vorrebbe fare sentire falliti. Non è un fallito un giovane che dopo essersi laureato magari con tanto entusiasmo è costretto a servire in un ufficio per quattrocento euro al mese ma solo una vittima di un sistema che deve essere cambiato subito prima che sia troppo tardi.

Si potrebbe rivendicare anche un tetto per gli amministratori ed i managers. Cosa giusta specialmente nella pubblica amministrazione dopo la scandalosa riforma Bassanini.

Lo sciopero del 6 maggio prossimo affronta la questione salariale e delle pensioni? E' una domanda che mi pongo dal momento che mi pare prioritario mettere qualche cosa in più nelle tasche vuote dei lavoratori e dei pensionati.

http://www.cgilbi.it/_salari.html
http://www.uilpensionati.it/Documents/Pubblicazioni/FEBBRAIO%202006%20SINTESI%20rapporto%20inps%20istat.pdf

Pietro Ancona

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Difendere il potere d'acquisto dei salari»

Ultime notizie dell'autore «Pietro Ancona - segretario generale CGIL sicilia in pensione»

9723