il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Era un sogno!

Era un sogno!

(28 Agosto 2013) Enzo Apicella
"I have a dream". 50 anni fa Martin Luther King pronunciava il suo famoso discorso davanti al Lincoln Memorial di Washington

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Soccorso Popolare (PD): TUTTI A COSENZA!!

contro la guerra infinita del capitale, contro la repressione

(22 Novembre 2002)

Gli arresti e le perquisizioni di questi giorni non sono che l'ultimo atto repressivo di una serie lunghissima, estesa a tutto il territorio nazionale.
Sono il risvolto interno della grande guerra civile del capitale contro il lavoro, contro i popoli, contro chiunque lo metta in discussione.
Guerra resa tanto più acuta dalla sua crisi generale, crisi politica, economica, sociale.

Ma questi ultimi arresti e perquisizioni, avvenuti a pochi giorni dalla grande manifestazione di Firenze contro la guerra imperialista, hanno un effetto generale importante, come fu l'altro atto repressivo generale del luglio genovese.

Come è stato importante il fatto di aver riconosciuto il terreno della guerra come centrale (altro che altro mondo possibile con la socialdemocrazia e il pacifismo, altro che gioiosi (ma di che gioiosi?) girotondi, marce su Assisi e su Roma con D'Alema e company alla testa!!)così adesso è importante riconoscere il terreno della repressione come centrale.
Repressione, risvolto interno della guerra infinita, repressione a partire dal sud, dai sud ribelli dove si uniscono movimenti no global e movimenti operai di tipo classico- fordista e di tipo nuovo-precario.
Questa è la novità ancora più importante, l'imminente saldatura, già in nuce a Firenze, tra movimento operaio e movimento "no-global".
A questo portano inevitabilmente le cose.
E non a caso si è colpita quella parte dei networks che avevano vivacemente saldato gli ambiti verdi e rossi(chi non si ricorda le polemeiche dei calabresi col ceto politico anche interno).

Alla luce dei fatti di Termine Imerese, della crisi Fiat e di tante altre cose è giusto dare loro atto, sostenerli (in particolare segnalo la situazione di Vittoria e del suo compagno), ottenere una loro rapida liberazione e soprattutto costruire un alleanza larghissima, capace di fare da riferimento italiano al movimento generale il cui fine, sia ben chiaro, è il rovesciamento del sistema di morte, di ricatto di dominio, di sfruttamento.
Non bisogna aspettarsi regali su questo percorso; ma non c'è alternativa possibile.

L'assemblea e la manifestazione di Cosenza sono un passaggio importante di costruzione del movimento.
Il 12 dicembre probabilmente sarà un altro passaggio.
L'importante, adesso, è cominciare a costruire nelle scadenze concrete, nella lotta gli organismi di tipo nuovo (ben più larghi e democratici dei socialforum 1 edizione).c'è posto per tutti, il più bello della storia deve ancora venire e comunque non dispiace vedere i carceri circondati di bandiere generalmente rosse e di striscioni del movimento.

N'est pas?

Soccorso Popolare (Padova)
e-mail: soccorsopopolare@libero.it

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «15-11-2002: libere tutte, liberi tutti!»

Ultime notizie dell'autore «Soccorso Popolare - Padova»

7926