il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio mondo

Addio mondo

(13 Settembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 80 di "Alternativa di Classe"
    (19 Agosto 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Capitale e lavoro (dall'Europa)

    Il debito è vostro. Noi non lo paghiamo

    (14 notizie dal 2 Agosto 2010 al 24 Luglio 2012 - pagina 1 di 1)

    Il default della spagna

    Sì che ci sono, i soldi…

    di Vicenç Navarro (*); da: pùblico.es; 20/7/2012 Durante il dibattito parlamentare che ha avuto luogo alle Cortes spagnole (il parlamento, n.d.t.) per la presentazione da parte del presidente Rajoy delle misure che il suo governo si apprestava a prendere, il ministro delle Finanze e dell’Amministrazione pubblica del governo spagnolo, Cristòbal Montoro, ha detto che queste...

    (24 Luglio 2012)

    Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Milano

    Debito pubblico greco

    Pubblichiamo un documento del 2011 sull’origine del debito pubblico greco e sulle responsabilità dei capitalisti. Documento di estrema attualità per chi vuole capire. L’origine del debito pubblico greco e 8 ragioni per non pagarlo di Leonidas Vatikiotis (*); da: rebelion.org; (Relazione presentata nell’incontro “Vivere nella debitocrazia, Chi deve a chi”,...

    (20 Luglio 2012)

    Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Milano

    Nessuna notizia dall’Islanda

    di Manuel E. Yepe; da: cubadebate.cu; 2.6.2012 Da quattro anni in Islanda - quell’isola glaciale attribuita all’Europa, che riposa in mezzo all’Atlantico del Nord, con appena 300.000 abitanti - succedono cose interessanti e nuove che non appaiono sui media corporativi dell’Occidente, confermando la manipolazione inesorabile di cui l’umanità è oggetto per...

    (8 Giugno 2012)

    Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Milano

    Elezioni e mercati finanziari

    Comincia la vendetta degli oligarchi contro gli elettori

    di Carlos Enrique Bajo, Público(*); da:rebelion.org; 9.5.2012 La rabbia con cui i mercati finanziari hanno accolto i risultati elettorali in Francia e Grecia si è manifestata appena aperte le borse, il mattino seguente al verdetto delle urne contro la mortifera austerità ad oltranza imposta da Merkozy (Merkel+Sarkozy) per salvare le banche a costo dei contribuenti. L’immediata...

    (10 Maggio 2012)

    Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Milano

    La banca d’affari statunitense truccò i conti di Atene

    Il grande trucco che Goldman Sachs ha fatto in Grecia

    Ci sono società che rubano in nome della corona imperiale per cui lavorano senza che non gli succeda mai niente. Goldman Sachs è una di queste. La banca d’affari nordamericana riempì le sue casse con un bottino di 600 milioni di euro (800 milioni di dollari) quando aiutò la Grecia a truccare i suoi conti affinché il paese raggiungesse i requisiti per entrare...

    (16 Marzo 2012)

    Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Milano

    Dove finirà questo mezzo bilione di euro?

    La Banca Centrale Europea (BCE) ha prestato in questi giorni più di mezzo bilione di euro a 800 entità finanziarie della zona euro, a condizioni di interesse molto favorevoli (l’1%) con un termine di restituzione di tre anni. Non è la prima volta che l’entità di emissione porta a termine un’operazione con queste caratteristiche, ma la quantità...

    (9 Marzo 2012)

    gara.net (quotidiano basco)

    Gli islandesi mietono i frutti della loro rabbia

    Gli islandesi, che hanno gettato pietre contro il Parlamento nel 2009 esigendo dai loro politici e dai loro banchieri una risposta per il collasso economico e finanziario del paese, stanno raccogliendo i frutti della loro rabbia. Dalla fine del 2008 le banche dell’isola hanno condonato prestiti equivalenti al 13% del prodotto interno lordo (PIL), cosa che rende più facile ad un quarto...

    (3 Marzo 2012)

    Omar Valdimarsson

    I 25 leader europei hanno firmato il fiscal compact. ecco di cosa si tratta

    Antonio Ferraro* I 25 leader Ue (non ci sono Gran Bretagna e Repubblica Ceca) hanno firmato il 'fiscal compact' o 'patto di bilancio', e il presidente Ue Herman Van Rompuy si è detto "molto fiducioso" che gli Stati lo ratificheranno. "Ora avete il compito di convincere i vostri Parlamenti", ha detto Van Rompuy. Per l'Italia ha firmato il premier Mario Monti. Al termine della cerimonia, hanno...

    (2 Marzo 2012)

    Radio Città Aperta - Roma

    Il nuovo Patto Fiscale europeo: fine della democrazia

    Analisi del Fiscal compact (patto fiscale)

    Il senso del Trattato è espresso dal Titolo III, che porta a sua intestazione Fiscal Compact (‘Patto fiscale’), chiesto esplicitamente dal Presidente della BCE, Mario Draghi, nel suo discorso al Parlamento Europeo il 1° dicembre 2011. Le modalità autoritarie non sono dovute solo al fatto che una banca centrale, la BCE, chieda e ottenga dai governi la definizione di un...

    (6 Febbraio 2012)

    Franco Russo (Comitato No Debito e animatore del Forum Diritti/Lavoro)

    Bce contro i lavoratori.

    Schiacciare i lavoratori e imporre l’austerità. Il vero obiettivo di Draghi nell’Eurozona

    Immaginate per un momento che la vostra banca vi offra un prestito di 150.000 dollari per compensare il denaro da voi perso con la diminuzione del valore della vostra casa da quando la bolla immobiliare è scoppiata nel 2006. Oppure diciamo che la banca vi presterà il denaro per tre anni a tassi bassissimi dell’1%, a condizione che voi diate in garanzia del prestito il contenuto...

    (29 Dicembre 2011)

    Mike Whitney, Counterpounch;

    Rubare ai poveri per dare ai ricchi

    Attraverso un’analisi dell’economia spagnola, una spiegazione sul debito pubblico

    Il debito pubblico, un meccanismo di redistribuzione della ricchezza dai poveri ai ricchi L’unica parte della cosiddetta ricchezza nazionale che fa realmente e veramente parte della proprietà collettiva dei popoli è …. Il debito pubblico. Gli ultimi fatti economici e politici stanno succedendo a velocità vertiginosa. Lo sprofondamento dei governi della Grecia e...

    (1 Dicembre 2011)

    Iván Gordillo

    Lettera a un compagno italiano sull'appello: “Noi il debito non lo paghiamo. Dobbiamo fermarli”

    Tu mi proponi di dare un giudizio sull’appello uscito dalla riunione del 1° ottobre : “Noi il debito non lo paghiamo. Dobbiamo fermarli”. Vorrei innanzitutto ricordare brevemente ciò che avevo cercato di spiegare alla riunione di Genova alla quale mi avevi invitato : perché la parola d’ordine « non pagare il debito » dovrebbe essere al centro...

    (16 Ottobre 2011)

    Jean-Louis Roussely

    Sulla crisi economica capitalistica e il debito

    Dichiarazione dell'Ufficio Politico del CC del KKE

    1. L'inedita intensificazione dell'offensiva contro redditi e diritti che il popolo sta subendo non e dovuta alla crescita del debito pubblico. La linea politica del "memorandum perpetuo" viene attuata in tutti gli Stati membri dell'UE. Precipita il popolo nella poverta relativa e assoluta, garantisce una forza lavoro a piu basso costo, accelera l'accumulazione e la concentrazione del capitale. L'obiettivo...

    (22 Settembre 2011)

    Partito Comunista di Grecia (KKE)

    Mitologia greca: la vera storia della crisi del debito europeo

    Lunedì 02 Agosto 2010 12:50 I caffè di Atene sono pieni, frotte di turisti visitano ancora il Partenone e saltano da un’isola all’altra nel favoloso Egeo. Ma sotto la facciata estiva, c’è confusione, rabbia e disperazione mentre il paese precipita nella sua peggiore crisi degli ultimi decenni. I media mondiali hanno presentato la Grecia, la piccola Grecia,...

    (2 Agosto 2010)

    www.campoantimperialista.it

    224868