il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Obama Care

Obama Care

(30 Giugno 2012) Enzo Apicella
La Corte Suprema deli USA ha dato il suo avvallo alla riforma sanitaria

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Senza casa mai più!)

Lotta per la casa: il riuso e il recupero sono strettamente legati a diritto all'abitare, economia circolare, creazione di posti di lavoro e contrasto dei cambiamenti climatici

(18 Settembre 2019)

unioneinquilini

Il Rapporto del 2019 sul consumo di suolo in Italia elaborato dall’istituto di ricerca Ispra Snpa ci fornisce dati molto interessanti.
Nel 2018 a Roma sono stati consumati 75 ettari di suolo.
Questo vuol dire che in materia di consumo di suolo, Roma è in testa nella classifica delle città che maggiormente consumano sulo in quanto nel 2018 sono stati cementificati 75 ettari.
Di questi, ben 57 erano aree verdi, un dato che è cinque volte superiore a Milano, che ne cementifica "solo" 11 ettari, anche se nel capoluogo lombardo rappresenta la quasi totalità delle aree cementificate ovvero 11,5 ettari.
Roma quindi occupa i posti di questa bruttaclassifica.
Solo a Roma città, sono stati cancellati più della metà degli ettari consumati nel 2018 nell'intera provincia dove sono stati cementificati cementificati 125 ettari (compresa Roma).
Nel Lazio, nel 2018 è stato consumato suolo per complessivi 277 ettari.
Dopo Roma le città che hanno visto la maggiore cementificazione sono Vetralla, con 12 ettari, Latina 10 ettari e Viterbo 9 ettari.
L’Ispra giustamente ha affermato che “il consumo di suolo in città ha un forte legame anche con l’aumento delle temperature tenuto conto della maggiore presenza di superfici artificiali a scapito del verde urbano, Da questi deriva anche un aumento dell’intensità del fenomeno delle isole di calore. La differenza di temperatura estiva delle aree urbane rispetto a quelle rurali raggiunge spesso valori superiori a 2°C nelle città più grandi
Insomma il recupero e il riutilizzo degli immobili sfitti da destinare ad uso abitativo e ad alloggi di edilizia residenziale pubblica non sono rappresenta una soluzione efficace al disagio abitativo, non solo crea economia circolare e lavoro, ma contrasta efficacemente i cambiamenti climatici in quanto la cementificazione del suolo crea l'aumento delle temperature.
Cari Zingaretti e Raggi e vostri Assessori non vi sembra il caso di invertire la rotta?

Massimo Pasquini
Segretario Nazionale
Unione Inquilini

1400