il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Prima le donne e i bambini

Prima le donne e i bambini

(22 Febbraio 2009) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

Monti non è un uomo: è una macina e tritura il popolo italiano

(13 Ottobre 2012)

montimedium

11/10/2012

Ancora una Finanziaria ammazza-Italia

Sei ore in più a settimana di lavoro per i docenti a parità di salario

Contro il governo tutti/e in piazza a Roma il 27 ottobre

Non è bastata la manovra “salva-Italia” (in realtà “ammazza-Italia”) e il massacro delle pensioni, la legge Fornero - che ha demolito i pochi diritti del lavoro restanti - e la “spending review”. Monti, come una macina che implacabilmente tritura salariati e pensionati, giovani e precari, servizi pubblici e Beni comuni, ha colpito di nuovo. La sedicente “legge di stabilità” demolisce ancora, immettendoci nella “spirale greca” di tagli e recessione, a cui seguono altri tagli fino al fallimento totale.

Tocca di nuovo alla scuola, alla sanità, al Pubblico impiego e ai servizi sociali fare da agnelli sacrificali, malgrado l’evidente inutilità dei sacrifici visto che il debito pubblico continua ad aumentare e spread e interessi sui titoli di Stato restano alti. I contratti del PI, della scuola e della sanità, già fermi dal 2009, restano bloccati fino al 2014 senza neanche l’indennità di vacanza contrattuale; la spesa per la salute pubblica sarà ancora tagliata (tra i 600 e i 1500 milioni annui), l’IVA verrà aumentata di un altro punto.

E, come schiaffo brutale ai docenti e alla scuola pubblica che rifiutano l’immiserimento, l’orario dei professori delle medie e delle superiori verrà aumentato di imperio di sei ore settimanali a parità di (già miserabile) stipendio, con la cancellazione di diverse migliaia di posti di lavoro e l’espulsione di altrettanti precari, già derisi con il “concorsaccio”.

L’ulteriore e brutale Finanziaria ammazza-Italia rende ancora più decisiva la presenza in piazza il prossimo 27 ottobre nella manifestazione nazionale a Roma contro il governo, le sue politiche e i partiti che lo appoggiano, convocata dal Comitato No Monti Day. In tale occasione i COBAS, insieme a varie organizzazioni sindacali e politiche e a tanti lavoratori/trici e cittadini in lotta contro il massacro sociale, daranno visibilità a chi rifiuta Monti e le politiche governative che colpiscono solo coloro chi ha sempre pagato, salariati, pensionati, precari, disoccupati, settori popolari, piccolo lavoro "autonomo". Nulla pagano gli evasori fiscali, i grandi patrimoni, banche, gruppi finanziari e industriali, mentre la corruzione e le ruberie delle caste politiche raggiungono il parossismo. E' ora che la crisi sia pagata da chi l'ha provocata e che ha continuato ad arricchirsi anche in questi anni!

Scendiamo in piazza per respingere l'ennesima manovra ammazza-Italia, per dire NO al governo, alla distruzione di scuola, sanità e servizi sociali, alla chiusura delle fabbriche, ai licenziamenti, alla cancellazione dei diritti del lavoro; SÌ a massicci investimenti nei Beni comuni e ambiente, all'assunzione dei precari; SI a una politica economica pagata dalle finanze dei ricchi, dal taglio delle spese militari e dalla cancellazione delle missioni di guerra, dalla soppressione della corruzione e dei privilegi delle caste politiche e manageriali; NO all'Europa dei patti di stabilità, del Fiscal Compact, dell'austerità; NO all'attacco alla democrazia, alla repressione contro il dissenso; SÌ ad una democrazia vera nel paese e nei luoghi di lavoro.

Promuoviamo una manifestazione che porti in piazza a mani nude e a volto scoperto l'opposizione al governo, per esprimere il massimo sostegno a tutte le lotte in atto per i diritti, i Beni comuni ed il lavoro, dalla Valle Susa al Sulcis, da Taranto alla Fiat, dagli inidonei e precari della scuola a tutti/e coloro che subiscono i colpi della crisi. La manifestazione partirà alle 14,30 da Piazza della Repubblica e si concluderà in Piazza S. Giovanni con una grande assemblea popolare.

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

6019