il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

serial killers. dalla fiction alla mortifera realtà

...qual'è '' l'asse del male ''..da dove proviene e chi lo gestisce se esso veramente esiste?

(7 Agosto 2006)

Ovviamente è una sciocchezza mediatica parlare di asse del male inteso moralisticamente come lo intendono i neocons planetari, di qualsiasi paese siano, ma una tendenza alla distruzione di tutto e contro tutti, dall'ingannevole anno 1989 in poi, sicuramente si è palesata negli ultimi anni, raggiungendo l'apice dal 2001 in qua. Paesi serial killers come stati uniti e israele, l'uno mandante e l'altro esecutore di stragi efferate in giro per il mondo, sono l'emblema politico e delinquenziale dell'aberrazione a cui è giunto il capitale nei suoi aspetti storico e militare, aspetti che portano in sè la morte della politica borghese fin qui gestrice delle nostre vite, ma purtroppo portano anche in nuce il decadimento della politica in senso lato, se, come vediamo tutti i giorni, parti sempre più grandi di partiti e un numero sempre più grande di politici, giornalisti, uomini e donne di cultura, rappresentanti dell'economia, giuristi, giustificano, con i più vari stratagemmi mediatici e personali, l'allineamento al pensiero unico guerrafondaio che domina il mondo, avendo anche il coraggio e la sfrontatezza di dirsi pacifisti, o peggio, di dirsi comunisti. La mistificazione mediatica che tutto ammorba, non ha permesso che mai, per esempio, dal 2001, nessun mezzo di comunicazione di massa mettesse in forse la provenienza e la gestione dell'attacco alle torri; ormai si è diffusa la 'certezza' che quell'attacco avvenuto realmente, abbia avuto una gestione in famiglia, e diciamo nel salotto buono di casa, salotto di forma ovale...(www.luogocomune.net), ma questo non vuol dire che la massa delle persone ne sia venuta a conoscenza attraverso i mezzi preposti all'informazione in un paese democratico...e questo solo per dire di un fatto eclatante, laddove però ormai ogni cosa che accade viene preparata a tavolino con l'appoggio della politica ufficiale stessa, quella stessa politica per la quale si va a votare. Per un comunista dovrebbe essere insopportabile dover accettare la morte di migliaia di persone, oggi o comunque domani, con il contributo del proprio voto politico, invece sembra che questo non morda più nessuna coscienza, anzi permetta alla coscienza dell'interessato in questione, di sentirsi vittima di un gioco che solo permette il ''male minore''. Aberrazioni morali e intrapsichiche, che personalmente sarebbero risolte affrontando psicoterapia, se non fosse che anche rendono tutti gli altri complici di crimini per interposta persona, avendo noi dato il voto a molti loschi figuri, ora maggioranza di governo. I comunisti della politica politicizzata e dei movimenti sono stati traditi in massa, siamo stati traditi tutti, siamo stati raggirati in quello che è il nostro sentire intimo, prima ancora che politico, se esiste ancora la differenza tra fascismo e comunismo..come ha da continuare a esistere!!!! Personalmente denuncerei davanti un tribunale mondiale non solo criminali di guerra come bush e olmert e sharon, ma tutti coloro che sporcandosi solo meno le mani li appoggiano dall'interno degli stati vassalli, in primis ovviamente l'italia; e parlo di tutti gli ex comunisti che ora si trovano al governo. Tutti questi criminali seriali e i loro collaborazionisti sono il vero asse del male, e li abbiamo veramente in casa, ci governano. Credo che solo la politica dei movimenti rinnovati e liberati dall'autoinganno della delega anche a un solo uomo politico anche del più piccolo progetto di cambiamento, possa determinare la rinascita in qualche modo della vita di relazione politica, basata sui bisogni da ritenersi sempre primari, e sempre irrinunciabili...saluti comunisti

carlo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Alternanza o alternativa?»

3358