il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Trayvon

Trayvon

(20 Luglio 2013) Enzo Apicella
Assolto il vigilante George Zimmerman che nel 2012 uccise il 17enne nero Trayvon Martin

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Dal 30 agosto un nostro compagno è sottoposto, per 7 mesi e 15 giorni, a misure cautelari per ................ "essere seguito nel percorso di reinserimento nella società civile".

(7 Settembre 2016)

csa vittoria

La provocazione in sè si liquida in 2 righe:
Il pretesto per la misura cautelativa nasce dall' allontanamento di un provocatore da un'iniziativa in ricordo del compagno Dax che in seguito lamentò 6 giorni di prognosi.
Questi presunti sei giorni sono serviti alla polizia per giustificare e imbastire quella che è esplicitamente una vendetta, una provocazione e una sorta di intimidazione mafiosa che, alla fine dell'iter processuale, ha portato alla condanna a 7 mesi e 15 giorni per una nostra compagna e per un nostro compagno.
La compagna è libera ma il nostro compagno con la recidiva per altre condanne in giudicato, oltre che all'arresto per aver respinto la provocazione fascista in piazzale Loreto il 25 aprile del 2001, è ora sottoposto a misure cautelari con l'affidamento ai servizi con limitazioni alla sua libertà di circolazione, di frequentazioni, di orari e luoghi e sottoposto a possibili controlli notturni da parte della polizia oltre ai colloqui con gli assistenti sociali che provvederanno al suo ......... "reinserimento nella società civile".

A parte l'insopportabilità e l'inaccetabilità per un compagno o una compagna della privazione anche di un solo secondo della propria libertà personale e politica da parte della giustizia boghese, raccontiamo questa ridicola storia non certo per sostenere tesi innocentiste o meno, ma per far meglio comprendere l'intenzionalità di una condanna che è calata precisa e puntuale su compagni impegnati in prima persona e in prima fila nel sostegno alle lotte dei lavoratori e nella creazione di una prospettiva politica di classe più complessiva insieme a tutti gli altri compagni e compagne che a livello nazionale si stanno impegnando in questo progetto di ricomposizione dal basso di un fronte di classe.
Da qui la loro pericolosità politica che vogliono cosi colpire, ma questa vendetta e minaccia preventiva, indirizzata al provare a tenere fuori questi nostri compagni dai percorsi di lotta, fa parte di una "guerra a bassa intensità", con provvedimenti giudiziari a pioggia, dichiarata contro il movimento dei lavoratori della logistica e non solo, organizzati nel Sicobas, sempre più oggetto di un violento attacco repressivo e contro i movimenti d'opposizione reale che agiscono nei diversi settori di conflitto come lavoro, casa, e territorio e da questo punto di vista crediamo che il movimento No Tav abbia, in particolare, rappresentato un luogo di sperimentazione repressiva.

L'unica risposta possibile, che crediamo di dover dare a questo atto repressivo/intimidatorio, è quella di respingere la miserabile provocazione, incrementando il lavoro politico pratico e teorico e il sostegno alle lotte dei lavoratori nello sforzo di rendere possibile, con ogni mezzo necessario, la trasformazione rivoluzionaria della società capitalista in una società di liberi e di uguali senza più classi padroni e repressione.

i compagni e le compagne del Csa Vittoria

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Centro Sociale Autogestito Vittoria»

3253