il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Cantiere Italia

Cantiere Italia

(17 Novembre 2010) Enzo Apicella
Presentato il report Inail: gli omicidi sul lavoro nel 2009 sono stati 1021

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Altri 4 morti sul lavoro ieri: dal nord al sud continua la guerra degli sfruttatori contro i lavoratori

(22 Agosto 2018)

ambulanza morti 2

A Massa Carrara un portuale di 40 anni è rimasto schiacciato da un carrello elevatore, un altro di 33anni è rimasto folgorato nell'Aretino, un altro operaio di 62 anni è morto in seguito a una caduta dal tetto di un capannone industriale a Frosinone, un altro ancora travolto di un tubo ad alta pressione. Ad Aosta gravissimo operaio caduto da un'impalcatura

Ancora una volta si parla di quattro morti bianche per nascondere i morti del profitto e la brutalità del sistema capitalista di sfruttamento dell’uomo sull’uomo
Gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali sono sempre il risultato di un’intensificazione dello sfruttamento, di ritmi di lavoro inumani che provocano condizioni di vita e di lavoro insicuro in ambienti insalubri, senza adeguate protezioni per i lavoratori.

In mancanza di serie e certe sanzioni, molti datori di lavoro, che si arricchiscono attraverso lo sfruttamento degli esseri umani, quando si verificano infortuni mortali parlano dei morti sul lavoro come di “tragedie imprevedibili”, di errore umano, di disattenzione, di fatalità.
Le chiamano “morti bianche”, come se i lavoratori assassinati fossero morti per caso, senza responsabilità di nessuno, arrivando in alcuni casi a sostenere che la colpa degli infortuni sarebbe la causa della disattenzione degli operai stessi .
Secondo dati dell’Osservatorio Indipendente di Bologna, al 21 agosto si registrano 475 morti sui luoghi di lavoro dall’inizio dell’anno, cifra che va raddoppiata se aggiungiamo quelli in itinere.
In Italia ci sono più di 800 mila invalidi del lavoro e 130 mila sono le vedove e gli orfani causati da capitalisti che, pur di aumentare i profitti, non esitano a risparmiare anche pochi centesimi sulle misure di sicurezza rischiando, consapevolmente, di mandare a morte i lavoratori, ben consci che le leggi che tutelano la proprietà privata dei mezzi di produzione si limitano a monetizzare la salute e la vita umana degli sfruttati. In ogni caso, con la prescrizione, i loro delitti contro i lavoratori continueranno a essere impuniti.

Gli operai, i lavoratori nella democrazia borghese, sono solo merce forza lavoro da usare quando l’industria tira e da licenziare quando non servono più a valorizzare il capitale. Senza organizzazione gli operai in questa società non sono che carne da macello dei padroni
All’indignazione, alla rabbia, dobbiamo unire la mobilitazione nelle fabbriche, nei cantieri, nelle campagne, nei luoghi di lavoro, contro lo sfruttamento e i morti sul lavoro che evidenziano la realtà della contraddizione capitale/lavoro.

E’ ora di smettere di indignarci e passare all’azione. E’ ora di ricominciare a discutere come organizzarci come classe operaia con risposte unitarie alla barbarie capitalista.
Costruiamo momenti di discussione, organizzazione e lotte unitarie, partendo dai nostri interessi di classe a prescindere dalle sigle sindacali di appartenenza o politiche: basta lacrime, è il momento della lotta.

Centro di Iniziativa Proletaria “G. Tagarelli”

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli - Sesto San Giovanni»

2984