il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Cardio Palma

Cardio Palm

(25 Febbraio 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

  • 11 Dicembre 2019 - Milano
    Guerra permanente e rivolta sociale
    Ruolo e presenza militare dell’Italia
    Libano, Iraq, Iran, Kurdistan e….

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Tunisia, sorprendono afflusso ed outsider

(16 Settembre 2019)

Kais Saïd

Kais Saïd

Doppia sorpresa nel primo passaggio elettorale delle presidenziali in Tunisia: l’astensione è risultata meno marcata di quanto la dichiarata disillusione politica della popolazione avrebbe fatto attendere. Così il 45% dell’elettorato recatosi ai seggi, controllatissimi da settantamila militari, è di molto inferiore al 64% registrato cinque anni fa, ma non sconfortante come l’ipotesi del 25-30% ventilata da alcuni sondaggi. L’altra sorpresa è il vincitore del turno selettivo: Kais Saïd, un sessantunenne professore di diritto costituzionale che occupava un posto nella fitta schiera di indipendenti e che ha messo in fila i più quotati candidati del regime recente e della nostalgia benalista Probabilmente è stato il voto giovanile a dargli fiducia e a darsi speranza in una nazione rimasta bloccata da anni. I ragazzi che non vogliono finire nella spirale della violenza jihadista, che in Tunisia recluta pagando il bisogno e la disperazione, e non hanno le migliaia di dollari per i viaggi degli scafisti sempre meno sicuri non solo per la tenuta in mare, ma per l’accoglienza sulle coste italiane e le collocazioni in Europa. Le due piaghe dello sradicamento sociale restano, ma chi ripone fiducia nel professore cerca altro. Il competitore con cui dovrà vedersela a metà ottobre, o forse a novembre perché non c’è ancora una data precisa del secondo turno, dovrebbe essere colui che i sondaggi davano per sicuro vincente: il tycoon Nabil Karoui. Ha ottenuto un 15,5% di preferenza, il 4% in meno di Saïd, mentre più staccato è l’uomo di Ennahda, Abdelfattah Mourou, con un consenso fra l’11 e il 12%. Il suo partito non s’è rassegnato, comunicando ufficialmente di attendere i risultati finali dalla Commissione elettorale, l’unica che ha il potere di verificare la correttezza delle schede scrutinate. Comunque i più penalizzati dal voto, viste le reciproche aspettative sono le due figure istituzionali: l’ex premier Chahed e l’ex ministro di Essebsi, Zbidi. Quest’ultimo, sicuro di un’affermazione, s’era spinto a preventivare una prossima riforma costituzionale per un ritorno al presidenzialismo dell’epoca di Ben Ali. E più d’uno fra i candidati accreditati aveva concesso strizzate d’occhio all’ex raìs, lodando sua era (sic). La mossa non ha avuto presa sull’elettorato. Però la stessa novità rappresentata da Saïd, tenutosi lontano dalle lusinghe dei partiti storici, non mostra una piani diversi concorrenti. Anch’egli appare imbalsamato nella conservazione di un’economia malata che non studia né lavora per percorsi alternativi. Perciò chi si sta appoggiando a questo candidato fuori dal coro, potrebbe scoprire scarse o nessuna novità, soprattutto di quelle prospettive socio-economiche che sono l’inestirpato tumore tunisino.
16 settembre 2019

articolo pubblicato su enricocampofreda.blogspot.com

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Paese arabo»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

2203