il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Memoria e progetto)

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Non se po sentì, non se po vedè....

un commento sulla serata di ieri presso lo stand "Un buon lavoro... un buon servizio" alla festa di liberazione

(25 Settembre 2004)

Si è fatto un bilancio sulle precedenti giornate del 10 e del 21 settembre. Più di qualcuno della federazione romana , autorevole, tra i presenti, ha ipotizzato che il 21 settembre il Coordinamento cittadino operatori sociali (cocittos) avesse preordinato e preparato un'azione di disturbo e boicottaggio della serata che vedeva ospiti Laurelli, Bartolucci, Bonadonna, Berliri ecc..
Vorrei dire che affermare con disinvoltura e pubblicamente queste cose tradisce uno spirito bacchettone e politicista di funzionario di partito e non di operatore sociale o formatore.
Il Cocittos ha partecipato costruttivamente il 29 maggio, alla sala degli Astalli, e il 10 e il 21 settembre alla Festa di Liberazione. C'è anche chi a titolo personale ha dato un contributo ai tavoli tematici.
Stupisce che gente così culturalmente preparata di Rifondazione non abbia fatto l'altra ipotesi più semplice: che la tensione scoppiata la sera del 21 sia semplicemente frutto di un malessere forte che esiste nel settore dei servizi alla persona. Malessere che non tutte le persone che ci lavorano possono autogovernare come sanno fare i tecnici della politica e i funzionari di partito.
E' ovvio che si tende a dare colpe agli altri per non dire che il grosso fallimento e tradimento, semmai ci fosse stato, sarebbe lo scollamento tra le intenzioni dichiarate dalla federazione romana del PRC con questa iniziativa e l'atteggiamento di latitanza, arroganza e omertà dimostrate finora dall'assessore al Lavoro dello stesso PRC.
Non venga a dire poi il responsabile del dipartimento lavoro della federazione che la presenza di striscioni contro i licenziamenti al dibattito del 10 settembre costituisce una contestazione nei confronti degli organizzatori.
La presenza di lavoratori dei canili, delle cooperative sociali, di organizzazioni sindacali di base, di persone licenziate selvaggiamente è stata composta e partecipativa. Senza queste componenti questa iniziativa sul welfare di rifondazione sarebbe stata un vero flop.

Rimane però la grande mistificazione della lingua biforcuta che qualcuno dovrebbe risolvere e spiegare ai cittadini e lavoratori: come si fa a promuovere questionari, a dichiarare di volere interrogarsi e interrogare sul welfare se poi l'assessore al lavoro, che è espressione del PRC nella Giunta comunale, se ne fotte altamente di quello che si dice e si dibatte e continua ad andare solo dove ci sono telecamere?

Grazie dell'attenzione

Dani

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va Rifondazione Comunista?»

3324