il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

"Incidenti"

(6 Novembre 2010) Enzo Apicella
Esplode la Eureco di Paderno Dugnano: sette operai feriti, quattro rischiano la vita. In Puglia tre morti sul lavoro nell'ultima settimana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 77 di "Alternativa di Classe"
    (23 Maggio 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Di lavoro si muore)

    Tricom. Una sentenza vergognosa

    (25 Maggio 2011)

    Con il più profondo disgusto abbiamo accolto la sentenza con cui il giudice Deborah Di Stefano ha mandato assolti, poiché “il fatto non sussiste”, Zampierin, Sgarbossa, Battistella, titolari e direttore della Tricom, la nota fabbrica dei veleni di Tezze, responsabili della morte dei lavoratori dell’azienda che per anni hanno respirato, senza tutela alcuna le sostanze nocive presenti nel processo produttivo.
    Il giudice, moglie di un imprenditore, ancora una volta assolve i responsabili!
    Come al solito questo tribunale, nel suo gioco delle parti, (il PM chiede 13 anni e il giudice assolve), ha dimostrato fino in fondo la propria natura di tribunale al servizio dei padroni.
    Non è bastata la duplice richiesta di archiviazione, il cambio completo di giudici e PM, il rito abbreviato e a porte chiuse con lo sconto di un terzo della pena, la sentenza del processo civile e del processo per disastro ambientale di Cittadella che condannavano gli imputati.

    Il giudizio di questo tribunale è una vergogna, che uccide una volta di più i lavoratori della Tricom e umilia i loro familiari.

    Questa è una sentenza storica e ignobile che, mentre assolve i padroni imputati, condanna il tribunale alla propria infamia.
    Alla notizia dell’assoluzione, è esplosa la rabbia dei lavoratori presenti con lancio di uova contro il tribunale e slogan gridati durante il corteo fino alle piazze di Bassano, mentre alla chetichella e di nascosto come ladri, giudici e avvocati si sono allontanati “per porte secondarie” dalla scena del delitto, lasciando alle forze dell’ordine il compito di sgomberare la piazza.
    Una sentenza che rende completa impunità (il fatto non sussiste) ai padroni, che ora possono continuare ad avvelenare non solo i lavoratori, ma anche l’ambiente e i cittadini che lo abitano.
    Questa sentenza è un mandato reso ai padroni per uccidere nuovamente in nome del profitto.
    Ma è anche, per quanto ci riguarda, un segnale preciso di resistenza e di lotta rivolto ai lavoratori e ai cittadini consapevoli una volta di più che questa società, fondata sul profitto, è una società di avvelenamento e di morte.

    La nostra lotta è la lotta di tutti!!!

    Bassano del Grappa, 24 Maggio 2011

    Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio di Tezze sul Brenta e Bassano del Grappa

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

    Ultime notizie dell'autore «Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio. (Bassano del Grappa)»

    10814