il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Prima le donne e i bambini

Prima le donne e i bambini

(22 Febbraio 2009) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

‘Berlusconi vattene!’. Botte ai precari che assediano Montecitorio. Corteo selvaggio e blocchi nel centro di Roma.

(22 Giugno 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.radiocittaperta.it

‘Berlusconi vattene!’. Botte ai precari che assediano Montecitorio. Corteo selvaggio e blocchi nel centro di Roma.

foto: www.radiocittaperta.it

22-06-2011/16:59 --- Alla fine l’assedio precario c’è stato, anche se non nelle dimensioni che ci si aspettava e che la situazione sociale ed economica del paese richiederebbe.

Le fantasmagoriche e non ben individuabili ‘reti precarie’ che nei giorni scorsi avevano annunciato fuoco e fiamme - simbolicamente parlando, si intende - alla fine non si sono viste. Almeno fino ad ora. Al di là della partecipata e interessante assemblea di domenica sera in Piazza Montecitorio, fino a stamattina davanti al Parlamento si sono fatti vedere in pochi.

Neanche le performance teatrali di Ulderico Pesce e degli occupanti del Teatro Valle sono riuscite ieri sera a riempire la piazza, snobbata dagli studenti alle prese con gli esami e soprattutto da alcune sigle che, mancando questa volta l’evento mediatico sul tipo di quelli messi su mesi fa da Cgil e PD, hanno disertato le giornate dell’indignazione precaria.

Senza organizzazione, senza obiettivi chiari e senza una indipendenza vera dagli schieramenti politico-istituzionali non c’è indignazione che tenga.

Eppure l’indignazione precaria ha comunque preso le forme di un rumoroso e determinato presidio di massa, iniziato a metà mattinata proprio in Piazza Montecitorio, quando al gruppetto di precari della scuola che da alcuni giorni campeggiano e fanno lo sciopero della fame si sono aggiunti alcune centinaia di precari della pubblica amministrazione, di lavoratori socialmente utili, di ex-Lsu impiegati nelle pulizie delle scuole – che oggi hanno anche scioperato rispondendo all’appello dell’Unione Sindacale di Base.

Tutti a rivendicare il loro diritto ad un lavoro stabile e dignitoso, a dire no ai tagli e ai licenziamenti, a sfiduciare non solo il governo Berlusconi ma tutta una classe politica che ‘non ci rappresenta’, come hanno dimostrato i recenti referendum spesso citati negli interventi degli attivisti. A premere sulle transenne e sui cordoni di Polizia in assetto antisommossa c’erano anche i senza casa e gli attivisti di Roma Bene Comune, che alla denuncia contro le nefandezze del governo nazionale aggiunge la protesta contro il bilancio ‘lacrime e sangue’ e le privatizzazioni della giunta Alemanno. ‘Il Campidoglio e Montecitorio non sono poi così lontane’ spiega Paolo Di Vetta, dei Blocchi Precari Metropolitani. A portare la propria solidarietà ai precari e a rappresentare una sfiducia complessiva al palazzo – inclusa quindi quell’opposizione complice con Berlusconi sulle politiche economiche e sull’ideologia del ‘precario è bello’ – qualche attivista dei gruppi e dei partiti della sinistra: Cobas, Sinistra Critica, Rete dei Comunisti, Federazione. Con il passare dei minuti la tensione sale, i manifestanti premono, urlano, inveiscono contro il Palazzo e chi lo occupa: “Dimissioni”, “Berlusconi vattene” e il meno politicamente corretto ‘Berlusconi pezzo di m…’ riecheggiano per un po’ sotto gli sguardi incuriositi dei turisti arrossati dal sole. La rabbia precaria non è un artificio simbolico. E la manifestazione non è un pranzo di gala... Ad un certo punto contro Montecitorio parte un fitto lancio di uova, patate, verdure, bottigliette, e libri (e poi dicono che la cultura non serve a niente!). Un sonoro petardo (che per le agenzie e per la redazione romana di Radio Popolare diventa una pericolosissima ‘bomba carta’!) completa la coreografia. Ed è in quel momento che all’indignazione precaria il fitto schieramento di Polizia risponde con una pesante carica e con il tentativo, poi rientrato, di trascinare via Paolo Di Vetta. Preso a ceffoni e a pugni dai poliziotti, che ad un certo punto lo trascinano con una violenza tale da fargli perdere i pantaloni... "Quasi una involontaria metafora dei precari lasciati in mutande da questo sistema" ironizza qualcuno a fine mattinata. La squadraccia dei celerini entra in piazza da dietro e aggredisce i manifestanti alle spalle.

Ma nonostante le botte in piazza i precari e gli occupanti delle case resistono, urlano ‘vergogna vergogna’. Qualche precario della scuola ‘senza bandiere’ se la dà a gambe, e più tardi approfitterà della disponibilità delle telecamere di qualche TG per dissociarsi dal lancio di uova e patate in nome della ‘non violenza’ e della ‘trasversalità’. Ma la piazza non si svuota, anzi. Lavoratori precari, mamme coi figli in carrozzella e bidelli tengono duro e dopo qualche minuto il presidio si trasforma in un corteo che attraversa determinato le vie del centro di Roma, blocca Largo Argentina e Corso Vittorio Emanuele, manifesta sotto la sede del Ministero di Brunetta (in questa fase gli insulti più fantasiosi hanno la meglio) per poi fare una tappa sotto il teatro Valle occupato e tornare infine a Montecitorio. I giornali parlano, come al solito, di scontri tra ‘Cobas e polizia’, ma la bolscevica edizione online del Corriere della Sera denuncia che “alcune persone in borghese sono state protagoniste di episodi di aggressione nei confronti dei manifestanti e dei giornalisti che assistevano alla scena. Uno dei manifestanti è stato colpito in volto da alcuni agenti della polizia. Strattonato, è caduto con la schiena a terra”.

Marco Santopadre, Radio Città Aperta

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «Radio Città Aperta - Roma»

3461