">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Stefano Gugliotta

Stefano Gugliotta

(11 Maggio 2010) Enzo Apicella
Dopo che le tv hanno trasmesso il video di Stefano Gugliotta che viene pestato immotivatamente dalla polizia e poi arrestato per "resistenza a pubblico ufficiale", il capo della polizia Manganelli "dispone una ispezione".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

I comunisti non sono terroristi

(9 Aprile 2007)

Ma in che mondo viviamo? Se si presta attenzione a tutto ciò che succede non ci vuole molto a capirlo. Il garante della privacy blocca la diffusione di notizie che offendono la dignità umana e che riguardano la sfera sessuale e la vita privata delle persone (chi viola questo diktat rischia il carcere da 3 mesi a due anni) per l’inchiesta di Potenza. Vicenda che fa emergere altro marcio di questa società priva di valori, ma lo stesso garante non è intervenuto per nulla ad impedire che dei giovani comunisti finiscano sbattuti in prima pagina come mostri perché arrestati per aver affisso manifesti o per essere impegnati nelle lotte sindacali in difesa dei propri diritti e di quelli dei lavoratori. Dei 4 compagni arrestati il mese scorso a Milano si è scritto di tutto e di più. Infatti, nonostante la scarcerazione, sono arrivate puntuali – come prevedibile - le lettere di licenziamento. I benpensanti tanto garantisti quando si tratta di colpire truffatori, palazzinari bancarottieri, delinquenti o politici corrotti diventano i peggiori forcaioli quando si tratta di colpire chi non si sottomette al volere capitalista. Oggi si viene accusati di terrorismo e, quindi, si viene sbattuti in prima pagina sui giornali con tanto di nome cognome e foto (alla faccia della privacy) e poi licenziati e prima ancora di subire un processo ed un’eventuale condanna.

Licenziamenti politici in quanto le motivazioni addotte si basano su concetti che mobilitano milioni di persone nel mondo, ed introducono un principio molto pericoloso che chi professa idee comuniste non può lavorare. E questo clima di criminalizzazione delle lotte si abbatte su tutto il movimento dei lavoratori.

Subito sono partite le epurazioni interne ai sindacati confederali, fedeli difensori e cogestori del capitalismo. Dalla gestione della pace sociale alla gestione del Tfr, concertano insieme al padronato per restringere ulteriormente gli spazi ai lavoratori più combattivi e non concertativi, togliendo le deleghe e non rispettando il diritto di assemblea nei luoghi di lavoro.

Bush insegna, quando vuoi toglierti un nemico, inventa documenti, accusalo di terrorismo e il gioco è fatto. Ci sono molti rospi da far ingoiare al movimento operaio sia sul piano dello sfruttamento padronale che su quello governativo. Non si cancella, infatti, la legge Biagi, avanza la riforma delle pensioni - ovviamente quelle dei dipendenti mentre restano intatte quelle d’oro e di platino dei Parlamentari -, abbiamo gli stipendi più bassi d’Europa (… ma il numero più alto di forze dell’ordine!).

L’operazione degli arresti scattata alla vigilia della manifestazione a Vicenza - anticipata da un clima di tensione e intimidazione - ha lo scopo di eliminare quelle voci che non si piegano al pensiero unico ed ha l’obiettivo di togliere di mezzo coloro che lottano fuori da ogni concertazione.

La repressione si abbatte anche contro i luoghi di aggregazione come i centri sociali che, quando non vengono sgomberati, gli si alza intorno un clima di sospetto e diffidenza, spesso basati su pressione dei fascisti e sostenuti dai quotidiani reazionari.

È in atto la criminalizzazione della lotta di classe, dell’aspirazione all’emancipazione dallo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, della costruzione di una società socialista.

I comunisti non sono terroristi, ma sono implacabili nemici della proprietà privata, del capitalismo e del suo Stato, e lottano ogni giorno per il loro indebolimento fino ad arrivare al definitivo abbattimento. E nonostante il crescente revisionismo storico della “sinistra” e tutte le attività dei partiti e vari gruppi di destra non moriranno perché fino a che ci sarà oppressione e sfruttamento ci sarà chi resisterà.

Ci si può forse adagiare su scelte come quelle del governo di centrosinistra di mantenere truppe militari in varie parti del mondo?

Si può accettare il rifinanziamento della “missione” in Afghanistan – cioè il potenziamento delle dotazioni militari (Predator ed elicotteri)? Sono passati sei anni da quando gli Stati Uniti decisero, coinvolgendo l’Italia attraverso la Nato, per “trovare Bin Landen” che mai è stato trovato, e togliere il “burqa” alle donne. Una vera e propria guerra che ha distrutto popolazione civile e territorio mentre le donne continuano a portare il burqa, i talebani si sono riorganizzati e si è sviluppato a dismisura il mercato dell’oppio.

Si può tacere su 5 anni di guerra in Iraq, altro paese annientato per le mire espansioniste degli Stati Uniti?

Dovremmo abbassare la testa di fronte alla repressione, all’aggressività delle squadracce fasciste; all’oscurantismo Vaticano intenzionato a riportare la società al Medioevo?

Ci sembra pienamente coerente voler trasformare una società marcia fatta di commistione tra 007, servizi segreti, carabinieri, faccendieri legati a Gelli, mafia, massoneria, capitalisti, giornalisti spie cresciuti negli oratori come quelli di “Libero” e di “Famiglia Cristiana”; di voli “segreti” della Cia e quant’altro.

Un paese dove 50 militari reduci dalla guerra, voluta da D’Alema, sono morti a causa dell’uranio impoverito, ma il 70% è malato ed è stato operato alla tiroide (e chissà la popolazione locale in che stato si trova!). La popolazione non vuole la guerra e vuole salvaguardare la salute, ciononostante il governo – suddito dell’imperialismo - riconferma la presenza delle basi Usa e Nato, anzi concorda il loro ampliamento.

Sul piano interno i Ds accelerano lo scioglimento - liquidando completamente l’esperienza di un patrimonio che ha portato la vittoria della Resistenza contro il nazi-fascismo – confluendo nel partito democratico con gran parte di quei democristiani che, dalla loro nascita, hanno svenduto il Paese. Di fronte alla modifica della legge elettorale che li taglierebbe fuori emergono le proposte di “riconciliazione” tra PdCI e Prc che, pur di sostenere il governo Prodi, giustificano qualsiasi scelta scellerata e producono una grande confusione tra i loro stessi iscritti.

In questi partiti di comunista nulla rimane, se non nel nome. Racchiusi nel loro cretinismo parlamentare puntano sul concetto della non violenza – intesa come rinuncia alla lotta di classe – e, quindi alla rinuncia del marxismo e della prospettiva di una società socialista ponendosi, oggettivamente, dalla parte della borghesia.

Eppure la storia del movimento operaio e comunista ha dimostrato che riscattarsi è possibile, che c’è una possibilità di società diversa da quella in cui viviamo fatta di sfruttamento, guerre, omicidi bianchi, mafia, logge massoniche, corruzioni, scandali, sottocultura, prostituzione, razzismo ecc.

Non c’è bisogno di cercare nuove strade. Bisogna però individuare i nemici – che non sono solo dall’altra parte della barricata – e rilanciare la lotta di classe senza temere, per questo, di essere accusati di terrorismo.

20 Marzo 2007

nuova unità - Rivista comunista di politica e cultura

6021