il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il sogno

Il sogno

(15 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Il 16 ottobre manifestazione nazionale dei metalmeccanici Fiom contro la "medicina Marchionne"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Contratto Metalmeccanici)

Metalmeccanici, dopo il contratto beffa: una riflessione per tutti.

(27 Gennaio 2006)

Genova, 24 gennaio 2006. Chiuso il contratto dei metalmeccanici. Da qualsiasi punto di vista lo si consideri: soldi, orario, precarietà o slittamento contrattuale è stato fallimentare e per beffa finale… l’una tantum (miseria tantum) di 17 euro al mese.

Negli ultimi giorni della trattativa, i sindacati concertativi hanno attuato forme di lotta plateali: invasione dei binari, blocchi stradali ecc.. sono andati a caccia di farfalle con il cannone perché alla fine della sceneggiata, ad uso e consumo dei TG, il padronato, a sentir loro, è stato “costretto a concedere” ben 5 euro, ma non subito… solo dal marzo del 2007 ed in cambio di una flessibilità senza precedenti!

Complessivamente un aumento medio sui 30 mesi di 55 euro medi mensili lordi (37 netti). CGIL, CISL, UIL con inossidabili facce di bronzo, tentano di far passare la svendita, economica e dei diritti, per un successo.

Questa storia ormai si ripete regolarmente ma dopo ogni proclama di vittoria le buste paga sono sempre più leggere e i carichi di lavoro sempre più pesanti.

E’ questa l’arte dei commedianti che recitano a soggetto: c’è la sinistra “avanzata”(CGIL) artefice delle vittorie (parziali) e ci sono quelli un po’ più a destra (CISL), con cui concertare e mediare; la stessa arte si pratica in Parlamento, maggioranza e opposizione mandano “democraticamente” in scena il gioco “delle parti”; alla regia possono alternarsi Berlusconi o Prodi ma al botteghino ci sono sempre loro i padroni pubblici o privati.

Ma se i metalmeccanici hanno di che lamentarsi che dire per le altre categorie di lavoratori?

Nel pubblico impiego le cose vanno ancora peggio, addirittura i lavoratori della sanità hanno il contratto scaduto da più di 2 anni e del nuovo non se ne parla nemmeno.

Intanto, il governo con la finanziaria, per il prossimo contratto, ha stanziato solo quanto basta per la vacanza contrattuale (cioè meno di quanto l’inflazione brucerà)… Treu per il centro sinistra chiede che vi sia un’accelerazione della riforma Dini…. i confederali, in caso di vittoria del centro sinistra, hanno già chiesto di anticipare la riforma della previdenza complementare (lo scippo del TFR) prevista per il 2008.

A tutti questi signori non interessa che “a fine stipendio avanza troppo mese”!!
E’ ora che ognuno faccia i propri interessi; lor signori lo stanno già facendo!

Passa dalla tua parte, organizzati con le RdB/CUB.

RdB/CUB SANITA’ Genova

5249