il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Stefano Gugliotta

Stefano Gugliotta

(11 Maggio 2010) Enzo Apicella
Dopo che le tv hanno trasmesso il video di Stefano Gugliotta che viene pestato immotivatamente dalla polizia e poi arrestato per "resistenza a pubblico ufficiale", il capo della polizia Manganelli "dispone una ispezione".

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Abolizione immediata dei "decreti sicurezza"!

(16 Settembre 2019)

scintilla

II 24 luglio scorso la Camera ha approvato la fiducia posta dal governo Conte sul cosiddetto “decreto sicurezza bis”. Pochi giorni dopo il Senato ha posto il sigillo sul testo facendolo divenire legge, promulgata da Mattarella con ipocriti “distinguo”.

Questo provvedimento è stato fortemente voluto dall’ex ministro di polizia, l’ultrareazionario Matteo Salvini, che a poche ore del voto di Montecitorio si era rifiutato di dare spiegazioni sui 65 milioni di fondi russi alla Lega, non presentandosi in Aula. Un magnifico esempio del carattere falso e ipocrita del parlamentarismo borghese.

Oltre agli effetti propagandistici, il "decreto sicurezza bis" ha un duplice scopo.

Da un lato, indurisce l’infame politica migratoria che ha contraddistinto il governo dei populisti. Si vieta l’ingresso in acque italiane, si chiudono i porti, si confiscano le navi, si militarizza il Mediterraneo, si intensificano la minaccia e la persecuzione dei volontari che salvano vite umane in mare. In tal modo si impedisce che i migranti, superstiti da traversate infernali e dai lager libici, siano soccorsi.

Ciò equivale a una condanna a morte per migliaia di oppressi che fuggono da guerre, miseria e regimi reazionari, e maggiori ricatti per chi riesce a sbarcare.

Dall’altro lato, il “decreto sicurezza bis”, introduce una serie di norme politico-giuridiche volte a restringere il diritto di manifestazione (facendo divenire reato con pene fino a 4 anni di galera l’accensione di fumogeni e l’uso di fazzoletti per non essere avvelenati dai gas lacrimogeni), e inasprendo le sanzioni penali per alcuni reati previsti dal Testo unico delle leggi di “pubblica sicurezza” approvato dal fascismo.

Con i decreti sicurezza 1 e 2 le forze di polizia godranno di maggiori tutele, al contrario dei manifestanti, che saranno più esposti alla violenza di Stato.

Sempre più misure e risorse sono messe in campo per reprimere i lavoratori, sempre meno misure e risorse per tutelarli.

Bersaglio della gestione populista dell’ ”ordine pubblico” sono le lotte di quei settori proletari e popolari che non piegano la testa e si preparano a riscendere in campo di fronte alle manovre governative e all’approfondirsi della crisi economica.

Si vuole scoraggiare e impedire la partecipazione più ampia delle masse alle manifestazioni, colpevolizzare gli organizzatori, creando condizioni migliori per le scellerate azioni di provocatori prezzolati.

Si punta a dividere, paralizzare e reprimere il proletariato, a sopprimere le sue libertà e gli spazi di agibilità politica e sindacale conquistati con decenni di dure lotte.

I capitalisti hanno tutto l’interesse ad appoggiare i “decreti sicurezza”, perché sanno bene che agiscono contro il proletariato, fiaccano la sua resistenza e disorganizzano la sua forza.

La lotta contro i “decreti sicurezza” - che hanno i loro antecedenti nei “decreti Minniti” - non è solo necessaria, è anche urgente, perché le loro norme, causano seri danni nelle file del proletariato, costringendolo ad arretrare e perdere diritti, a combattere con le mani legate, mentre l’attacco padronale si fa più duro e spietato.

Noi comunisti esigiamo la cancellazione immediata degli infami “decreti sicurezza” voluti da Salvini, non la loro “correzione” attraverso la modifica di qualche articolo.

Allo stesso tempo ci poniamo il problema di come lottare efficacemente nelle nuove condizioni, come contrastare l’applicazione delle misure liberticide che costituiscono un tassello della trasformazione reazionaria dello Stato borghese.

Una cosa è chiara: le misure reazionarie non si sconfiggono con gli appelli umanitari e non si possono affrontare continuando a lottare separati, oppure isolando la questione della repressione dai bisogni urgenti e vitali degli operai e degli altri lavoratori sfruttati, che entrano sempre più in urto con il capitalismo e il suo apparato di oppressione statale.

L’offensiva reazionaria si può battere solo con il fronte unico proletario di lotta, basato sulla difesa intransigente degli interessi della classe operaia, contro il capitalismo e la politica governativa di divisione antioperaia, contro le manovre dei capi sindacali collaborazionisti e opportunisti.

Questa è la via attraverso la quale possiamo sviluppare l’azione di classe e spezzare le unghie alla borghesia.

Lavorare per realizzare l’unità di lotta dei proletari per il pane, la libertà dei lavoratori e la pace, contro tutti i tentativi reazionari e riformisti di dividere la classe, significa lottare per l’unione dei gruppi comunisti e degli elementi di avanguardia della classe operaia in una sola Organizzazione comunista, in marcia verso il Partito indipendente e rivoluzionario del proletariato.

Da “Scintilla”, n. 101 – settembre 2019

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Piattaforma Comunista»

1992