il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Storie

Storie

(17 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Ancora un libro di Giampaolo Pansa: "I vinti non dimenticano".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

II° campeggio antimperialista a Malga Zonta (Trento)

dal 15 al 17 Agosto 2003

(8 Luglio 2003)

L'aggressione militare all'Iraq e la sua occupazione da parte delle truppe angloamericane è solo l'inizio di un conflitto "permanente", che ha come obiettivo la spartizione del mondo tra i vari gruppi imperialisti.
Dopo i massacri in Afghanistan(che tuttora continuano e di cui non si sa nulla) è toccato al popolo iracheno subire gli effetti della guerra, definita di "liberazione" ingaggiata dalle due più grosse potenze militari: Usa e Inghilterra.
Tonnellate di bombe, distruzione di tutte le strutture sanitarie, bombardamento degli acquedotti con il risultato del dilagare del colera, dollarizzazione del paese.

GLI ANGLOAMERICANI NON SONO DEI LIBERATORI MA DEI COLONIALISTI OPPRESSORI.

Il vero obiettivo della guerra diventa ogni giorno più chiaro: la conquista del sistema di estrazione del petrolio e il controllo del mercato è di vitale importanza per uscire dalla crisi che attanaglia gli stati capitalisti.
L'80% della produzione mondiale e la più grossa rete di oleodotti e gasdotti è concentrata nell'area che va dal territorio del Caspio fino alla valle del Fergana(al confine con la Cina).

La politica imperialista USA mira a trasformare questi stati in colonie, assumendone il pieno controllo politico/militare/economico senza produrre alcuna crescita, anzi al contrario, arretrando le condizioni sociali,aumentando l'analfabetismo, servendosi delle forme più reazionarie presenti in quell'area per mantenere le popolazioni allo stato medioevale, per meglio controllarle.
Ma tutte le manifestazioni antiamericane prima, durante e dopo la guerra, soffocate nel sangue e con migliaia di arresti, dimostrano la debolezza del capitalismo attuale: l'aumento dello sfruttamento senza limiti produce la crescita della resistenza dei popoli.

La disuguaglianza cresce pari passo nei paesi avanzati, con il complessivo peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro L'aumento delle spese militari comporterà un ulteriore taglio dei servizi, blocco dei salari(o aumenti da fame) e in contemporanea repressione delle lotte, caccia all'immigrato "terrorista", stato di emergenza.
Non viene colpito solo il potere d'acquisto del salario, ma le pensioni, l'accesso alla sanità e agli altri servizi.
Le ristrutturazioni aziendali e la nuova politica sul lavoro aprono uno scenario di precarizzazione selvaggia, che altro non è che la nuova veste della disoccupazione e del lavoro nero legalizzato.
Tutto ciò crea un quadro di insicurezza generale sul futuro che scatena una guerra fra poveri, fra lavoratori immigrati e italiani, tra nord e sud, tra immigrati stessi che sfocia in fenomeni razzisti o xenofobi, cavalcati dalle destre o dai nuovi gruppuscoli che si rifanno a quell'ideologia.

Forti dell'esperienza partigiana che ha sancito nella nostra storia la vittoria del popolo contro gli oppressori e che ha avuto come ideali la lotta al fascismo e alla guerra, in un quadro di solidarietà internazionale vogliamo riproporre tre giorni di dibattito a Malga Zonta(TN) articolati come segue:

15 agosto

ore 9,00 LA RESISTENZA CONTINUA
Presenza alla commemorazione dell'ANPI dei partigiani fucilati dai nazifascisti a Malga Zonta

ore 15,30
- Apertura del campeggio
- Testimonianze di vita partigiana
- La lotta operaia e partigiana vicentina fina al 45; la resistenza operaia ieri e oggi
- La resistenza dei popoli oppressi attraverso le testimonianze di delegazioni europee e mediorientali.
Interverrà uno storico del movimento partigiano vicentino, un compagno operaio, un rappresentante palestinese, spagnolo ed altri.
Ci saranno testimonianze di episodi di vita partigiana.

16 agosto

ore 14,30 GLI OPERAI E LA GUERRA
- Come i lavoratori pagano le guerre dei padroni
- Esperienze e limiti delle mobilitazioni durante l'attacco all'Iraq
- Sindacati e scioperi.
Interverranno esponenti del mondo operaio e del sindacato di base

17 agosto

ore 14,30 I MOVIMENTI D'OPPOSIZIONE ALLA GUERRA
- Relazione sui percorsi di lotta in Europa, Medioriente e Italia
- La repressione e le nuove leggi "antiterrorismo"
Interverranno uno storico del movimento, un esponente della lotta palestinese e un avvocato.

Il campeggio sarà in funzione dal 14 agosto. C'è la possibilità di alloggiare in un vicino albergo salvo prenotazione. Sarà attivo un servizio mensa e bar. Se possibile avvisare per tempo del numero di partecipanti.

Il campeggio si trova a 1500 metri; si raccomanda un'attrezzatura adeguata all'altitudine. E' raggiungibile da Piovene Rocchette(punto finale dell'autostrada A 31 Valdastico) proseguendo verso Arsiero. Ad un bivio si svolta per Tonezza e attraversato il centro, si prosegue verso Folgaria. Si arriva ad un altro bivio caratterizzato dalla presenza di una chiesetta e si svolta a sinistra verso Passo Valbona e Passo Coe. Dopo 7 Km si arriva a Malga Zonta.

Per informazioni:
malgazonta@libero.it
http://www.malgazonta.org
cellulare 340/9167544

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Ora e sempre Resistenza»

Ultime notizie dell'autore «Comitato Antimperialista Antifascista Malgazonta»

8424