il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Aiuto!

Aiuto!

(2 Maggio 2012) Enzo Apicella
A Torino contestato Piero Fassino al corteo del primo maggio. La polizia interviene con una carica pesante e immotivata.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Solidarietà ai 3 arrestati di Bologna

(21 Maggio 2005)

La "Rete di Solidarietà con il Paese Basco" desidera comunicare la propria totale solidarietà con i 3 ragazzi arrestati a Bologna a cui viene contestato anche il reato di sovversione dello Stato democratico.
Sebbene le accuse di violenza cerchino di giustificare l'arresto è chiaro il tentativo di criminalizzare qualsiasi lotta che si pone nell'ottica di denunciare la precarietà in cui versano i giovani, i migranti, gli strati sociali deboli della società.

Le rivendicazioni vanno stroncate! Il laboratorio di repressione politica messo in atto nell'Europa unita dei Padroni ha avuto come luogo di esperimento Euskal Herria (Paese Basco) riportando un notevole successo! Forti del risultato in cui decine di migliaia di Baschi sono rimasti senza rappresentanza politica fino alle ultime elezioni autonomiche di Maggio, i gendarmi dell'Europa del Capitale attuano la seconda fase: l'esportazione della repressione.

In Euskal Herria la repressione ha funzionato in quanto la magica parola "terrorismo" ha sortito l'effetto sperato; annullare qualsiasi richiesta di democrazia da parte di chi rivendicava l'autodeterminazione del proprio Popolo. E' bastato fare l'equazione Autodeterminazione = Terrorismo ed è venuta a mancare anche l'indignazione da parte di chi invece avrebbe dovuto rendersi conto che era stato costruito un laboratorio repressivo.

Da Euskal Herria all'Italia: il teorema di Cosenza, la criminalizzazione di Attac a Roma ed ora la discussione tra illegale ed illegale a Bologna con la conseguenza di avvallare arresti come quella dei 3 Compagni di Passepartout. La repressione a chi non vuole piegare la testa è esportabile! Sta a noi capire che bisogna rispondere con fermezza a queste provocazioni, a questi teoremi, a questa voglia di distruggere l'opposizione sociale alla povertà!

E' per questo che siamo a fianco dei 3 Compagni arrestati e ne chiediamo l'immediata scarcerazione subito!

Vittorio, Carmine e Fabiano LIBERI!

Rete di Solidarietà con il Paese Basco

8479