">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Una nazione di assassini

Una nazione di assassini

(11 Maggio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Milano, 11 giugno – Il saluto degli Angry Workers of the World

(14 Giugno 2023)

no war but 2

Greetings to Milano Assembly from www.angryworkers.org

June 11th 2023

It gives me great pleasure to bring greetings from the Angry Workers collective in the United Kingdom to this gathering. We share your commitment to proletarian internationalism, an essential position for those looking towards the self-emancipation of the working class. In common with yourselves we see that route as the only way to end the power of capital and witness the dawn of a truly human society. That is one where freely associated producers will sustainably satisfy the needs of a liberated humanity in harmony with the rest of nature.

For Angry Workers, we recognise an understanding of the ever changing composition of our class to be crucial and believe the method of Workers Inquiry to be a vital tool. However, we do not insist on shared preoccupations when working with and learning from fellow workers or with comrades like yourselves who also look for our class to achieve the social revolution.

The war in Ukraine is a sign of the depths to which the capitalist profit-machine will drag humanity downwards unless resisted. An all out war in Europe with the active participation of major states and alliances is a warning to the whole of humanity. However, it is not unique, it arises from the historic conditions during the 20th century when capitalism’s global domination produced bloodbaths and destruction on a scale never seen before.

In 1989 one of the two superpowers in the rotten and oppressive world order collapsed. Since then we have seen features world wide that amount to a slide towards barbarism.

Across the planet, workers and the dispossessed have suffered from endemic poverty and unemployment, avoidable ecological degradation that has resulted in destruction of habitable areas followed by fires, floods and famines. Particularly in Africa and the Middle East our class has been decimated as rival states and factions struggle to maximise the profit share for themselves and their backers.

We have to understand the current imperialist phase and the changing relations between the state machines and their interlinking arrangements. The rise of China has posed a qualitative challenge to US hegemony. The shifting hierarchy in the Imperialist world order encourages the states to jostle for position. This manifests itself at all levels of the Imperialist world order through the second tier such as Russia and their European Union rivals headed by France and Germany and the regional powers such as India, Pakistan, Israel, Iran and Saudi Arabia.The lesser states, and would-be states, are inextricably trapped in the madness of capitalism’s global violent competition and anarchy. Rippling down to wherever there are strategic gains to be made or resources to be controlled, for working people this means increasing hardship, militarisation, repression and “wars without end”.

The US has shifted from the main credit giving to the main debtor country of the world. The US has to use various measures, from sanctions to ‘soft power’ interventions, to protect its market position. With China being able to assert its influence not just economically, but increasingly politically (Saudi – Iran deal etc.), new blocs and alliances emerge and change shape. As a political milieu we need to deepen our analysis.

It is absolutely clear that the capitalist order will not move to any sort of ultra-imperialist peaceful coexistence. The very dynamics of its mode of production and social structures mean that competition inevitably overrides the needs of humanity. The liberal pacifists who dream of a peaceful world while the power of capital remains do so in vain, their fantasies no more real than stories read to infants.

Far more prevalent are those who will wave red, or even the black flags of anarchy, to call on workers to kill and be killed to defend one capitalist state against another. We share with the organisers of this assembly an understanding of why and how proletarian internationalists have stood against that stream many times. In almost all circumstances we have been a minority within the class resisting the material and ideological offensive of our enemy class and their social patriotic agents.

At our own meeting in Sheffield earlier this year we clarified our commitment to Proletarian Internationalism in relation to the war in Ukraine. We agreed that our approach will be based on –

1. Oppose all governments in their effort of militarisation and war; support and emphasise the need for global class struggle against this system in crisis

2. Clearly distance ourselves from the arguments of ‘left’ groups in favour of weapons supply and defence of nation states

3. Support workers who refuse to produce for or supply the war, offering a critique of any declared preference for ‘the opposing side’, for example, a purportedly ‘anti-imperialist’ support for Russia

4. Get actively involved in practical solidarity but with a separation from a trajectory towards supporting any state apparatus

5. Make a specific effort to build ties to groups of workers and militants in Russia and Ukraine, for example, by supporting comrades to learn Russian or Ukrainian and visit the region

We believe those positions to be entirely in accordance with supporting your Assembly and initiative. We support your efforts to build networks committed to proletarian struggle against militarisation and the abominations that flow from the continuation of overripe capitalism. We all need to avoid a belief that “our group” is the sole holder of all the answers around correct praxis.

Your comrade has explained to us that today’s event’s “aim is not mainly discussing positions, but organising and taking actions”. We applaud your initiative, welcome the Assembly and wish success to all workers’ struggles against the wars in Ukraine and elsewhere and all their disastrous repercussions.

Traduzione italiana

È con grande piacere che porto i saluti del collettivo Angry Workers del Regno Unito a questa assemblea. Condividiamo il vostro impegno per l’internazionalismo proletario, una posizione essenziale per chi guarda all’autoemancipazione della classe operaia. Insieme a voi, vediamo questa strada come l’unico modo per porre fine al potere del capitale e assistere all’alba di una società veramente umana. Una società in cui i produttori liberamente associati soddisfino in modo sostenibile i bisogni di un’umanità liberata e in armonia con il resto della natura.

Come Angry Workers, riconosciamo come cruciale la comprensione della composizione in continua evoluzione della nostra classe e riteniamo che il metodo dell’Inchiesta tra i Lavoratori sia uno strumento vitale. Tuttavia, non insistiamo sulla condivisione delle preoccupazioni quando lavoriamo e impariamo dai compagni di lavoro o dai compagni come voi che cercano di far realizzare alla nostra classe la rivoluzione sociale.

La guerra in Ucraina è un segno degli abissi in cui la macchina del profitto capitalista trascinerà l’umanità se non troverà opposizione. Una guerra totale in Europa con la partecipazione attiva dei principali Stati e alleanze è un avvertimento per l’intera umanità. Tuttavia, non è un caso unico, ma nasce dalle condizioni storiche del XX secolo, quando il dominio globale del capitalismo ha prodotto bagni di sangue e distruzione su una scala mai vista prima.

Nel 1989 una delle due superpotenze dell’ordine mondiale marcio e oppressivo è crollata. Da allora abbiamo assistito in tutto il mondo a fatti che equivalgono a uno scivolamento verso la barbarie.

In tutto il pianeta, i lavoratori e i diseredati hanno sofferto di una povertà e di una disoccupazione endemiche, di un degrado ecologico evitabile che ha portato alla distruzione di aree abitabili seguite da incendi, inondazioni e carestie. Soprattutto in Africa e in Medio Oriente la nostra classe è stata decimata, mentre Stati e fazioni rivali lottano per massimizzare la quota di profitto per se stessi e per i loro finanziatori.

Dobbiamo comprendere l’attuale fase imperialista e le mutevoli relazioni tra le macchine statali e i loro rapporti interconnessi. L’ascesa della Cina ha posto una sfida qualitativa all’egemonia statunitense. Lo spostamento della gerarchia nell’ordine mondiale imperialista incoraggia gli Stati a lottare per posizionarsi. Ciò si manifesta a tutti i livelli dell’ordine mondiale imperialista attraverso il secondo livello, come la Russia e i rivali dell’Unione Europea guidati da Francia e Germania, e le potenze regionali come India, Pakistan, Israele, Iran e Arabia Saudita. Gli Stati minori, e gli aspiranti stati, sono inestricabilmente intrappolati nella follia della violenta competizione e anarchia globale del capitalismo. Per i lavoratori, questo significa aumento delle difficoltà, militarizzazione, repressione e “guerre senza fine”.

Gli Stati Uniti sono passati da principale paese creditore a principale paese debitore del mondo. Gli Stati Uniti devono ricorrere a varie misure, dalle sanzioni agli interventi di “soft power”, per proteggere la propria posizione di mercato. Con la Cina in grado di affermare la propria influenza non solo economica, ma sempre più politica (accordo Arabia Saudita-Iran, ecc.), emergono e cambiano forma nuovi blocchi e alleanze. Come area politica dobbiamo approfondire la nostra analisi.

È assolutamente chiaro che l’ordine capitalista non passerà a una sorta di coesistenza pacifica ultra-imperialista. Le dinamiche stesse del suo modo di produzione e delle sue strutture sociali fanno sì che la competizione prevalga inevitabilmente sui bisogni dell’umanità. I pacifisti liberali che sognano un mondo pacifico mentre il potere del capitale permane lo fanno invano, le loro fantasie non sono più reali delle storie lette ai bambini.

Sono molto più diffusi coloro che sventolano le bandiere rosse o addirittura nere dell’anarchia, per invitare i lavoratori a uccidere ed essere uccisi per difendere uno Stato capitalista contro un altro. Condividiamo con gli organizzatori di questa assemblea la comprensione del perché e del come gli internazionalisti proletari si siano opposti a questa corrente molte volte. In quasi tutte le circostanze siamo stati una minoranza all’interno della classe che ha resistito all’offensiva materiale e ideologica della classe nemica e dei suoi agenti socialpatriottici.

Nella nostra riunione di Sheffield all’inizio di quest’anno abbiamo chiarito il nostro impegno nel senso dell’ internazionalismo proletario in relazione alla guerra in Ucraina. Abbiamo concordato che il nostro approccio si baserà su questi punti:

1. Opporsi a tutti i governi nelle loro politiche di militarizzazione e di guerra; sostenere e sottolineare la necessità di una lotta di classe globale contro questo sistema in crisi.

2. Prendere chiaramente le distanze dalle argomentazioni dei gruppi di “sinistra” a favore della fornitura di armi e della difesa degli Stati nazionali.

3. Sostenere i lavoratori che si rifiutano di produrre per o rifornire la guerra, portando una critica a qualsiasi preferenza dichiarata per la “il nemico del nemico”, ad esempio un sostegno apparentemente “antimperialista” alla Russia.

4. Coinvolgersi attivamente nella solidarietà pratica, ma separandosi da una traiettoria di sostegno a qualsiasi apparato statale.

5. Fare uno sforzo specifico per costruire legami con gruppi di lavoratori e militanti in Russia e Ucraina, ad esempio sostenendo i compagni che imparano il russo o l’ucraino e visitano la regione.

Riteniamo che queste posizioni siano del tutto conformi al sostegno della vostra Assemblea e della vostra iniziativa. Sosteniamo i vostri sforzi per costruire reti impegnate nella lotta proletaria contro la militarizzazione e gli abomini che derivano dalla continuazione di un capitalismo stramaturo. Dobbiamo tutti evitare di credere che il “nostro gruppo” sia l’unico detentore di tutte le risposte sulla corretta prassi.

Un vostro compagno ci ha spiegato che l’obiettivo dell’evento di oggi “non è principalmente discutere le posizioni, ma organizzare e intraprendere azioni”. Plaudiamo alla vostra iniziativa, diamo il benvenuto all’Assemblea e auguriamo successo a tutte le lotte dei lavoratori contro le guerre in Ucraina e altrove e tutte le loro disastrose ripercussioni.

Il pungolo rosso

2165