">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Next stop: Napoli

Next stop: Napoli

(4 Ottobre 2012) Enzo Apicella
La Estelle forzerà il blocco di Gaza. Prossima tappa Napoli

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Torino. Vuota la Fiera per Israele. Piena la piazza per la Palestina.

Vittoria politica per il movimento di solidarietà con la lotta del popolo palestinese

(12 Maggio 2008)

Una manifestazione ampia e vivace ha attraversato le vie di Torino, a suggello della campagna Free Palestine di boicottaggio della Fiera del Libro 2008 e della sua infausta scelta di dedicare l'annuale edizione della kermesse allo stato di Israele come "ospite d'onore". La manifestazione, composta da delegazioni nazionali (da tutta Italia) e internazionali (Svizzera, Francia, Israele) ha mostrato in maniera molto chiara di sapere "da che parte stare": contro gli inchini ai poteri forti, con le ragioni di chi resiste al (neo)colonialismo di marca imperiale, ricordando che "non c'è nulla da celebrare" per uno stato criminale fondato sulla rimozione di un altro popolo e una pratica continua di pulizia etnica e regime istituzionalizzato di apartheid
L'Assemblea Free Palestine e il Forum palestina ritrngono di aver raggiunto i propri obiettivi nella misura in cui ha imposto un dibattito pubblico a livello nazionale sulle ragioni del boicottaggio contro quelle della resa. A conferma di un successo annunciato dall'intensità della polemica, l'inflessione pesante nel numero delle visite, già evidente nei giorni inaugurali, pesante in questo sabato-giorno clou della kermesse.

Il serpentone era aperto da una bandiera palestinese lunga dieci metri e larga quattro, sostenuta da una quindicina di persone. Tanti i partecipanti, un centinaio le organizzazioni che hanno aderito. Subito dopo il vessillo palestinese, uno striscione mostrava le immagini del conflitto israelo-palestinese, con scritto «Boicotta Israele, sostieni la Palestina». C'era anche una gigantografia con il rogo delle bandiere di Israele e degli Stati Uniti in piazza a Torino il 1° maggio e la frase «Israele non è un ospite d'onore».
Il corteo ha attraversato i quartieri popolari di San Salvario, Nizza Millefonti e Lingotto, riuscendo a comunicare le proprie ragioni con gli abitanti, nei giorni precedenti pesantemente spaventati da una campagna mediatica di isteria e terrorismo psicologico, mirante a descrivere una giornata di zone rosse, e scontri. Un'operazione non riuscita, grazie alla presenza degli abitanti del quartiere e di numerosi esercizi commerciali che hanno scelto di non aderire all'appello allarmista alla chiusura.
Alcuni di loro hanno addirittura voluto esprimere dal furgone del corteo il proprio dissenso alla cappa di paura imposta da media, politici e questura. Gli abitanti del quartiere invece di farsi intimorire dall'invito a rimanere barricati nelle proprie case, hanno accolto il corteo e l'hanno rimpolpato di persone, portando a 8000 le 5000 presenze iniziali.

Gli interventi di lungo tutto il corteo hanno ribadito le parole d'ordine della mobilitazione per un "2008 anno della Palestina". Dai microfoni hanno parlato i vari soggetti che hanno promosso la campagna e organizzato la manifestazione.
Oltre alla foltissima presenza di centri sociali antagonisti, organizzzazioni di solidarietà internazionale, sindacati di base e la comunità palestinese, significativa e molto apprezzata la presenza di Ebrei contro l'occupazione, che hanno accompagnato il corteo con interventi e testimonianze durante e alla fine del percorso.
Imponente la presenza delle forze dell'ordine: polizia, carabinieri e guardia di finanza che hanno letteralmente blindato con più di 1000 uomini, il perimetro del Lingotto Fiere, bloccando con vari reparti antisommossa tutte le vie di accesso ad un 'evento che continua a pretendersi "culturale" nonostante l'elmetto indossato.

La manifestazione si è infine conclusa dove aveva preteso di arrivare, a un centinaio di metri dall'ingresso del Salone, con una serie di interventi che hanno ricordato le ragioni - molto politiche - di un evento "culturale" e del suo boicottaggio. A Torino non c'era invece Fausto Bertinotti che proprio sabato avrebbe dovuto partecipare ad un convegno alla Fiera. Il leader di Rifondazione Comunista ha deciso di annullare l’appuntamento, considerando che già il 1 maggio era stato duramente contestato dagli organizzatori del corteo Free Palestine.

I video sulla manifestazione

Forum Palestina

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Boicottiamo la Fiera del libro di Torino»

Ultime notizie dell'autore «Forum Palestina»

Commenti (1)

DALLA PARTE DEI PALESTINESI!... MA NON SI SA' CHE TIPO DI OPPOSIZIONE FARE... QUI.

Giusta la manifestazione di Torino ma da parte di noi e moltissimi semplici cittadini di sinistra,pur vicinissimi al popolo Palestinese , emergono qui da NOI a fronte della "PRIMAVERA NERA "in atto, grandi preoccupazioni,in casa nostra ! vista la posizione collaborazionista del PD che assomiglia sempre piu' alla dc cilena di Frei che favori' nel 73 Pinochet .

I segni del risveglio reazionario, si vedono nelle reiterate fibrillazioni della dirigenza RAI che ha prima bacchettato Santoro, l' altro ieri Travaglio con Fazio colpevole di avergli dato spazio e d' aver criticato Schifani .
LA DESTRA NON VUOLE IL DIRITTO DI PAROLA E DI STAMPA !VUOLE UNA DITTATURA !E LA DESTRA DEL PD NE' COMPLICE !


Facendo presente che l' Italia è soggetta ad una multa milionaria IMPOSTACI DALL uNIONE EUROPEA ! in continuo aumento circa la non corretta regolamentazione dell' apparato televisivo nazionale ,segnato dal piu' macroscopico conflitto d' interessi che l' occidente moderno ricordi ,la destra non si smentisce mai e nonostante i propositi del.. "volemose bene veltroniano ".. e sua squallida e patetica opposizione, da "governo ombra "DI OCCHETTIANA MEMORIA 1989,ci porterà di questo passo ad una stagione persino peggiore di quella del periodo 2001/2006 in cui avvennero fatti gravissimi sulla limitazione della democrazia e della liberta' di stampa .lA 3A rEPUBBLICA PEGGIORE DELLA 2A !

Non casuale l' aggregarsi dello squadrismo ,il caso di Verona non è frutto di balordi ,i balordi hanno mandanti e cattivi maestri ,cercano la provocazione !.
L' impossibilita' del regime a risolvere anche minimamente ,le pessime condizioni di vita della maggioranza degli italiani ,tagliegiati dall' inflazione senza controllo e contrappesi ,porta i fascisti a scegliere le già note e viste! strade della strategia della tensione !I fascisti sono inquiteti e temono la sinistra invisibile ,uscita cancellata dalle recenti elezioni truffa !
Quindi risvegliare a loro vantaggio un' artificioso conflitto sociale,diretto da loro! e dai servizi assassini e criminali e dalle mafie pescando nel torbido ed aprofittandosi della debolezza del movimento progressista, potrebbe essere la nuova occasione sia per distogliere dai problemi reali e riempire vantaggiosamente a ...loro!!!! ,galere e campi di concentramento di "nuovi terroristi rossi" da inventare/o inventati dai servizi deviati a tavolino ...quindi molti poveri cristi delle nostre fila ...ed innocenti ...andrebbero in galera ,cosi' nel terrore della repressione, avrebbero maggiore mano libera .verso la neo /fascistizzazione del paese !

E bisogna riscontrare anche la miopia della sinistra ex arcobaleno che sembra vacillare e fibrillare oggi solo ... in squallide diatribe tra correnti ,schegge e frazioni, nell' infinito ed ideologico confronto senza risultati ....e mentre si discute a vuoto, i fascisti riempono di manifestini di" forza nuova e croci celtiche,".... i centri di tutte le citta' italiane !

Buon senso sarebbe se la sinistra comunista abbandonasse i narcisismi insopportabili dei vari leader stile Capalbio e s'andasse alla ricomposizione di un "fronte popolare "..d' opposizione frontale a questo governo ,
aggregando tutti i segmenti del dissenso coltivandoli con mezzi come il web, raggiungendo tutti quei cittadini attivi e diffondendo l' idea dell' opposizione dal basso e della vigilanza e del controllo sul territorio ,...alla deriva fascista che potrebbe incancrenirsi a nostro danno .

Oggi quindi il settarismo e l' ideologismo astratto non paga !ci vuole unita' delle forze di tutte le forze liberali ,radicali,cattoliche , comuniste ed antifasciste contro la dittatura in atto !

La demagogia di Tremonti che si atteggia a no/ globaL è UN DATO INTERESSANTE ed illuminante egli è in qualche modo il portavoce del fascismo nazionale e sociale, domenica ha parlato con l' Annunziata in tv di far pagare i petrolieri e i banchieri !!!

Balle colossali!!! le sue indicazioni si scontreranno subito con gli interessi mafiosi tra finanza e il suo partito azienda mostruoso !!!!!
La nuova destra quindi non è credibile ,neppure se agita fantasmi del fascismo sociale stile Repubblica di Salo' .La verita ' è che chi ad esempio si faceva illusioni di un "Berlusconi Peronista" ha poi subito sulla propria pelle la deriva del CARO EURO e l' atteggiamento criminale di un governo che non ha assolutamente controllato nel 2002 i rincari dei bottegai e di tutto l' apparato commerciale suo serbatoio infetto di voti !scippando agli italiani a reddito fisso il 50% del proprio potere d' acquisto !

Quindi tenete conto che se il 20%non ha votato+IL 3.5 %DELL' ARCOBALENO extraparlamentare e il centro sinistra visibile con un 37% reale dei consensi..... l' Italia non è di destra come queste elezioni truffa ci verrebbero far credere!!!! la meta' del paese ed oltre,.... NON E' FASCISTA !E NEANCHE BERLUSCONIANA !

Compito quindi dei comunisti è lavorare e servire la nazione!CREANDO.... LA DIGA ANTIFASCISTA ! aggregando le masse popolari e tornando nei quartieri ,nei luoghi di lavoro nei sindacati nelle associazioni di base ,NELLE SCUOLE , NELLE UNIVERSITA' !,

Se i fascisti circolano in un luogo urbano che la sinistra s' attrezzi ...stessi mezzi!!! se loro appendono simboli si straccino! e si pongano i nostri !!colpo su colpo !Dobbiamo fargli vedere che la sinistra c'è !!!!!!

L' unico antidoto e' la ripresa del lavoro di massa i compagni che parlano coi cittadini uno per uno!basta con dirigenti borghesi e degenerati da ville a Capalbio e talk show !

Tornare alla formula del movimento comunista stile Cnl ,ma con occhio lucido alle alleanze e alle inclusioni di tutti i segmenti popolari antifascisti !
dando sicurezza e visibilita',.

CI VUOLE FERMEZZA ..TESTA SUL COLLO ,E LA COSTITUZIONE COME ARMA DI LEGALITA ' E DEL MANTENIMENTO DELLO STATO DI DIRITTO !!!!!!CHE UNA BANDA DI AFFARISTI CERCA DI SPOSTARE A VANTAGGIO DEI LORO APPETITI DI RAPINA E SPARTIZIONE !

NON CI SARA' NESSUNA RIFORMA NESSUN RISARCIMENTO SOCIALE!!!!! SOLO LA SPOGLIAZIONE DEL PAESE ....DEFINITVA !

Questo è un momento gravissimo dell' economia che puo' anche perniciosamente virare in una nuova crisi simile a quella del 29 ,occorre che il" fronte democratico e popolare" s' aggreghi in mille realta' locali affinche' sia in grado di dare adeguate risposte di massa alla svolta reazionaria gravissIma che è in atto nel paese !

QUESTA IDEA TATTICO STRATEGICA SERVE ANCHE A SPEZZARE CONSENSI MODERATI E REAZIONARI ALLA DESTRA DEL PD ,ORMAI VOTATO AD UNA SCELTA DI SCONFITTA E DI LIQUIDAZIONE TOTALE DELLA SINISTRA ITALIANA////Per affiancare le componenti affristiche in seno al PD ai progetti spartitori di cio' che resta della nazione, col Cavaliere e sue imprese !

BATTERE QUINDI LA DERIVA DEVIAZIONISTA DI DESTRA IN SENO AL PD!!!! VERSO LA RICOMPOSIZIONE DI UN MOVIMENTO POPOLARE
CAPACE DI GESTIRE LA CRISI LIMITANDO IL DANNO
ALLE MASSE POPOLARI DI QUESTO PAESE .

ONORE E ORGOGLIO ALLA NOSTRA DIGNITA' DI ESSERE COMUNISTI !DI ESSERE LA PARTE SANA CHE HA COSTRUITO LA NOSTRA REPUBBLICA ,NOI ABBIAMO COSTRUITO QUESTA DMOCRAZIA LORO L' HANNO DISTRUTTA !REGALANDOCI NEL 45 MACERIE E LUTTI INFINITI ,OGGI SI SENTONO RILEGITTIMATI !A COMPIERE DI NUOVO L' OPERA DI DISTRUZIONE DELLA NOSTRA AMATA PATRIA, NON DOBBIAMO LASCIARGLIELO FARE !

SALUTI COMUNISTI !

(12 Maggio 2008)

gastaldo.paolo

gastaldo.paolo@tiscali.it

14323