il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Dove volano i salami

Dove volano i salami

(2 Maggio 2010) Enzo Apicella
Arrestati undici 'Falchi' della polizia di Napoli, per aver "ripulito" il carico di un tir rapinato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

PREFETTURA BUONA, QUESTURA CATTIVA? NO! E' LA DEMOCRAZIA BLINDATA IN AZIONE

SOLIDARIETA’ INCONDIZIONATA AI LAVORATORI FEDEX-TNT, AL SI-COBAS E AI SOLIDALI ANCORA UNA VOLTA SOTTO PESANTE ATTACCO!

(12 Marzo 2021)

STATO SBIRRO & STATO “SOCIALE”, A PIACENZA E’ DI NUOVO IL TURNO DEL BASTONE

mostro polizia 2

Un pesantissimo attacco è stato sferrato, all’alba del 10 marzo, dagli apparati dello Stato borghese e democratico contro alcuni lavoratori della Fedex-TNT di Piacenza, contro l’organizzazione sindacale che ne ha guidato la lotta negli scioperi di gennaio e febbraio, contro i solidali che li hanno appoggiati. Concordiamo pienamente con il comunicato del Si Cobas che pubblichiamo e invitiamo a diffondere in cui si afferma che “una operazione di polizia di tali dimensioni non può essere frutto di una dinamica puramente locale” ma è “un tassello di un più ampio attacco repressivo” e, aggiungiamo noi, preventivo. Inteso a stroncare sul nascere il pericolo della diffusione del virus-lotta proletaria di classe all’insieme della classe lavoratrice italiana che la borghesia si sforza e si prefigge, usando il metodo del bastone della vasellina e della carota, di anestetizzare e dividere.

Ci auguriamo che la risposta di piazza a un tale attacco convocata prontamente per sabato 13 marzo a Piacenza sia la più larga e determinata possibile e chiamiamo tutti a parteciparvi. La nostra solidarietà è incondizionata e la manifestiamo anche e proprio in questo momento non nascondendo le profonde divergenze politiche che ci separano dagli stessi lavoratori d’avanguardia e dalla loro organizzazione Si Cobas, braccati e perseguitati dalla giustizia borghese. Esplicitarle apertamente significa per noi contribuire ad attrezzare e potenziare una adeguata risposta di classe alla generale “stretta d’ordine” che il governo Draghi è chiamato ad attuare, e ad attuarla senz’altro nel pieno rispetto delle norme democratiche e costituzionali della repubblica italiana.

Nel comunicato stampa del Si Cobas (2 febbraio) fatto immediatamente a caldo le violente cariche subite dai 300 operai davanti ai cancelli della Fedex-TNT è scritto: “Questa logica di gestione delle emergenze sociali quali problemi di ordine pubblico è del tutto inaccettabile per un paese civile. Prefettura e questura dovrebbero preoccuparsi di non permettere alle multinazionali americane di umiliare sbattere in mezzo alla strada i cittadini della loro città, piuttosto che di operare come loro guardie private”.

Non concordiamo con questo giudizio. Noi pensiamo che sia sbagliato intendere, o lasciar intendere, che la borghesia possa fare a meno di ricorrere alla politica del bastone nella “gestione delle emergenze sociali” anche nei “paesi civili” quale indubbiamente è la democratica Italia, le cui guardie armate potranno persino arrivare ad agire contro le Multinazionali americane e gli interessi dell’America stessa (come ad esempio fu nel caso di Sigonella) senza per un attimo cessare la loro funzione e il loro carattere di guardia armata dell’ordine borghese. Noi pensiamo che le politiche “progressiste” siano complementari a quelle “reazionarie” nella gestione del potere borghese. E che sia pericoloso e letale per il movimento di classe accordare la minima fiducia alle frazioni cosiddette “progressiste” della borghesia.

In un successivo comunicato stampa (11 febbraio) leggiamo: “Prima di tutto, vogliamo ringraziare pubblicamente la Prefettura di Piacenza, segnatamente nelle persone della prefetta Dott.ssa Daniela Lupo e della capa di gabinetto Dott.ssa Patrizia Savarese, per la grande disponibilità e comprensione dimostrate durante tutto l’arco dello svolgimento della vertenza.

Sappiamo che mediare nei conflitti di lavoro non rientra nelle prerogative ordinarie della prefettura, e per questo a maggior ragione ribadiamo il nostro ringraziamento: Piacenza è un territorio attraversato ormai da dieci anni da forti mobilitazioni degli operai della logistica, non possiamo che registrare con favore il crescente interesse e la crescente cura, pur nel rispetto dei rispettivi ruoli, verso questo ampio segmento di popolazione e di lavoratori piacentini”.


Noi pensiamo che certamente il documento dell’11 e il sentito ringraziamento in esso rivolto alla Prefettura stia in coerenza con quello del 2 di febbraio. Soprattutto pensiamo che i fatti del 10 di marzo non contraddicano la registrazione della diversa attitudine fra gli organi dello Stato borghese e democratico fatta dal Si Cobas.

Il nostro giudizio politico è che l’operato dell’“organo Prefettura” (aperturista, dialogante, “progressista”) sia complementare a quello dell’“organo Questura” (“reazionario” e dialogante a colpi di manganello, multe salate e denuncie penali). Bastone, carota e vasellina appunto. Oggetti bensì diversi ma gestiti e usati da una medesima mano, per un medesimo scopo.

https://sicobas.org/2021/03/10/comunicato-stato-e-padroni-uniti-contro-i-lavoratori-il-13-3-a-piacenza-
manifestazione-operaia-la-repressione-non-ci-fa-paura/


12 marzo 2021

NUCLEO COMUNISTA INTERNAZIONALISTA

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Nucleo Comunista Internazionalista»

4000