il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Serva dell'imperialismo

Serva dell'imperialismo

(19 Marzo 2011) Enzo Apicella
Il governo italiano mette a disposizione 7 basi militari per l'attacco alla Libia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Libia: copti egiziani accusati di proselitismo, arrestati e torturati

(1 Marzo 2013)

Un gruppo di un centinaio circa di cittadini egiziani di fede cristiana copta sarebbe stato sequestrato in Libia e sottoposto a torture da parte di una brigata salafita di Bengasi, che ha accusato i cittadini stranieri di essere in territorio libico per fare "proselitismo". Lo hanno riferito alcuni esponenti della comunità, che hanno postato su Facebook alcune foto che ritraggono i presunti ostaggi e hanno annunciato che le foto saranno inviate anche alle Nazioni Unite, all'ambasciata egiziana a Tripoli, al ministero egiziano degli Esteri, all'Osservatorio libico per i diritti umani e a Human Right Watch.
Secondo fonti copte in Libia, i salafiti hanno attaccato una chiesa di Bengasi all'inizio della settimana e hanno poi preso in ostaggio un centinaio di esponenti della comunità che lavorano nel paese. Le fonti hanno raccontato al quotidiano egiziano al-Ahram che, coma si vede in alcune foto, gli ostaggi sono stati rasati e le croci che alcuni di loro portavano tatuate sul corpo sono state cancellate con l'acido. "La Chiesa copta ha inviato una richiesta ufficiale di intervento al ministero egiziano degli Esteri - ha detto la fonte, a condizione di anonimato - che ha avviato negoziati con la controparte libica per risolvere la questione e ottenere il rilascio dei cristiani catturati".
"E' un fatto molto grave - ha commentato dall'Etiopia padre Pachomios, arcivescovo di Beheira, Matrouh e della Libia - cittadini egiziani sono stati arrestati sulla base di un semplice sospetto di proselitismo e sono stati torturati. Ma non é credibile che un centinaio di copti abbiano deciso tutto a un tratto di avviare attività di proselitismo in un altro paese". Anche Naguib Gabriel, che guida l'Unione egiziana per i diritti umani, ha confermato la vicenda e ha accusato il governo egiziano di non fare abbastanza. "Se lo stato egiziano continuerà ad essere inattivo e non adempirà al suo dovere di garantire il rilascio dei copti catturati in Libia - ha detto - mi rivolgerò al Consiglio per i diritti umani dell'Onu affinché intervenga".

Redazione Contropiano

4992