il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

3 al giorno

3 al giorno

(10 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

La causa del massacro di Soma: il maledetto sfruttamento capitalistico

(14 Maggio 2014)

causamassacro

Il massacro avvenuto nella miniera di carbone di Soma in Turchia, in cui sono
morti centinaia di minatori, mentre altrettanti sono ancora intrappolati
sottoterra, non può qualificarsi in nessun caso come un “incidente sul lavoro”, frutto della “fatalità”.
Al contrario, è stata una vera e propria strage dalle cause evidentissime.
In Turchia, durante dodici anni di governo dell'AKP di Erdogan, oltre 14 mila lavoratori hanno perso la vita.
Il massacro dei minatori di Soma è stato il culmine di questa lunga serie di omicidi.
Le politiche neo-liberiste attuate dal governo, le privatizzazioni, i subappalti, la riduzione del numero dei lavoratori occupati e l’intensificazione del loro sfruttamento, l’aumento dell’orario di lavoro: ecco cosa c’è dietro il massacro.
La strage di Soma è stata preparata da padroni senza scrupoli che si sono vantati del “taglio del costo del lavoro” per mezzo della sostituzione dei lavoratori qualificati con quelli a salario inferiore, inesperti e non
informati, tra cui minorenni, per mezzo dei subappalti, della cancellazione dei diritti fondamentali, fra cui quello alla prevenzione, dell’abbattimento delle spese per le misure di sicurezza, del mancato rispetto delle norme.
Tutto ciò ha portato al massacro.
Quanto alle responsabilità dirette del partito di governo, l’AKP, va denunciato che solo 20 giorni fa le opposizioni avevano chiesto l’istituzione di una commissione d'inchiesta sulla sicurezza nella miniera di Soma,
proposta respinta dal voto dei deputati dell'AKP e personalmente da Erdogan.
Gravissime responsabilità sono emerse anche nella gestione dei soccorsi degli operai intrappolati e nell’informazione, con il governo che ha cercato fino all’ultimo di occultare la verità.
Il massacro di Soma ha come colpevoli padroni criminali e ministri antioperai,
avidi di profitti, che dovrebbero essere condannati alla pena più severa.
La ragione di questo massacro, come di tutti gli omicidi sul lavoro, va trovata nell’infame regime di sfruttamento capitalistico, che la classe operaia deve abbattere con la lotta rivoluzionaria per elevarsi a classe
dominante e trasformare tutta la società.
Attraverso il partito fratello di Turchia, il Partito del Lavoro – EMEP, abbiamo inviato le condoglianze ai parenti dei minatori morti e augurato la guarigione ai feriti.
Uniamoci e organizziamoci nella lotta per l’abolizione dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo, per il potere proletario, per un nuovo modo di produzione fondato sulla proprietà sociale dei mezzi di produzione e di scambio.

14 maggio 2014

Piattaforma Comunista

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «Piattaforma Comunista»

7308