il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Bentornata età della pietra

Bentornata età della pietra

(27 Gennaio 2011) Enzo Apicella
Dopo l'Algeria e la Tunisia, anche l'Egitto in rivolta

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Bahrain, arrestato noto attivista diritti umani

(3 Novembre 2012)

Continua al repressione da parte del regime di re Hamad. Said Yousif è stato fermato e detenuto ieri mentre aiutava un manifestante ferito dalla polizia a Diraz

baharnotatdir

Roma, 03 novembre 2012, Nena News - Dopo il direttore del "Centro del Bahrain per i diritti umani", Abdel Rahman al Khawaja, le autorità hanno arrestato anche il suo vice, Said Yousif, attivista molto noto e stimato nel suo paese.

Yousif si trovava a Diraz per seguire una manifestazione di protesta pacifica contro la monarchia assoluta del re sunnita Hamad bin Isa al Khalifa. E' stato arrestato e portato al posto di polizia mentre soccorreva un manifestante rimasto ferito durante incidenti con i reparti di polizia.

Inizialmente Yousif aveva scritto su twitter che sarebbe stato rilasciato nel giro di qualche minuto, subito dopo le procedure di identificazione. Invece è stato portato in cella e oggi il giudice deciderà se confermare la detenzione o rilasciarlo.

L'arresto potrebbe essere una conseguenza del rapporto pubblicato di recente del "Centro del Bahrain per i diritti umani" che accusa re Hamad di godere di una inspiegabile "impunità" internazionale, in riferimento alla violenta repressione del movimento per la democrazia e le riforme.

Almeno 80 persone, secondo gli attivisti dell'opposizione, sono stati uccisi dalle forze di polizia dal febbraio 2011 a oggi. Decine di dissidenti, noti e meno noti, sono stati arrestati e condannati a pesanti pene detentive.

Ieri le Nazioni Unite hanno richiamato il Bahrain al rispetto dei diritti politici e umani. Qualche lieve critica a re Hamad è giunta tre giorni fa anche dagli Stati Uniti. Ma il sovrano bahranita continua a godere di una immunità non dichiarata in ragione della sua stretta alleanza militare con Washington (in Bahrain c'è la base della V Flotta americana) nel confronto in atto nel Golfo con l'Iran.

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il Mondo Arabo in fiamme»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

2794