il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Scuola

Scuola

(10 Gennaio 2010) Enzo Apicella
Dopo la rivolta degli schiavi di Rosarno

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Coop Alleanza 3.0 Formigine: con i lavoratori contro la Dirigenza dei capi caporali

(28 Giugno 2020)

simbolo potere al popolo

Potere al popolo Modena esprime la solidarietà ai lavoratori in sciopero della Coop Alleanza 3.0 di Formigine scesi oggi in sciopero. E' assai grave che il gruppo dirigente di questa cooperativa non sia intervenuta, nonostante da tempo lavoratori denunciano le minacce verbali ed insulti, per riportare il diritto al lavoro un bene condiviso. Per non parlare poi delle pressioni psicologiche, attuate attraverso turni ad orario spezzato nell'arco della giornata, che minano seriamente lo svolgimento di una vita sociale degna di essere definita tale.

Il vaso questa volta a Formigine e colmo e quando i lavoratori denunciano con tanto di cartelli, presidio e sciopero perchè “...una nostra collega è stata oggetto di umiliazioni e denigrazioni da parte di un diretto superiore, sino a sentirsi male in parcheggio” e ancora che “questo è un ultimo episodio segnalato al gruppo Dirigente della cooperativa, sempre caduto nel vuoto” noi, anche come soci consumatori della cooperativa, non possiamo starne fuori.

Come è possibile che la direzione Coop, che tanto si vanta di avere un “Codice Etico”, permetta che responsabili attuino questa politica del personale che nulla ha a che fare con la qualità del servizio reso ma all'abuso di potere di alcuni capi che forse andrebbero classificati “caporali”?

E' da tempo che anche in altre sedi della Coop Alleanza 3.0, soprattutto nella nostra provincia, i lavoratori denunciano ai sindacati e a noi fuori dalle sedi produttive, tali atteggiamenti. Una denuncia spesso silenziosa che si è conclusa con l'abbandono del posto di lavoro, il licenziamento o il mancato rinnovo di contratti a tempo determinato per quei lavoratori che non accettano tali soprusi.

Se il modello produttivo che questa regione, sia cooperativo che industriale o politico, pensa di utilizzare servendosi di metodi coercitivi e denigranti come strumento di concorrenza e ricatto sui diritti, sappiano che noi non lo accetteremo e saremo sempre al fianco di chi rivendicherà il diritto al lavoro contro tutti gli atteggiamenti autoritari e irresponsabili della nostra provincia e regione.

A volte, con la complicità della politica locale, la gestione di vertenze complesse come questa o come quella del comparto carni e Italpizza, nonostante si denunciassero fatti reali ed accertati, si è risposto con denunce e diffamazione. Azioni gravi contro altrettanto gravi fatti che non possono e non devono essere così ridotti al rispetto e al principio di sottomissione del lavoro alle logiche d'impresa.

Potere al Popolo Modena

730