">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Sasà Bentivegna, Partigiano

Sasà Bentivegna, Partigiano

(3 Aprile 2012) Enzo Apicella
E' morto ieri a Roma Rosario Bentivegna, che nel 1944 prese parte all’azione di via Rasella contro il Battaglione delle SS Bozen.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

25 Aprile: la Resistenza continua!
Via dal potere Meloni e tutti i guerrafondai!

(25 Aprile 2024)

La resistenza continua

Il governo Meloni va avanti nel suo attacco a tutto campo contro la classe operaia e le masse popolari, realizzando una politica a esclusivo servizio del grande capitale e degli strati parassitari.

Più si complicano le cose sul piano economico, più il governo ci trascina nella guerra imperialista inviando mezzi militari, armi e truppe all’estero, più stringe la morsa contro gli operai, i sindacalisti che lottano, i giovani che protestano, le donne degli strati popolari, criminalizzando la protesta sociale, aumentando dispotismo e repressione.

Il processo di fascistizzazione investe tutti gli apparati dello stato borghese e si caratterizza nel tentativo di costruzione di un regime autoritario e antidemocratico.

Ciò si esprime nella limitazione delle libertà dei lavoratori, come quelle di sciopero e di manifestazione, nei metodi fascisti utilizzati contro gli operai combattivi (licenziamenti politici, fogli di via, aggressioni); nei progetti di premierato autocratico e di autonomia regionale disgregativa; nell’aumento continuo delle spese militari a danno di quelle sanitarie e sociali; nelle misure fiscali a favore di ricchi e padroni; nella politica razzista e xenofoba di persecuzione dei migranti; nel controllo delle reti Rai, agenzie di stampa, radio e altri media, utilizzati per spargere il veleno sciovinista, razzista e fascista…

La fascistizzazione, diretta dai settori capitalistici più reazionari, sciovinisti e imperialisti, può forse essere fermata dall’opposizione “costituzionale” borghese? Ma questa falsa opposizione, che nasconde il carattere di classe del fascismo e appoggia la politica di guerra, è sempre pronta a collaborare con l’estrema destra “nell’interesse dell’Italia”, ovvero della borghesia monopolistica.

Può forse essere bloccata dalla UE? Ma la UE è un progetto del grande capitale che si sviluppa sempre più in senso bellicista, complementare alla politica di guerra della NATO, e perciò alimenta la reazione e i piani antioperai.

Per sbarrare la strada alla reazione e al fascismo, per cacciare dal potere il governo Meloni e tutti i guerrafondai, è essenziale l’unità di azione della classe operaia per la difesa intransigente di propri interessi economici e politici, impedendo alla politica imperialista di continuare a scaricare i costi della crisi e della guerra sulle sue spalle.

Su questa base, va stabilita un’alleanza di lotta con le masse popolari schiacciate dal grande capitale, con gli autentici democratici e antifascisti, per difendere e ampliare le libertà conquistate con il sangue dai Partigiani. I dirigenti riformisti e opportunisti che si oppongono a questa linea devono essere smascherati e combattuti senza pietà.

Ma ciò ancora non basta. La questione che si pone è quella di legare la lotta all’autoritarismo, al militarismo e alla fascistizzazione, la lotta per il pane e la pace, la solidarietà all’eroico popolo palestinese, alla critica radicale del sistema capitalista-imperialista, per sviluppare la coscienza della necessità della rottura rivoluzionaria con l’ordinamento borghese e dell’edificazione di una nuova società senza sfruttamento dei lavoratori e oppressione dei popoli, senza guerre di rapina e distruzione della natura: il socialismo!

Ciò pone in primo piano la questione del Partito comunista come forza dirigente della lotta degli sfruttati e degli oppressi per la conquista rivoluzionaria del potere politico.

Questo è il nodo che i comunisti e gli operai avanzati devono sciogliere, sviluppando e rafforzando la loro unità di lotta sulla base del marxismo-leninismo e dell’internazionalismo proletario, per costruire un’organizzazione comunista preparatoria del Partito comunista.

25 Aprile 2024

Militanza Comunista Toscana
Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Ital

1464