il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Usciamo di casa

Usciamo di casa

(28 Settembre 2012) Enzo Apicella
Sciopero generale del Pubblico Impiego

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

RAPPRESENTANZA, CUB: UN ACCORDO LIBERTICIDA

L’accordo è funzionale al rafforzamento del traballante monopolio della loro rappresentanza.

(5 Giugno 2013)

I padroni della confindustria e i burocrati di cgil, cisl e uil, con l’accordo sulla rappresentanza, negano ai lavoratori il diritto di promuovere ed eleggere le proprie rappresentanze aziendali.L’accordo è funzionale al rafforzamento del traballante monopolio della loro rappresentanza.

In concreto milioni di lavoratori non potranno eleggere liberamente propri rappresentanti perché la relativa procedura è attivabile solo da cgil cisl e uil, malgrado, come è ampiamente noto, in centinaia di migliaia di aziende esse non sono presenti e non hanno iscritti.

I criteri per la rappresentanza dipendono dalla media tra i voti ottenuti nelle elezioni delle rsu e dal numero degli iscritti; per i sindacati diversi dai firmatari dell’intesa non è prevista l’iscrizione con le trattenute sulla retribuzione.

L’accordo prevede che le agibilità sindacali (assemblee, permessi, ecc), verranno successivamente discusse con l’obiettivo di rafforzare il monopolio di cgil,cisl,uil.

Il riferimento all’indice di rappresentanza è previsto solo per il livello nazionale, ed escluso per il livello regionale, provinciale e aziendale.

Ai lavoratori viene negata la possibilità di decidere le richieste da presentare e i lavoratori iscritti alle organizzazioni firmatarie dell’accordo verranno sanzionati qualora dovessero attuare iniziative contro i contenuti delle intese. Si attua così grave attentato alle libertà sindacali e al diritto di sciopero.

Una prima risposta all’accordo liberticida sarà data il 15 giugno con le manifestazione organizzata dalla Cub e dai Comitati Immigrati in Italia.

Cub lancia un appello a lavoratori, delegati e organizzazioni antagoniste per contrastare la pesante limitazione delle libertà sindacali che inevitabilmente coinvolgerà l’insieme della società; per questo richiediamo che il Parlamento, stabilisca regole che garantiscano una effettiva democrazia nei luoghi di lavoro.

Giugno 2013

CUB confederazione unitaria d base

6135