il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Praga. Il convitato di pietra

Praga. Il convitato di pietra

(8 Aprile 2010) Enzo Apicella
Usa e Russia discutono il nuovo Trattato Start. Delle armi nucleari di Israele, denunciate da Mordecai Vanunu, non si parla.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

SITI WEB
(No basi, no guerre)

27 febbraio. Io non sono complice: presidio davanti alla Ederle

(25 Febbraio 2010)

Crimini di guerra: così li definisce, senza mezzi termini, Emergency, da sempre in prima linea nel soccorrere le vittime di ogni guerra. E’ quanto sta avvenendo in questi giorni, a causa dell’ennesima offensiva scatenata dalla Nato per colpire e distruggere i ribelli; ma, sotto il fuoco dei caccia e delle artiglierie, ci finiscono sempre i civili: come mercoledì, quando sotto le bombe ci sono finiti tre pulmini stracarichi di civili – tra cui donne e bambini – in fuga dall’inferno. «Ci dispiace – hanno prontamente commentato i comandanti in campo dopo la notizia di questa strage – ma è difficile distinguere i civili dagli insorti».

Appunto, è difficile; e, del resto, questa è una storia che si ripete; quando si tratta di causare la morte non esistono bombe intelligenti che sappiano distinguere tra un bambino e un uomo armato: hanno il compito d uccidere con la propria potenza, le bombe, mica di fare l’identikit del proprio bersaglio.
Ma c’è di più: Emergency, dall’ospedale allestito a Lashkar-gah, denuncia la chiusura di tutti i corridoi umanitari. I feriti e i civili non possono lasciare la zona di combattimento, mentre i medici non possono entrarvi per portare soccorso. Ai ceck-point della Nato decine – forse centinaia – di persone vengono fermate e viene loro impedito di proseguire, condannate a morire sul ciglio di una strada. Non si tratta di “danni collaterali” - la nota formula per dire che i fini giustificherebbero i mezzi, la vittoria l’omicidio – ma di uccisioni provocate consapevolmente. Crimini di guerra, come denuncia Emergency, che violano ogni convenzione, di pace e di guerra.

Noi non vogliamo essere complici di quanto sta avvenendo in queste ore per mano delle stesse strutture militari che, proprio nella nostra città, si dicono portatrici di pace, democrazia e speranza. Guerra, imposizione e morte sono quanto seminano coloro che, per interessi economici e politici, seminano nel mondo bombe e distruzione.

Sabato mattina, dalle 10.30, saremo davanti ai cancelli della caserma Ederle (V.le della Pace), assieme a Emergency, per gridare la nostra rabbia e la nostra indignazione. Ora basta: con la guerra, con le morti, con la distruzione: fuori da Vicenza chi commette crimini di guerra.

No Dal Molin

7690