il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La Gelmini ha ragione

La Gelmini ha ragione

(26 Novembre 2010) Enzo Apicella
Manifestazioni studentesche contro la "riforma" Gelmini in tutte le città.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Pontedera I comunisti con gli operai, il Pd con i padroni

Fermiamo il modello Colaninno (socializzare le perdite e privatizzare i profitti)

(22 Marzo 2011)

L'associazione comunisti uniti sostiene le ragioni di quanti si oppongono all'intesa in Piaggio

Esistono molte analogie tra il modello Marchionne e quello Colaninno, entrambi sono stati accolti come benefattori dai sindaci e dal sindacato, hanno beneficiato di aiuti statali (la cassa integrazione, le mancate tassazioni sui profitti aziendali, piani urbanistici e strutturali favorevoli all'azienda), salvo poi attuare politiche di forte ridimensionamento occupazionale, delocalizzazioni, intensficazioni dei ritmi lavorativi, ricorso massiccio al precariato.

In Toscana esiste una santa alleanza tra Regione, enti locali (tutti governati dal partito democratico) e aziende, a rimetterci sono i lavoratori che vedono minacciati salute, sicurezza e posti di lavoro da intese anti operaie benedette dai politici.

Se il partito democratico si schiera dalla parte di Colaninno, i comunisti non hanno alcun dubbio e stanno dalla parte degli operai che si oppongono ad accordi che intesificano ritmi di lavoro e sfruttamento, accanto agli operai che reclamano dignità e diritti.

Siamo allibiti, ma non sorpresi, dalle dichiarazioni dei segretari Provinciali e regionali della fiom e del segreteraio della Cgil pisana che si schierano apertamente a favore dell'intesa e in aperta antitesi ai loro stessi delegati, parlano perfino di un clima intimidatorio, una sorta di caccia alle streghe utile per isolare e criminalizzare quanti si oppongono a questo accordo che cancella 400 posti di lavoro in cambio di proposte evanescenti e senza alcun piano industriale, anzi con il forte ridimensionamento delle 2 ruote. Le stesse dichiarazioni del segretario nazionale Landini apparse sulla stampa alla vigilia delle assemblee sono uno spot pubblicitario per sostenere un accordo che lo stesso Landini aveva respinto a Pomigliano

Se Uilm, fim e ugl confermano la loro natura filo padronale, la Fiom provinciale e nazionale sta svendendo i lavoratori rivendicando la natura volontaria di queste mobilità, pur sapendo che Le mobilità (oggi) volontarie molto presto diventeranno obbligatorie (ricordate che l'accordo di Pomigliano doveva valere solo per quello stabilimento ed è divenuto il modello da seguire in Fiat e in tutto il settore metalmeccanico??) Colaninno a Pontedera sta attuando la politica annunciata nei mesi scorsi a partire dallo smantellamento del rapporto di lavoro a tempo indeterminato contro cui si è espresso in convegni pubblici senza alcuna mobilitazione sindacale

E senza mobilitazioni, i lavoratori sono condannati alla sconfitta.
Dalla parte del no, senza se e senza ma.

Associazione comunisti uniti Pisa e provincia

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Servi dei padroni»

4749