">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Senato: ok to F35

Senato: ok to F35

(17 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(No basi, no guerre)

Portuali giapponesi in sciopero contro l’attracco di una nave da guerra statunitense

(13 Aprile 2024)

Doro-chiba

Il fatto risale ad un mese fa, ma resta egualmente rilevante, e per questo lo riportiamo – tanto più perché sono crescenti i rumori dei preparativi di guerra in Estremo Oriente, in particolare intorno all’isola di Taiwan.

La notizia l’abbiamo ricevuta dal sindacato giapponese dei ferrovieri Doro Chiba, che non è stato direttamente coinvolto nello sciopero, ma ha giustamente ritenuto di solidarizzare con i lavoratori portuali che si sono opposti all’attracco nel porto commerciale di Ishigaki di una nave militare statunitense, nell’ambito delle operazioni USA per il controllo del Mar Cinese Orientale.


Riproduciamo la comunicazione e il messaggio di solidarietà di Doro Chiba ai portuali in lotta contro la militarizzazione dei porti; condividiamo in pieno l’impegno di Doro Chiba e dei compagni internazionalisti della Lega comunista rivoluzionaria del Giappone contro il riarmo di Tokyo e i piani di guerra contro la Cina che in questi giorni vedono nuovi accordi diplomatico-militari tra USA, Giappone e Filippine. Ci unisce a loro – e non solo idealmente, vista la giornata di azione internazionale e internazionalista del 24 febbraio scorso – la lotta contro le guerre del capitale, il riarmo e l’economia di guerra, a partire dal “nemico in casa nostra”. (Red.)




Portuali giapponesi in sciopero contro l’attracco di una nave militare USA

Cari amici di tutto il mondo,

L’11 marzo, il cacciatorpediniere lanciamissili guidati USS Rafael Peralta ha gettato l’ancora al largo del porto di Ishigaki, Okinawa, situato a 260 km a est di Taiwan.

Questo sviluppo fa parte delle Expeditionary Advanced Base Operations (EABO) del Corpo dei Marines degli Stati Uniti per stabilire il controllo marittimo e aereo dell’area del Mar Cinese orientale.

La sezione di Okinawa dello Zenkowan (Sindacato dei lavoratori portuali di tutto il Giappone, 1.000 membri) ha lottato contro questo scalo; 50 membri della sezione di Yaeyama del sindacato hanno scioperato per chiudere il porto di Ishigaki dalle 13 del 12 marzo fino alla partenza del cacciatorpediniere alle 9 del giorno successivo.

Doro-Chiba, nel pieno dello sciopero dell’Offensiva sindacale di primavera e impegnata anche nell’azione antinucleare di Fukushima dell’11 marzo, ha inviato un delegato con il messaggio di solidarietà allegato del presidente Seki.

Insieme a questo, i rappresentanti dell’Associazione per i diritti civili di Okinawa (organizzazione del Giappone centrale) e gli attivisti della Grande Marcia dei Lavoratori di Kanagawa per fermare la revisione costituzionale e la guerra si sono uniti all’azione di protesta a Ishigaki insieme ai lavoratori portuali e alla manifestazione dei residenti locali sul posto.

In solidarietà,

Comitato di solidarietà internazionale del lavoro di Doro-Chiba

H. Yamamoto

***

Alla sezione distrettuale di Okinawa del Sindacato dei lavoratori portuali di tutto il Giappone


Vi inviamo un sentito messaggio di solidarietà, per la vostra decisione di fermare lo scalo del cacciatorpediniere Aegis USS Rafael Peralta nel porto di Ishigaki con lo sciopero dei porti di Naha e Ishigaki.

Il governo Kishida sta ora tentando l’uso militare di porti e aeroporti già in tempo di pace, in nome del doppio uso militare-civile. Gli obiettivi primari sono fissati a Okinawa, come il nuovo aeroporto di Ishigaki e il porto di Ishigaki e altri. L’attuale ancoraggio del cacciatorpediniere missilistico al porto di Ishigaki sta per diventare “un fatto acquisito” come utilizzo in tempo di guerra, nella totale mancanza di sicurezza dei lavoratori e come passo verso la mobilitazione di guerra. Non ammetteremo mai questo piano.

Come ci è stato riferito, lo sciopero per contrastare la visita al porto delle navi statunitensi è la prima esperienza per il vostro sindacato. Siamo profondamente colpiti dalla vostra ferma determinazione a scioperare.

Noi, Doro-Chiba, abbiamo adottato una nuova dichiarazione per rifiutare la cooperazione bellica nell’assemblea del Comitato Ordinario del 2022. Riteniamo che sia nostro compito ineludibile chiarire la nostra posizione di fronte alla guerra imminente, in quanto lavoratori che cercano la pace.

Ora la JR East sta pianificando una revisione dell’orario dei treni per il 16 marzo, che prevede un taglio su larga scala di macchinisti e conduttori, l’abolizione o la riduzione del servizio di ispezione sulla sicurezza e l’abbandono delle aree rurali, in una parola, la preparazione al regime di guerra.

Il 15 e 16 marzo sciopereremo per contrastare questo attacco. La nostra lotta è per difendere la sicurezza dei lavoratori, per opporsi alla politica di guerra e per garantire una vita umana degna ai lavoratori.

Con la profonda convinzione del successo della vostra lotta, vi inviamo un messaggio di solidarietà.

9 marzo 2024

Michitoshi Seki – Presidente di Doro-Chiba


To Okinawa District Branch of All Japan Dockworkers’ Union

We send a heartfelt message of solidarity to you, determining to stop the port call of USS Rafael Peralta, an Aegis destroyer, to the port of Ishigaki by strike of the ports of Naha and Ishigaki.

The Kishida government is now attempting military use of port and airports already in the peace time in the name of military-civil dual use. Primary targets are set in Okinawa, such as New Ishigaki Airport and Ishigaki port and others. The current anchoring of the missile destroyer at Ishigaki port is going to be “an established fact” as utilization in war time in complete negligence of workers safety and to be a step for a mobilization to war. We shall never admit this scheme.

As we are informed, the strike to confront the port visit of US vessels is the first experience for your union. We are deeply moved by your firm determination to wage strike.

We, Doro-Chiba, has adopted a New Declaration to Refuse War Cooperation in the Regular Committee Assembly in 2022. We believe that it is our inevitable task to clarify our position in face of imminent war as workers who seek peace.

Now JR East is planning to revise the train timetable on March 16, in which a large-scale cutback of drivers and conductors, abolition or reduction of inspection branch in negligence of safety and abandoning of rural areas, in a word, preparation for war regime, are intended.

We are going to wage strike on March 15 and 16 to fight back this attack. Our struggle is to defend the safety of workers, to oppose war policy and to secure a human life worthy for workers.

With a deep convinced of your successful struggle, we send you a message of solidarity.

March 9, 2024

Michitoshi Seki

President of Doro-Chiba

Il pungolo rosso

1436