il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

AUGELLO HA PAURA E CHIAMA LA QUESTURA

UNA GIORNATA DI ORDINARIA REPRESSIONE “DEMOCRATICA”

(24 Ottobre 2015)

Si vanno moltiplicando i segnali inquietanti di una stretta repressiva contro qualsiasi movimento che interferisca coi piani politici dellera (auspichiamo brevissima!) renziana.

Dopo i gravi fatti di Bologna, anche Pisa diventa teatro di unoperazione esplicitamente intimidatoria e brutale, con decine di poliziotti mobilitati, addirittura con le armi in pugno, per reprimere una lotta studentesca contro laumento delle tasse universitarie e i tagli alle borse di studio e agli alloggi. Lotta che dura da giorni e che si era estesa e radicalizzata fino alloccupazione dellarea ex-Gea (di proprietà dellUniversità di Pisa), assai appetibile come possibile speculazione edilizia, cosa a cui Pisa è abituata da tempo.

Infatti, la giustificazione, assolutamente inconsistente, è quella di una richiesta del MAGNIFICO RETTORE professor Augello di intervento per impedire -sentite, sentiote!- il furto di libri conservati, cioè ammassati a pacchi, nelledificio. La scusa è meschina e provocatoria, vista la mancanza di qualsiasi cura e controllo per i preziosi libri abbandonati nellarea. Cosa ormai ordinaria nellamministrazione che dellUniversità sta facendo il MAGNIFICO, basta riflettere sullo stato di incuria e degrado in cui versano le decine di strutture universitarie (prime tra tutte la Sapienza), sullabbandono delle biblioteche, ormai prive di personale e lasciate allindifferenza del mondo accademico, sedicente amico della cultura.

Lattribuzione di furto di libri sa di beffa, oltre che di provocazione, mentre il vero furto di cultura è quello operato dal Governo, dallUniversità stessa e dagli Enti Locali, che tagliano fondi per listruzione e la formazione culturale e lasciano in stato di abbandono decine di biblioteche, che sono costrette a chiudere per mancanza di risorse e di personale.

Lintervento poliziesco mostra, inoltre, un salto di qualità nel grado della repressione. Le forze dellordine, che nelle ultime settimane avevano mostrato sempre di più i muscoli, stavolta hanno agito cercando chiaramente lo scontro, per inviare un segnale chiaro: ogni forma di opposizione, anche la più civile e nonviolenta, è assolutamente non più tollerata, non più praticabile, perché mette in discussione la legalità del potere in tutte le sue espressioni, quella che mescola e nasconde soprusi, degrado, incuria, affarismo, sfruttamento e speculazione.

Il progetto autoritario, cui sono improntate le politiche del governo e delle pubbliche amministrazioni, sta diffondendosi nel Paese con effetti nefasti: così, vediamo che la difesa della legalità si attua colpendo gli studenti e lanciando un segnale contro tutti coloro che intendano alzare la testa di fronte allassalto governativo contro lavoratori, comitati territoriali, associazionismo sociale e sindacale, movimenti per la difesa dei diritti allabitare.

I vertici del PD che amministrano questa città, proni ai poteri forti come lUniversità e alla cupola del malaffare speculativo, incapaci di riconoscere la penetrazione malavitosa e mafiosa, svendono il patrimonio pubblico, tacciono di fronte alla corruzione, distruggono ogni parvenza di democrazia.

La campagna per la sicurezza, il decoro, la legalità (campagna tanto cara al sindaco Filippeschi e al prefetto Visconti), basata su argomenti tipicamente reazionari, adesso passa apertamente alle vie di fatto: oggi si reprimono gli studenti che difendono il diritto allo studio, domani si colpiranno precari e lavoratori, a tutto vantaggio degli interessi di padroni e speculatori, che devono essere tutelati e lasciati liberi di fare affari, senza che nessuno denunci e si opponga agli intrecci inconfessabili, che dietro le quinte caratterizzano i rapporti tra i poteri dominanti nella nostra città.

Cobas Pisa

6187